Uomini e Donne Storie

Sette dì: Sorella Morte

<<Laudato si’ mi’ Signore per sora nostra morte corporale, da la quale nullu homo vivente pò skappare>>. (Dal Cantico delle Creature di San Francesco) Questa settimana, la cosa che ci ha colpito di più, è stata sicuramente una telefonata che abbiamo ricevuto da uno dei tanti amici che il progetto Coemm, ci ha regalato in tutta la penisola, isole comprese e anche dall’estero. Salvatore è un arzillo novantaquattrenne, che vive
Uomini e Donne Storie

Paroliamo: Mi vendo…

«Mi vendo, un'altra identità, ti do quello che il mondo, distratto non ti dà». (Renato zero) “Ciao Daniele ci diamo del tu? Vorrei proporti una cosa e sono convinto che tu sei la persona adatta per questo ruolo fondamentale”. Due anni fa ricevevo una telefonata da un "grande Referente" del progetto per un Mondo Migliore, che avevo conosciuto attraverso le pagine social di Coemm e che oggi è invece volato
Uomini e Donne Storie

Il Pungolo… Segno?

“Ciò che si deve fare è dare l'opportunità alle persone di uscire dalla condizione di grande povertà nella quale versano con le loro forze. In tal modo esse conservano la loro dignità e acquistano fiducia in sé stesse”. (Muhammad Yunus) Al 1051 di via San Donato, nell’omonima località dove sono cresciuto in provincia di Lucca, oggi c’è una bella palazzina ristrutturata, con due porte che danno sulla via principale del
Uomini e Donne Storie

Sette dì: Un progetto per l’Uomo o uomini da progetto?

“C'è una gioia nei boschi inesplorati, c'è un'estasi sulla spiaggia solitaria, c'è vita dove nessuno arriva vicino al mare profondo e c'è musica nel suo boato. Io non amo l'uomo di meno, ma la Natura di più.” (George Byron) Come avrete notato per diversi giorni non ho potuto pubblicare sul blog, a causa di un serio problema con il pc che non ho ancora risolto. Questo fine settimana grazie ad
Uomini e Donne Storie

Fatti non foste… Piazza Grande

“Santi che pagano il mio pranzo non ce n'è, sulle panchine in Piazza Grande”. Se vi capita di recarvi a Bologna potreste incappare nella famosa panchina sulla quale, in piazza Maggiore o per meglio dire, come la chiamava lui, in “Piazza Grande”, si sedeva ad ammirare la sua città, a pochi passi da casa sua. Oggi una statua a grandezza naturale ricorda quelle soste di Lucio Dalla e chissà, se
Uomini e Donne Storie

Buona Domenica a… Buon “Compleanno” Maurizio

“<<Mi piacerebbe farle leggere il libro se le va>> <<Grazie. Si. Maurizio Sarlo>>”. Era esattamente tre anni fa, quando inviavo questo messaggio a Maurizio Sarlo, al quale poco dopo lui rispondeva in modo amichevole. Dopo avere toccato il punto più basso della mia vita, grazie al libro “Bolle di affanno”, con il quale raccontavo la mia assurda vicenda, tentavo in quei giorni di ritornare alla vita, riaffacciandomi anche al mondo
Uomini e Donne Storie

Paroliamo: Coemm in Divenire

«Dice Eraclito "che tutto si muove e nulla sta fermo" e confrontando gli esseri alla corrente di un fiume, dice che "non potresti entrare due volte nello stesso fiume"». (Socrate nel Cratilio) In questi giorni, sono incappato in alcuni messaggi di ex referenti del progetto, i quali, dopo avere dichiarato di avere abbandonato il progetto, continuamente tirano in ballo il progetto stesso e soprattutto il suo fondatore, allo scopo probabilmente
Uomini e Donne Storie

 Eticrazia…  Quasi amici

“Ed io preferisco essere un uomo di paradossi, che un uomo di pregiudizi”. (Jean Jacques Rousseau) Effettivamente io credo di riconoscermi come uomo del paradosso, ma cosa significa poi davvero questa parola? Deriva dal greco παρά (contro) e δόξα (opinione) e descrive un fatto che contraddice l'opinione comune o l'esperienza quotidiana, riuscendo perciò sorprendente, straordinaria o bizzarra. Sicuramente molti di voi in questi anni, hanno cercato di comprendere il motivo
Uomini e Donne Storie

Sette dì: Sussi e Biribissi

<<Guarda, prima che di subire un furto in casa, preferirei le corna.>> Per parlare della cosa che mi ha colpito di più in questi ultimi sette giorni, devo fare un salto indietro di trentacinque anni, quando da giovane fidanzato, frequentavo una coppia di amici che, se fossero nati a Firenze, probabilmente si sarebbero sentiti dire: "Vu mi sembrahe Sussi e Biribissi!”. Sussi e Biribissi sono due personaggi nati dalla fantasia