Home>Blog>Cronaca>Per Aspera ad Astra: “Il Valore sbagliato”.
Cronaca

Per Aspera ad Astra: “Il Valore sbagliato”.

“Non c’è niente di così inutile e di così inefficiente quanto fare in modo efficiente ciò che non andrebbe proprio fatto del tutto”.

In queste parole di Peter Drucker c’è la spiegazione di quanto giornalmente avviene nella nostra messaggistica privata. Sono tre anni che cerchiamo di capire come possiamo mettere a disposizione il nostro valore, la nostra ricchezza interiore e puntualmente scopriamo invece che molti di quelli che si dichiarano convinti della grandezza del progetto, poi non solo non si impegnano per promuoverlo o promulgarlo, ma il loro tempo e la loro messaggistica privata, indirizzata ai componenti del progetto, spesso si limita alla promozione di fake e bufale.

“Marinaio, Antigovernativo, Impiegato della Commissione Europea, Operario Fiat, Cuoco Danese o fantomatico pilota di aeroplano”, questo soggetto che si chiama Stefano Angelli è il più presente nelle nostre chat, con messaggi in cui denuncia apocalittici complotti, attraverso i suoi travestimenti che possono essere definiti alquanto grotteschi. Eppure questo signore, che attraverso le milioni di visualizzazioni dei suoi post, guadagnata una quantità incredibile di soldi, riesce con discorsi che non hanno nessun riscontro con la realtà, ad intortare i tanti che vedono le sue produzioni e che di fatto poi condividono sulle loro pagine o nei messaggi privati.

La cosa che da più da pensare è che riceviamo giornalmente da tanti componenti dei Clemm, che seguono il progetto Coemm, decine di questi messaggi fake, come quelli che vi ho citato sopra, oppure messaggi privati in cui si implora chi lo riceve di condividere una richiesta di sangue per un bambino con tanto di numero di telefono falso, oppure di mettere i like alle pagine della protezione civile per “farla crescere” come se la P.C., che è un Ente dello Stato, avesse bisogno dei “like” di facebook per affermarsi.

Purtroppo questa erogazione sbagliata del nostro valore e della nostra ricchezza interiore, in molti ha praticamente cancellato il senso della promulgazione privata del progetto e lo dimostra il fatto che in tre anni che seguiamo il progetto Coemm, mai una volta che ci sia arrivato un messaggio privato, con il quale veniva chiesto di condividere o promuovere un post di Coemm, dei Clemm, di Maurizio Sarlo o di Maura Luperto.

Noi crediamo che i Referenti Comunali ed i Capitani oggi abbiamo il compito di fare capire questo aspetto ai propri PO, ma anche loro stessi devono comprendere che il “Passaparola” che noi poniamo in essere per realizzare il nostro Mondo Migliore, passa assolutamente dal nostro impegno a fare in modo di promuovere il nostro progetto e non le bufale altrui. La cosa che rattrista di più è che spesso sono proprio quei referenti che dovrebbero essere di esempio come fari nella comunicazione del nostro progetto, che ti inviano questi messaggi privati, senza nemmeno perdere un secondo prima per verificare la veridicità di quanto stanno condividendo.

Se solo avessimo impegnato il nostro tempo per promuovere il progetto per un Mondo Migliore, come invece abbiamo fatto per tutte le bufale ed i fake che abbiamo visto nelle nostre pagine, forse oggi saremmo già un milione e anche il Quid sarebbe già un dato di fatto.

Se poi proprio avete voglia di condividere qualcosa, allora promuovete il lavoro di chi ogni giorno si impegna a costruire una buona comunicazione e se magari non vi viene in mente nulla, avete sempre i nostri libri scritti per il progetto da condividere, almeno le persone, leggendoli, potranno finalmente avere una conoscenza base seria di questo progetto e potranno farsi un’idea delle sue immense potenzialità, ripristinando contestualmente quel “Giusto Valore” che abbiamo deciso di mettere a disposizione del “Tutto”.

“Non si diventa grandi uomini, se non si ha il coraggio d’ignorare un’infinità di cose inutili”. (Carlo Dossi)

Daniele Lama Trubiano 2018 ©

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *