In questi giorni, sono stato inserito in numerose chat dei Clemm in Telegram, in prospettiva di un mio nuovo impegno dentro questo progetto. Mi sono ritrovato così ad entrare in contatto con tante persone che mi hanno regalato tante emozioni belle e grandi attestati di stima e affetto. Allo stesso tempo ho assistito però, in quelle stesse chat, a discussioni ed interazioni che poco hanno a che fare con quello che io credo debba essere il mondo migliore. Ma la cosa che mi ha fatto più male davvero è stato un messaggio ieri di una persona che chiamerò solo “Fabio”, probabilmente nel progetto per mero bisogno economico, che non riuscendo ad ottenere informazioni certe sul quid, ad un certo punto della sua discussione in quella chat, ha salutato educatamente affermando che: “Comunque nonostante tutto è stato un bellissimo sogno, grazie a tutti voi” e subito dopo è apparsa la scritta di sistema: “Fabio ha lasciato il gruppo”.

Forse non mi crederete, ma nel corso della giornata sono tornato decine di volte a riguardare quella scritta ed ogni volta ho provato una grande sofferenza. Una sofferenza per non essere stato in grado di spiegare a tutti i “Fabio” che in queste settimane hanno “abbandonato il gruppo”, che in realtà non è il gruppo che hanno abbandonato. Una sofferenza per non essere riuscito con i miei scritti a fare comprendere che quello che il movimento ci sta regalando, con le interazioni che abbiamo creato, io per primo con tanti di voi, nei quali ho scoperto grandi amicizie con Lucia, Roberto, Gabriella, Valter, Massimo, Angelo, Luca, Mario, Giorgio, Nicoletta, Isabella, Paola ma anche con gli stessi Maurizio e Maura, non rappresenta soltanto la condivisione di un progetto, che vorrebbe cambiare l’equilibrio di questa nostra società sbagliata. Quello che questo progetto ci ha fatto riscoprire è qualcosa che avevamo perso da tempo e non parlo della dignità, badate bene, parlo di qualcosa ancora di più grande e che Fabio non ha compreso e noi non siamo stati in grado di fargli capire. Infatti quella scritta, “Fabio ha abbandonato il gruppo” in realtà non vuole dire che Fabio ha abbandonato questa meravigliosa idea, perché il progetto, anche uscendo fuori, non si abbandona, considerato che andrà comunque a cambiare il mondo, anche di chi non ha voluto più credere in questo sogno epocale. Chi “abbandona il gruppo”, scrivendo “Comunque nonostante tutto è stato un bellissimo sogno” semplicemente “abbandona la speranza” ed è questo che mi crea immensa sofferenza, perché sento in me la responsabilità di non avere tutelato l’anima di questo amico. Se si perde la speranza infatti è come se si spengesse l’anima, se si mettesse in stand-by e questo non è accettabile in chi vuole cambiare questo mondo, senza lasciare nessuno indietro.

La mia Buona domenica allora va a tutti i Capitani ed i referenti di ogni titolo e grado, affinché si impegnino per fare si che nessun altro “Fabio” abbia mai più a “lasciare il gruppo”, solo per avere perso la “Speranza”. Parlate con i vostri P.O., confermate loro l’importanza del loro ruolo nel progetto, interagite con Amore ma soprattutto, evitate di ergervi dietro un muro di orgoglio, magari solo per una contestazione che avete ricevuto; se vogliamo cambiare davvero questo nostro mondo sbagliato, dobbiamo comprendere che si devono costruire ponti tra di noi e non muri. Siate allora i ponti che trasportano la speranza nel popolo dei Clemm e vedrete che in nessuna chat apparirà mai più la scritta “Fabio ha abbandonato il gruppo”.

(Prego tutti coloro che metteranno dei commenti, di evitare polemiche o argomenti che non sono connessi a questo mio grido di amore. Mi dispiace dirlo, perché non rientra nelle mie concezioni di libertà, ma rimuoverò tutti i commenti polemici).

Buona domenica a tutti.

Daniele Lama Trubiano 2018 ©

Se credete che quello che faccio ogni giorno sia una produzione utile e di qualità, sostenetemi acquistando i miei libri oppure cliccando sul pulsante  “Sostieni il mio impegno” nella mia pagina web dedicata a Coemm.