Home>xRegioni>Piemonte>Il biologico conquista il Piemonte: ecco le azioni concrete studiate per un mondo migliore
Piemonte Salute

Il biologico conquista il Piemonte: ecco le azioni concrete studiate per un mondo migliore

di Monica Brunettini e Silvia Ponzio

Mangiare e vivere sano è un desiderio sempre più condiviso ed è diventato sempre più una necessità. Lo sapevate che gli Italiani sono tra i più longevi del mondo? La nostra speranza di vita media è stimata intorno agli 83,4 anni. Una buona notizia, è vero, peccato che “invecchiamo male”. A dirlo sono i dati comunicati dal XVI Rapporto Osservasalute, un progetto dell’Università Cattolica di Roma. Il motivo? Uno stile di vita non proprio salutare, soprattutto a tavola. «Sei quello che mangi», insomma: una frase che ripetiamo spesso, ma alla quale forse non diamo la giusta importanza. Il cibo “genuino”– quindi biologico – in pratica non solo ci salva la vita, ma ci fa anche invecchiare in salute.

Gruppo di acquisto collettivo “il mondo migliore”

Ben vengano, allora, iniziative come quelle del Piemonte capitanate da Mauro Carlin – Referente Regionale Agricoltura – che, come ci spiega il Segretario Regionale Renzo Rosso, hanno realizzato una nuova piattaforma – con il Patrocinio del COEMM e dell’Associazione CLEMM Piemonteper acquistare e mettere in contatto produttori e consumatori che desiderano prodotti alimentari che rispettino il mondo e il valore della persona.

Qual è la “mission” di questa bio-iniziativa?

Siamo nati per portare sulle tavole dei nostri associati cibi sani e genuini ottenuti da un’agricoltura naturale, amica delle persone e dell’ambiente. Promuoviamo l’alimentazione sana, sosteniamo la buona agricoltura, vogliamo far dialogare agricoltori e soci, portare la campagna nelle case degli associati e gli associati nelle fattorie alla riscoperta del mondo buono che ci nutre.

Per offrire ai soci il miglior servizio possibile precisiamo che non vendiamo prodotti agricoli, ma offriamo ai soci la possibilità di acquistare cibi sani e genuini a condizioni convenienti presso realtà organizzate per la vendita online. Per ora l’area coperta è Torino e paesi limitrofi, ma intendiamo estendere questo servizio a tutta la provincia di Torino e all’intero Piemonte. Fate squadra con noi: il Mondo Migliore – in tutti i sensi – comincia dalle azioni concrete. Sono attive anche collaborazioni per la distribuzione della merce in modo che questa avvenga in modo veloce e capillare.

Differenza tra biologico e biodinamico

prodotti biologici
Attenzione: “noi siamo quello che mangiamo”.

Il biologico e il biodinamico si stanno diffondendo sempre di più, ma sono necessari controlli a campione per verificare l’effettiva conformità di tali produzioni. Le figure professionali come l’agrotecnico, quale il Responsabile Regionale Agricoltura Mauro Carlin, ci possono aiutare ad accedere a prodotti migliori. Scopriamo, intanto, qual è la differenza di base tra biologico e biodinamico per fare un po’ di chiarezza su questo argomento che, forse, non tutti conoscono. E non va dimenticato che noi siamo anche quello che mangiamo e attenzione al cibo significa attenzione alla nostra salute.

I prodotti biodinamici e quelli biologici hanno in comune l’uso di soli prodotti naturali e di nessuna sostanza chimica di sintesi, e sono sottoposti allo stesso regime di controllo e certificazione.

I prodotti biologici provengono da coltivazioni non trattate chimicamente e non manipolate geneticamente. L’agricoltura biodinamica, rispetto a quella biologica, utilizza le stesse tecniche, ma ne aggiunge altre che derivano dagli insegnamenti di Rudolf Steiner (1861-1902) e ormai ampiamente sperimentate. Un’azienda che pratica l’agricoltura biodinamica, nello specifico, è considerata un organismo vivente, dove la produzione vegetale si integra con l’allevamento che fornisce il concime per le coltivazioni. Tiene conto, inoltre, dei cicli astronomici e lunari. Il terreno è trattato come se fosse un laboratorio, “dinamizzato” con sostanze naturali e letame, per incrementare le sue caratteristiche naturali.

Un’idea da imitare, non trovate? Chi volesse maggiori informazioni può visitate il sito www.ilmondomiglioregac.it.

La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di blogger che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore) – Info: http://www.coemm.org
Facebook: http://facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/
YouTube: http://youtube.com/channel/UCPeEGg5tKdoyOPK–mGE5Yg

Condividi su:
Silvia Ponzio
Giornalista Professionista freelance. Referente Regionale Blogger del Piemonte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *