Home>Blog>Cultura>Lo Stato che vorrei 9/11: una Repubblica democratica fondata sul VALORE UMANO
Cultura

Lo Stato che vorrei 9/11: una Repubblica democratica fondata sul VALORE UMANO

 

 

 

LA MONETA È VALORE?

A CURA DI : Rodolfo Spirandelli

Per un Nuovo Umanesimo

Devo ammettere che per assimilare i concetti che esprime Nino Galloni ci vuole un po’ di tempo e, diciamolo pure, anche un po’ di studio… ma, a forza di sentire e risentire le sue conferenze, finalmente ho capito anch’io (almeno credo…), un concetto fondamentale di economia: LA MONETA E I SOLDI NON SONO LA STESSA COSA.
Purtroppo l’equivoco nasce dal fatto che utilizziamo la stessa parola per definire due concetti apparentemente simili, ma completamente diversi (“so’ avulsi!”, direbbe il nostro Verdone nazionale).
Mi spiego meglio. Quando parliamo di MONETA, pensiamo subito ai SOLDI, cioè alle monete vere e proprie e alle banconote, giusto?
MA NON È COSÌ: i soldi sono MEZZI DI PAGAMENTO, mentre la MONETA è il VALORE CHE ESSI RAPPRESENTANO!
Facciamo un esempio concreto: se Leonardo e Michelangelo (per citare una coppia di italiani famosi, tanto per cambiare…), non avessero avuto un Mecenate che comprasse loro colori e pennelli, avremmo mai avuto tanti capolavori?
Seconda domanda: in cosa consiste il VALORE di queste (e tante altre), opere?
A) nei soldi del Mecenate;
B) nei colori e pennelli comprati dal Mecenate;
C) nell’estro irripetibile dell’Artista.
Se hai risposto A, sei un arido banchiere;
Se hai risposto B, sei un irrecuperabile liberista; Se hai risposto C, sei sulla buona strada…
Battute a parte, penso che sia abbastanza chiaro che il Valore non sta nelle “COSE” in se stesse (alle quali attribuiamo, appunto, un “VALORE DI MERCATO”, cioè le MONETIZZIAMO solo per poterle scambiare con altre cose), ma nella “CAPACITÀ PRODUTTIVA” dell’Uomo…
Però, siccome non siamo tutti Leonardo o Michelangelo, facciamo un esempio più semplice.
Un artigiano con un po’ di creta realizza un vaso, lo colora, lo porta al mercato e lo vende… supponiamo per 10 euro.Questi 10 euro sono i MEZZI DI PAGAMENTO che l’artigiano ha ricevuto e con i quali può comprarsi da mangiare o altre materie prime per il suo lavoro, ma IL VALORE STA NELLA SUA CAPACITÀ PRODUTTIVA, che gli ha permesso di realizzare il vaso.

Proviamo a fare il ragionamento inverso. La persona che ha comprato il vaso aveva due
alternative: farselo da solo (se ne era capace), o cercare un artigiano… Per trasformare i 10 euro in un vaso, quindi, ci vuole la CAPACITÀ PRODUTTIVA dell’artigiano… Siamo d’accordo che il Valore non sta nei soldi?
Da qui possiamo evidenziare un altro grande principio:
LA MONETA È ILLIMITATA, perché risiede nel VALORE UMANO, cioè nella CAPACITÀ
PRODUTTIVA del lavoratore (sia esso contadino, operaio, artigiano,professionista,
artista…).
Quindi quello che scarseggia sono i soldi, cioè I MEZZI DI PAGAMENTO.
Ma i mezzi di pagamento sono soltanto una CONVENZIONE, basata sulla fiducia…
vi ricordate LA CAMBIALE, tanto in voga negli anni ’60 – ’70?
Era una sorta di MONETA FIDUCIARIA, cioè un semplice pezzo di carta con una “promessa di pagamento” che, a pagamento avvenuto, cessava la sua funzione.
Ora facciamo un altro passetto avanti: se il vaso di cui sopra, invece che in Euro ce lo
pagassero in un’altra valuta, per esempio… un BIGLIETTO DI STATO a corso legale, quale sarebbe la differenza?
Eh… Beh! Farebbe una GRANDE squadraDIFFERENZA!
Perché lo Stato italiano, come tutti gli altri Stati europei, NON HA MAI PERSO LA
SOVRANITÀ MONETARIA (semplicemente non la applica…), e PUÒ STAMPARE TUTTI I SOLDI CHE VUOLE, SENZA CONTRAVVENIRE AD ALCUN TRATTATO
INTERNAZIONALE! Tra l’altro sia la Germania che il Belgio e la Finlandia già lo fanno… ma ANCHE L’ITALIA, udite udite, HA CONIATO UNA MONETA DA 10 EURO! È solo per i collezionisti, ma ha comunque corso legale in Italia…
Torniamo un attimo al Valore della Moneta: se è vero che il suo VALORE è dato dalla
capacità produttiva, QUANTO VALORE INUTILIZZATO ABBIAMO NELLA MASSA DI
DISOCCUPATI che si dibatte nelle difficoltà economiche?
Capite che IL PROBLEMA NON SONO GLI IMMIGRATI, come alcuni vorrebbero farci
credere, che ci portano via il lavoro?
Se decidessimo veramente di:
– mettere in sicurezza il territorio, da Bolzano a Capo Passero;
– ricostruire finalmente le città terremotate;
– riportare l’agricoltura al biologico vero;
– assumere milioni di giovani laureati;
– ridurre a 4 ore la giornata lavorativa;
– eccetera, eccetera…
IL LAVORO C’È, PER TUTTI, IMMIGRATI (REGOLARI) COMPRESI!
E LO STATO ITALIANO PUÒ STAMPARE TUTTI I SOLDI CHE VUOLE, PERCHÉ IL
VALORE STA NELLE BRACCIA DEI LAVORATORI NON SUI PEZZI DI CARTA
COLORATA.
Ma, potrebbe dire qualcuno, se è così semplice, perché non l’hanno ancora fatto?
Perché negli ultimi trent’anni, I NOSTRI GOVERNANTI DELL’UNA E DELL’ALTRA SPONDA (senza ironia alcuna…), di tutto si sono occupati tranne che del bene della Nazione e, come dice un mio amico avvocato, O SONO INCOMPETENTI O SONO IN MALAFEDE.
E perché ci ritroviamo una simile classe politica? Ma è semplice, per tre motivi fondamentali:
1. Perché li abbiamo eletti noi (o LI ABBIAMO LASCIATI ELEGGERE DA CHI È ANDATO A VOTARE);

2. Perché I POLITICI SONO LO SPECCHIO DELLA NAZIONE e quindi, se vogliamo politici migliori, dobbiamo cominciare a migliorare noi stessi a livello individuale o, quantomeno, ad essere più consapevoli e altruisti;
3. Perché ci piace lamentarci ma, in fondo in fondo, ci basta ridere alle battute di Crozza che prende in giro certi politici, o a quelle del vero finto politico Cetto Laqualunque.
Perciò, prima di votare un partito, leggiamo bene il programma e se non c’è traccia di COME FINANZIARE LE PROMESSE ELETTORALI (che per definizione sono, e restano, appunto promesse), vuol dire che stanno semplicemente cercando di rimanere a galla per spartirsi la torta.

P.V.U. Partito Valore Umano

INFO :

https://blogcq24.net/mira/blog/politica/programma-del-pvu-partito-valore-umano-gli-11-punti-chiave/

 

Davide Destro

La buona comunicazione: è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore) Info:

http://www.coemm.org

 

https://www.facebook.co/COEMMeCLEMMOfficialPage

 

https://www.youtube.com/channel/UCPeEGg5tKdoyOPK–mGE5Y

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *