Home>Blog>Cronaca>Festa dei lavoratori, perché si Festeggia proprio il Primo di Maggio?
Cronaca

Festa dei lavoratori, perché si Festeggia proprio il Primo di Maggio?

Primo Maggio: scampagnate, barbecue, amici, brindisi, concertoni, feste, vacanza! Già perché non si lavora ed è il giorno di festa?! L’ origine parte parte da una giornata di lotta condivisa internazionalmente dai lavoratori desiderosi di affermare i propri diritti senza condizionamenti sociali o geografici, con l’obiettivo di migliore la propria condizione lavorativa e di auspicare al progresso sociale.

Il Primo maggio 1867 veniva introdotta nello Stato USA dell’Illinois una legge che introduceva per la prima volta nella storia la giornata lavorativa di otto ore. Alla dura opposizione di tanti imprenditori, le vie di Chicago furono invase da 10mila operai che sfilarono per quelle otto ore tanto desiderate. Fino a quel momento, infatti, gli operai lavoravano anche 12 ore al giorno, in condizioni davvero drastiche. la rivoluzione che avevano chiesto per anni – quella dei “tre otto”, otto ore di lavoro, otto di svago e otto per dormire – era finalmente arrivata. Una ventina di anni dopo, il 1° maggio 1886, sempre a Chicago migliaia di operi protestarono contro i ritmi massacranti di lavoro nelle fabbriche. La situazione, però, degnerò in poco tempo: la polizia sparò su più manifestanti, scoppiò una bomba durante un comizio operaio, altri furono impiccati e passarono alla storia come i “Martiri di Chicago”. Dal primo maggio 1890 la Festa del Lavoro esiste per commemorare quanto accaduto a Chicago, simbolo di un cambiamento che il mondo desiderava ma che faceva fatica ad arrivare.

In Italia le otto ore arrivarono soltanto nel 1919 e la Festa del Lavoro fu addirittura soppressa durante il regime fascista, e ritornerà ufficialmente solo con la proclamazione della Repubblica.

 

Quindi, tra un Brindisi e l’ altro, facciamoci gli auguri, ma ricordiamoci anche del sacrificio di operai che hanno lottato per migliorare le condizioni di vita, e che grazie a loro oggi il nostro lavoro ( per chi lo ha), è tutelato dalla legge e sopratutto dalla Costituzione Italiana!!!

Buon Primo Maggio e ci leggiamo alla prossima!!!!

John Fernando D ‘ Ottavio

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *