Home>Blog>Cronaca>IO SO CHI TU SEI!
Cronaca

IO SO CHI TU SEI!

Quando siamo stati creati non esisteva la sofferenza, quindi la malattia…psichica, fisica e spirituale. Il colpevole non è
Dio, noi a volte diciamo…..perché Dio permette questo?

Se le malattie e la morte vengono dal peccato, non in maniera diretta, ma provengono da ciò! Faccio un esempio: se io pecco

non muoio, ma le malattie nel mondo aumenteranno. La facilità di malattie psichiche di tutti i tipi aumenteranno, perché?

Perché la cosa è logica.Noi siamo uomini e donne, il nostro corpo, la nostra psiche, la nostra anima è stata fatta per

amare Dio e i nostri fratelli, e voi pensate che le vostre cellule siano contenti quando non amate i vostri fratelli?

Queste cellule, la psiche è stata creata per amare non per odiare, non per essere gelosa, non per essere orgogliosa.

Allora lei stessa si ribella a voi, sarà lei stessa a condannarvi e a condannarmi quando non faccio quello per cui

sono stato creato. Se a una macchina che va a diesel ci metti

la benzina ti lascia a piedi, non è colpa della macchina e neanche di Dio, e’ colpa mia che invece di metterci il diesel

ci ho messo la benzina, o no? Se io vado ad AMORE e ci metto l’odio e’ logico che la mia macchina non funziona bene,

ma non è colpa di Dio, la colpa è nostra.

Il problema della fame nel mondo, tutti i problemi che abbiamo
nel mondo, e’ dovuto all ‘egoismo, se ci spartissimo le

cose……la colpa è degli altri? No la colpa parte da me, la colpa è mia.

È’ colpa mia quando ieri ho maledetto quella persona, e’ colpa
mia quando non ho avuto voglia di aiutare una persona, questi

sono i peccati, perché vi dico questo cari fratelli e sorelle, noi siamo UNITI tra di noi, noi formiamo un unico corpo, così

ci dice Gesù. Il male che faccio io arriva anche a te, il male che fai tu arriva anche a me, in termini di…malattie, morte,

sofferenza. Avete capito perché Dio e’ venuto principalmente per toglierci il peccato? Perché l’unica maniera per guarirci

davvero dalle malattie e dal peccato, esempio, una persona

che non mangia…chiede a Dio ” Signore fammi vivere senza mangiare! Lo può fare Dio? Si lo può fare perché lo ha

fatto con alcuni Santi, ma lo farà con lui? Difficilmente
lo farà, perché la via ordinaria è un’altra, mangia e

vivrai, perché non devi mangiare se puoi farlo e chiedere

un miracolo a Dio. Così siamo noi quando chiediamo la

guarigione delle malattie e non dal peccato, chiedo di

essere guarito a livello superficiale ma non a livello

interno. Chi va a togliere il peccato dal mondo che produce quelle malattie?

Allora siamo un po’ come coloro che vanno a colorare di bianco un muro pieno di muffa. Togli la muffa prima…no?

Non si fa così? Prima pulisci bene, fai tutto un lavoro, mettici il materiale isolante, poi intonaco tutto, solo dopo

ci metti il colore! Invece noi vogliamo buttare giu’ subito
il colore, perché si fa molto prima così.

L’uomo vuole risolvere tutti i problemi così. Ma capite che se
dipendesse da noi…ma non dipende da me, io non posso

decidere perché sono stato creato da un altro, chi mi ha
fabbricato non è la Fiat, capite, che conosce le sue macchine,

io sono stato costruito da Dio, funziono in una certa maniera.
Se non mi rispetto, io non posso cambiare le regole con cui

sono stato costruito, posso solo scoprirle, e quando le ho
scoperte allora cerco di stare bene.

Volete sapere se siete liberi? Sei libero di dire a tua moglie
“Ti voglio bene?” Diglielo! Sei libero di dire a tuo marito ti

voglio bene? Diglielo! A tuo figlio, sei libero? Digli ti voglio bene!

Sei libero di dire scusa…ho sbagliato, di dire “perdonami”….

Vedete che non siamo liberi? Quante volte durante la giornata
siamo capaci di dire “scusa”, “perdonami”.

Da dove viene questa mancanza di libertà? Non è una schiavitu’
questa? Capite allora che questa frase…di questo spirito

impuro che comincio a gridare…. …che vuoi da noi Gesù Nazareno, sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei, il

” Santo di Dio”, e Gesù lo rimproverò severamente…Taci!

Esci da lui! La sua fama si diffuse subito su tutta la

regione della Galilea, e noi quante volte abbiamo chiesto

a Dio…a Gesù ….Signore liberami!
Noi non lo facciamo! Non chiedo perdono, non dico ti voglio

bene, non dico grazie, non chiedo neanche di essere liberato,
non chiedo,neanche a Gesù che mi liberi, anzi penso di

essere furbo..e invece sono schiavo, e questa è solo una
piccola parte della schiavitu’ dell’uomo, ce ne sono tante

altre, queste sono quelle normali e noi ci riteniamo persino furbi, bravi e intelligenti. Allora inginocchiamoci a Gesù e se

ci vergogniamo di farlo davanti agli altri facciamolo da soli, ma facciamolo, inginocchiamoci e diciamo: Signore Gesù nel

tuo amore, per il tuo prezioso sangue….LIBERAMI! Non sono capace di dire “scusa”, non sono capace di dire “perdonami”,

non sono capace di dire ” ho sbagliato”, non sono capace di amare, sto sempre a pensare a me stesso….LIBERAMI!


Facciamolo, facciamolo ogni giorno e vedremo cosa succederà. Sia lodato Gesù Cristo

Fonte:
Fra Riccardo Comunità Francescana di Betania Terlizzi

Con immensa gratitudine!

Lucia Pomposo CFP Dedicato Spoltore 6 Pescara

Ref.Regionale Abruzzo T.I.Risveglio

Condividi su:
Luciana Pomposo
Sono una persona solare, amo la musica e tutto quello che riguarda il fai da te, scrivo racconti per bambini, la buona comunicazione e' il mio motto! Felice di esserci.