Home>xRegioni>Lazio>La funzione del Blog all'interno del Progetto COEMM
Lazio

La funzione del Blog all'interno del Progetto COEMM


Sono una blogger da circa 15 anni e il blog per me è una sorta di nicchia specifica di informazione visibile al mondo.
In questo periodo grazie al nostro progetto COEMM, persone che non sono blogger professionisti, ma che sono innamorati del progetto COEMM, hanno deciso di mettersi alla tastiera per divulgare le idee, la filosofia, la forma pensiero-azione che stiamo mettendo in opera.
Ora, una carissima amica, madre di famiglia, che adora il progetto, e come lei ce ne potrebbero essere tante, mi chiede:” Bello, vorrei farlo, ma cosa ci scrivo?”
Semplice amica mia, il blog è uno spazio nel cyberspazio, il TUO spazio… un po’ come facebook, ma con una finaltà più specifica: non racconti la tua vita per condividerla con gli amici fb, racconti ciò che vuoi che il mondo sappia, in questo caso con una finalità superiore: dimostrare nei fatti che un altro mondo è possibile, un MONDO MIGLIORE, a misura di essere umano.
Ad esempio che una madre di famiglia, per come è strutturata la società attuale e il lavoro, sia costretta a tornare a timbrare il cartellino, perchè lo Stato non gli permette di crescere le proprie creature, perchè senza stipendio non si mangia, mentre il Progetto COEMM prevede che TUTTI possano accedere ad un DIRITTO DI DIGNITA’, prima di tutto per crescere i propri piccoli, accudendoli con quell’Amore infinito e quella presenza, che un lavoro a tempo pieno non permette.
Questo e altre mille cose che vogliamo fare insieme scriveremo nei nostri blog, ciascuno con la sua sensibilità, ciascuno per quell’aspetto in cui sta cambiando la qualità della propria vita.
Quindi, amica carissima, quando aprirai il blog, potrai raccontare, quando vorrai, ma anche una sola volta al mese, non ha importantza, la tua vita attuale e man mano che il Progetto prende forma, come la tua qualità di vita cambia, le iniziative che si svolgono, che portiamo avanti tutti insieme.
Alla prossima!

 

Condividi su: