Home>Blog>Cronaca>UNA FAMIGLIA NON PERFETTA MA VERA
Cronaca

UNA FAMIGLIA NON PERFETTA MA VERA

 

UNA FAMIGLIA NON PERFETTA MA VERA

Non c’e’ posto per loro nell’albergo.

Lei e’ incinta, il marito che l’accompagna.

Trovano pero’ una stalla, con degli animali che riscaldano.

Un ambiente povero, essenziale, ma che salva la vita di quelle creature.
Quasi cinquant’anni di case famiglia sparse su tutto il territorio nazionale italiano ma ormai anche nelle varie culture del mondo: africa, asiatica, latina americana, europea.
Un ambiente familiare, caldo, capace di riparare dal freddo di tante solitudini: bambini con gravi handicap lasciati negli ospedali senza un papà ed una mamma, giovani abbandonati alle varie droghe di turno che sballano la loro rabbia, ragazze minorenni straniere rese schiave da famelici uomini per bene, anziani parcheggiati nei ricoveri, immigrati rifiutati da tutti.
La casa famiglia della Comunita’ Papa Giovanni XXIII non e’ perfetta, ma vera, autentica, significativa.

Un luogo dove si costruiscono relazioni che generano vita, speranza, opportunita’.

Dove insieme si cresce nell’attenzione e nel rispetto, nell’aiuto reciproco e nella misericordia.

DIO HA VOLUTO FARSI UNO DI NOI E HA POSTO LA SUA TENDA IN UNA FAMIGLIA, dove Gesù ha trovato una mamma e un padre putativo, in carne ed ossa.
Non c’era posto per loro. Nelle case famiglia c’e’ sempre posto, perche’ se mi stringo apro il cuore all’altro.
Un luogo a cui accorrono molti, come alla fontana del villaggio, per una parola di conforto, un po’ di pane, qualche vestito, per aiutare o per essere aiutati, per venire a vivere per un periodo, o come luogo abituale.
Là dove regna l’Amore anche un po’ di imprevidibilità rende più generosi.
Come i genitori di Gesu’ che non hanno maledetto le difficoltà, ma le hanno affrontate con generosità e pazienza, le figure paterna e materna delle case famiglia sanno adattarsi ai poveri che bussano alla porta, sapendo che in loro e’ presente Gesu’.
Come i pastori e i magi riconoscono il Messia, loro riconoscono in quel povero, quel bambino, IL PRINCIPE DELLA PACE, che dimostrerà sulla croce la sua regalità.
Meraviglia del Natale che ci commuove sempre. Che bello portare i nostri piccoli, i bambini a Natale in chiesa per fare festa a Gesu’ che viene.


Che meraviglia aprire la porta della nostra famiglia a chi e’ nel bisogno.
CHE VOGLIA DI SEMPLICITA’! AUTENTICITA’, CONDIVISIONE CON I PIU’ POVERI.
Ecco il Natale cristiano che incontriamo nelle case famiglia e in ogni luogo dove non si lascia più soffrire nessuno da solo.

Fonte:

l’editoriale di Giovanni Ramonda
Mensile SEMPRE fondato da Don Oreste Benzi

Foto : Pixabay

La buona comunicazione è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)

Per Info:
http://coemm.org
http://facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage

Condividi su:
Luciana Pomposo
Sono una persona solare, amo la musica e tutto quello che riguarda il fai da te, scrivo racconti per bambini, la buona comunicazione e' il mio motto! Felice di esserci.

One thought on “UNA FAMIGLIA NON PERFETTA MA VERA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *