Home>Blog>Cronaca>Buona Domenica a… Lo zainetto azzurro
Cronaca

Buona Domenica a… Lo zainetto azzurro

Nuovo appuntamento con la consueta “buona notizia domenicale”. Quando ho pensato a questa rubrica, mi sono chiesto se poi sarei stato in grado di trovare almeno una buona notizia, di cui parlare ogni domenica. Maurizio me lo aveva detto per mesi, ed oggi mi rendo conto di quanto sia vero il fatto che se guardi al mondo con occhi positivi, il positivo arriva a te in modo costante e inaspettato. Ed ecco che allora le “buone notizie” effettivamente mi giungono continuamente, al punto che poi mi trovo in difficoltà a scegliere quella da trattare, nel giorno di festa. Questa settimana avrei potuto parlare di quello che è emerso nelle ultime ore dalla conferenza a Mogoro, nella quale comunque vi sono state tante buone notizie che avrei potuto commentare, ma poi c’ho pensato è ho scoperto che in settimana c’è stato un evento positivo, più importante, di cui vi voglio parlare oggi.

Sappiamo tutti che in questa settimana si sono riaperte le porte delle scuole per i nostri ragazzi e per i nostri bambini, soprattutto perché qualcuno ha inteso giocare con la pelle dei nostri figli, per scopi certamente lontani da un interesse verso la loro salute. Si spenderanno miliardi di euro per acquistare farmaci da inoculare nei loro corpicini, per poi farli andare in scuole fatiscenti e non all’altezza di quella che dovrebbe essere l’istruzione, nella patria della cultura mondiale. Servizi scadenti, insufficienti ai quali spesso, i tagli della spesa pubblica, toglie anche quei barlumi di dignità, che gli viene regalata dall’impegno e dall’amore, di tanti appartenenti a quei ruoli che lavorano in ambito scolastico. Così si spendono soldi per “prevenire malattie” nei bambini, che poi facciamo ammalare dentro scuole antigeniche per la mancanza di soldi. È come se un uomo si desse martellate sulle dita, per consumare dei cerotti che ormai ha comprato.

Beh, mi direte che trovare una notizia positiva in quello che ho scritto fino ad ora, è praticamente impossibile, ma se andiamo a vedere, proprio con la riapertura delle scuole, si è realizzato uno dei sogni più grandi e sofferti della nostra estate. Un sogno che ci ha visti coinvolti emozionalmente e che, pochi mesi addietro, non era poi così scontato. Un sogno che ha visto coinvolto un nostro piccolo amico che mi ha fatto ritornare alla mente un altro piccolo Angelo, che ci ha dimostrato che l’amore può regalare emozioni più grandi anche delle malattie.

Ecco che allora la scuola diventa un nostro primo traguardo, rispetto ad una sofferenza che ci ha fatto tremare prima e gioire poi, quando, un post scritto da un padre innamorato, ci comunicava che il suo bambino stava finalmente bene e che quell’operazione, che non dovrebbe mai vedere coinvolto un bambino, era andata come previsto dai medici. Perché di medici buoni ce ne sono tanti. Medici che ti mettono una protesi solo se ne hai bisogno e non per garantirsi uno stipendio extra a fine anno.

Perciò la “buona domenica” di questa settimana, tra i tanti argomenti che avrei potuto trattare, viene in me rappresentata da uno zainetto azzurro, bordato di rosso, che attraversa il cancello di una scuola primaria, per il primo giorno di asilo di un piccolo Angelo che è diventato la mascotte Matteo del nostro movimento. Il piccolo Matteo.

Grazie Coemm, grazie a tutti i Clemm e grazie ad Alessandro, per averci regalato questa emozione, questa bella storia a lieto fine, che altrimenti non avrebbe mai trovato spazio sui mass media nazionali. Per quello ci siamo noi, perché tornando alle parole di Maurizio Sarlo, “se seminiamo buone notizie, poi raccoglieremo buone notizie”.

A Matteo auguro tante belle nuove avventure in questo nuovo mondo che andrà a scoprire nei prossimi anni e, da buon retore, lo invito però anche a studiare e ad imparare tutte quelle cose, che un domani gli permetteranno di essere davvero un uomo libero. Un uomo libero, che un giorno, rileggendo le pagine della storia di Coemm e dei Clemm, scoprirà che centinaia di migliaia di persone, in un’estate di rivoluzioni morali e materiali, hanno tifato per lui e gli hanno voluto un mondo di bene.

E Allora Buona domenica a… Lo zainetto azzurro, ad Alessandro, a tutti voi e soprattutto a Matteo…

 

Per raccontare cosa voglia dire per noi essere Coemm and Clemm, acquistate “Il Salotto – Storie di Coemm”. Potete farlo contattandomi direttamente oppure cliccando sul pulsante acquista.

Daniele Lama Trubiano 2017©

Condividi su: