Home>xRegioni>Nazionale>Coronavirus, si ferma anche la serie A
Nazionale Sport

Coronavirus, si ferma anche la serie A

“Sospendere tutte le manifestazioni sportive di ogni grado e disciplina previste nelle Regioni Lombardia e Veneto per la giornata di domenica 23 febbraio 2020”. Con questa indicazione, contenuta in una lettera inviata al Presidente del Coni Giovanni Malago’, il Governo per  mano del ministro delle politiche giovanili e sport Vincenzo Spadafora, ha bloccato lo sport in Lombardia e Veneto per la giornata di domenica 23 febbraio. Saltano, in serie A Inter-Sampdoria, Atalanta-Sassuolo e Verona-Cagliari, mentre in serie C, nel girone A Giana-Como e Lecco-Pro Patria, mentre nel girone B Arzignano-Padova e Feralpisalo’-Carpi. Prudenza, rispetto della tutela della salute, stretto contatto con le autorita’ preposte
alla gestione del coronavirus. Il mondo dello sport si mostra sensibile e collaborativo rispetto al problema che da ieri ha messo in grande allarme il Paese e si ferma li’ dove c’e’ richiesta di farlo. Alcune zone di Lombardia, Veneto e Piemonte stanno vivendo ore di grande angoscia e per questo anche lo sport fa la propria parte per evitare che il virus possa diffondersi. “Siamo sul pezzo 24 ore su 24” le parole del ministro Spadafora. Al fianco delle autorita’, in particolare del Ministero della Salute, c’e’ la Federazione medico sportiva italiana, che con il suo Presidente Maurizio Casasco ha garantito di stare al fianco del dicastero guidato dal ministro Speranza. “La FMSI scende in campo a fianco delle istituzioni per contribuire ad assicurare una gestione ottimale dell’emergenza da Coronavirus, attraverso adeguati livelli di attenzione e prevenzione nei campi di gara e di allenamento, invitando al tempo stesso a evitare allarmismi o panico che possono derivare
dall’attuale situazione emergenziale”. L’intervento della Fmsi mette in campo anche un “vademecum di norme igienico-sanitarie, da osservarsi in gara e in allenamento sia negli spogliatoi, sia nei locali comuni e nei servizi igienici degli impianti, atte a evitare la diffusione di ogni tipo contagio”, attenzionando sul tema i 4.500 medici sportivi italiani e radunando per martedi’ tutti i medici delle federazioni per la condivisione di queste indicazioni. Di lavoro accanto alle istituzioni ha parlato il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli. “Stiamo in stretto collegamento con le autorita’ preposte. Non sottovalutiamo nulla e non dobbiamo essere superficiali, nello stesso tempo dobbiamo aver nervi saldi perche’ non possiamo essere l’amplificazione delle paure” ha detto all’Italpress il numero uno della serie C. “Il ruolo che il calcio ha e la prima cosa da fare e’ che le istituzioni si coordino ed ognuno faccia il suo lavoro. Il nostro e’ di lavorare a stretto contatto con le autorita’ e fare presente eventuali segnalazioni delle societa’. Serve grande attenzione, stare sul pezzo, avere nervi saldi e mettere in campo un grande coordinamento, almeno su questo occorre lavorare a sistema”.
Il presidente della Lega nazionale dilletanti, Cosimo Sibilia, da parte sua, parla all’Italpress di massima priorita’ in riferimento alla tutela della salute dei propri tesserati. “Come LND
stiamo monitorando costantemente la situazione, in collegamento con le autorita’ preposte, mettendo le nostre strutture a disposizione ed informando tempestivamente le societa’ dei
territori coinvolti”.
(ITALPRESS).

https://www.italpress.com/coronavirus-si-ferma-anche-la-serie-a/

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *