Home>arte>ARRIVA A ROMA “STORIE DI FERRO”: LA FOLLIA DI ESSERE ARTISTA
arte Cultura

ARRIVA A ROMA “STORIE DI FERRO”: LA FOLLIA DI ESSERE ARTISTA

È possibile oggi essere artista e vivere appartati in mezzo a un bosco, lontano dai circuiti di mercato? Così ha fatto Giorgio Ronca, guadagnandosi l’epiteto de il pazzo“Storie di ferro”, documentario di Nicola Di Lecce e Rossella Lamina, racconta l’universo unico e multiforme di questo scultore, fabbro provetto, nonché autore di racconti.

Giorgio Ronca è un artista profondamente radicato nella sua terra d’origine: quel “triangolo benedetto” d’Italia che si estende fra Lazio, Umbria e Toscana e che racchiude meraviglie di arte e storia in paesaggi sospesi nel tempo.

Scopriamo le sue opere, di essenza del tutto contemporanea ma eredi di una lunga tradizione italiana, dove l’arte si imparava “a bottega” e dove artisti e artigiani erano due incarnazioni della stessa pratica. Una pratica esigente, che impone padronanza tecnica, tenacia e visione, di cui Giorgio Ronca è “follemente” maestro: uno storyteller di metallo e di parole.

La realizzazione del documentario ha preso forma grazie alla nascita di un rapporto personale e continuativo fra gli autori e l’artista, rapporto che si è snodato nel tempo consentendo la distensione necessaria all’approfondimento dei temi.

“Storie di ferro” (60 min.) è stato prodotto dall’associazione Mondi Visuali e realizzato grazie al patrocinio del Comune di Acquapendente (VT). Le musiche del film sono state realizzate da due giovani compositrici: Federica Principi e Irene Betti. In allegato le biografie degli autori.

La proiezione si terrà il prossimo 29 novembre al MACRO ASILO di Roma, Sala Cinema, alle ore 18.00. Saranno presenti gli autori e l’artista Giorgio Ronca, che al termine del film risponderanno alle eventuali domande del pubblico.

Sarà inoltre possibile vedere da vicino alcune delle sculture realizzate dall’artista.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *