Home>Blog>Uomini e Donne Storie>Maurizio Sarlo – Io mi Fido di te. E tu?
Uomini e Donne Storie Veneto

Maurizio Sarlo – Io mi Fido di te. E tu?

Siamo alla resa dei conti, il “Punto Nave”, punto di partenza per poter evolvere con il Progetto COEMM.
Quante volte abbiamo sentito dire da Maurizio Sarlo: “Fidati di me”. Sempre. E sempre ci ha chiesto di fidarci di lui e del suo sogno. Ci ha “Istruiti” con i pochi mezzi a disposizione, il semplice “Passaparola” che molto spesso, appunto, essendo un semplice passaparola, se alla base è stata detta una determinata cosa, arriva alla fonte distorta, modificata, incompresa e incomprensibile. Il tutto è dovuto dal fatto che molti di noi si fermano all’attesa, alla soglia, senza informarsi com’è dovuto, per un Progetto di così ampia visione. Abbattere la povertà nel mondo, non è cosa semplice. Giochi di Potere dietro a tutto ciò, fan si che diventiamo d’intralcio. Ci è stato spiegato all’infinito del perchè esiste. E di come si può essere “Esempio Pilota”. Ma è stato compreso? Le difficoltà che abbiamo incontrato strada facendo, in questi 3 anni, lo dimostra. Chi si è fermato, non era pronto, ne consapevole di ciò realmente stiamo cercando di realizzare. Chi credeva fosse stato facile, ha sbagliato Progetto. Gente stanca, che si lamenta di continuo, quando in realtà basta guardarsi attorno per comprendere che è ciò ci circonda a renderci così negativi.
Maurizio chiede Fiducia, ma lui si fida di noi?
La Fiducia va data laddove ci sono Valori Umani . Il Rispetto, la Sincerità. l’Onestà, l’Umiltà, l’Amore per il prossimo. 5 Valori quasi scomparsi, e come possiamo pretendere che Maurizio si fidi di noi se alla base siamo scarsi di Valori Umani? Lui ci ha dimostrato di averci messo tutto in questo Progetto,il Suo Progetto , diventato anche il nostro, per chi lo ha compreso e abbracciato seriamente. Il vecchio mondo, tutto da cambiare, la storia tutta da riscrivere.
Il 6 e 9 agosto una ricorrenza indimenticabile, anche per chi non l’ha vissuta ma l’ha studiata nei libri di storia, raccontata dalla “Loro verità”!

Il fungo atomico, causato dalla bomba atomica “Fat Man” su Nagasaki, raggiunse i 18 km di altezza
Data 6 e 9 agosto 1945
Luogo Hiroshima e NagasakiGiappone
Tipo Bomba atomica
Obiettivo bombardamento atomico delle città di Hiroshima e Nagasaki per indurre il Giappone alla resa

 

Tutti abbiamo bene in mente almeno una fotografia dell’orrore che i bombardamenti sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki provocarono nell’agosto del 1945: due città rase al suolo nell’arco di pochi minuti e, solo nell’immediato scoppio degli ordigni, un numero di vittime stimato fra le 100.000 e le 200.000. E come quella orribile realtà, tante altre di cui i libri narrano. La guerra ha sempre fatto tante vittime innocenti, per il gioco sporco dei “Potenti”. Anche attualmente c’è una guerra in corso, la guerra tra poveri. Silenziosa, quasi invisibile, eppure stà facendo tante vittime senza distinzione di razza, etnia e condizione economica. In tutto il mondo. E sempre a causa dei “Poteri forti”.
Persone che non hanno più nulla di cui vivere, dignità umane distrutte. Bambini senza futuro, anziani che non hanno nulla di cui sopravvivere, se non i ricordi. Dopo aver lavorato una vita intera, si ritrovano con una misera pensione mensile.
Famiglie che non arrivano a fine mese, giovani costretti ad abbandonare il loro paese per poter avere un lavoro, una sicurezza economica, che se non hanno fortuna e una testa sulle spalle, non avranno mai.


Cos’è cambiato dal lontano 1945? Non avremo forse più bombe sopra la testa, non vedremo forse più morire innocenti davanti agli occhi. Ci hanno forse illuso che il benessere materiale di cui disponiamo ci avrebbe resi liberi. Ma in se la realtà non è cambiata… Siamo schiavi, e lo siamo in maniera diversa dal lontano 1945.

Maurizio ci ha messo di fronte l’unica possibilità di cambiare radicalmente tutto. Di riscriverli i libri di storia, in maniera positiva. Ci ha dato la possibilità di riprenderci la nostra Dignità. Ci ha aperto una via da percorrere, ha acceso la Luce di un Faro, che solo con la nostra convinzione e consapevolezza può davvero accendersi. Allora la domanda non è più di Maurizio:”Fidati di me”, ma è nostra :” Maurizio, ti fidi di noi?”. Siamo abbastanza preparati, pronti per il prossimo passo da fare? Vogliamo davvero cambiarlo questo Mondo? Affinchè le mani dei “Potenti” non si adoperino più per manipolare l’Umanità e sottometterla? Personalmente m’impegnerò ancora di più, se l’essere a Servizio per te, per Maura e per il Progetto COEMM non è sufficiente. Perchè ci credo in voi e mi fido. Il Progetto COEMM e il PVU sono l’unica alternativa possibile, affinchè tutto quello che abbiamo perso, ci possa essere restituito. La dignità. Un Mondo Migliore per noi e per le generazioni future. L’unico Progetto che può scrivere un nuovo Capitolo di Storia in positivo.
Grazie Maurizio, semplicemente grazie dal più profondo del cuore. Fiera di esserci.
Paola Marcato
Il modo migliore per scoprire se ci si può fidare di qualcuno è di dargli fiducia.
(Ernest Hemingway)

Condividi su:
  • 571
    Shares