Home>Blog>Cultura>Io sto con Maurizio Sarlo
Cultura Veneto

Io sto con Maurizio Sarlo

Post perfetto,completo e chiarificatore quello di oggi di Maurizio Sarlo.
Tutto specificato, nulla lasciato al caso.
Non che personalmente avessi bisogno di leggerlo, chi conosce il Progetto Coemm , non ne ha bisogno di prove.
Assolutamente. E ora avanti tutta Plinti e Colonne. Non c’è tempo da perdere. Insieme si può. NoiSi.
Repetita iuvant, per una seria analisi: fra civiltà e mistificazioni!
(Rimanga a memoria imperitura di chi vuol sentirsi VALORE POSITIVO)!
Dopo questa attenta analisi, chiunque dei CLEMM – CHIUNQUE -, si senta LIBERO e responsabile di seguire ciò che il COEMM indica; oppure farne a meno e dimostrarci, con i fatti, che seguendo altri o altro, giungerà a modificare in meglio, i TANTI DRAMMI che la realtà sociale evidenzia.

Nel caso ci si senta di appartenere ad un CLEMM ALLINEATO AI PRINCIPI DEL PROGRAMMA COEMM – comprendendo sino in fondo il complicato lavoro che io ed il COEMM abbiamo indicato -, allora, ci si senta FIERI e CONSAPEVOLI di seguire un progetto che ha già iniziato a dimostrare cambiamenti positivi e di valore epocale: in termini di etica, creatività e ingegneria culturale, sociale, economica e finanziaria.

In tale riflessione è però doveroso fare un “passo indietro” e spiegarci bene fra chi “è allineato ai principi ed alle regole NON IMPOSTE del COEMM” e chi ci sta solo per la “manna dal Cielo”!

Sin dai tempi più antichi, i “pochi dei vertici”, attraverso la loro posizione e quella di “servi” ben addestrati, hanno sempre saputo influenzare l’Opinione Pubblica. Basterebbe ricordare il celeberrimo “grido” che libera Barabba, invece del Signore Gesù. Erano tempi antichi.

Ma oggi: quanti Esseri Umani ci siamo veramente elevati a quell’energia assoluta, che molti, come me, amano chiamare Dio?

A guardare la realtà dei fatti, pur in una dovuta analisi, di evidente elevazione di molti delle Masse, a mio avviso, si è ancora a ritenere che i pochi, forse meno dell’1%, quelli che governano il Mondo, riescono a tenere “sotto scacco” i molti: ovvero, quel 99% di popolazione mondiale, all’interno della quale, sarebbe corretto, iniziare a distinguere dove ognuno di noi rientra.
A meno che, non s’intenda fare come gli struzzi quando hanno paura…

Prima di giungere all’analisi che riguarda la posizione del sottoscritto, e di ciò che ha fondato – visto che per alcuni sono “nell’occhio del ciclone” -, ritengo quindi di fare un servizio, socialmente utile, a chiunque abbia la compiacenza di leggere questa ampia riflessione. Si, è vero, ci vuole tempo per leggere. Ma questo è quello che, per ora, riesco ad offrire a tutti in modo FORMALE e non distorto da passaggi di parole, talvolta incompleti o artefatti.

E, credetemi, grazie ai migliori aderenti ai CLEMM, abbiamo già dimostrato GRANDI COSE!

Infatti, ritengo le tipologie di Persone nel Mondo, quello del terzo millennio, declinate come segue (in generale, ovviamente):
1) Le poche Persone che, nel tempo, si sono ritrovate eredi di circa 13 dinastie (Merovingi, Astor, Bundy, Collins, Dupont, Freeman, Kennedy, Li, Onassis, Rockfeller, Rothschild, Russel, Van Duyn).
Tra questi (vedi link in copia), nel tempo, si è creata una fitta ragnatela di parentele che, inevitabile, si rapportano e fondano con Regnanti, Governanti, Finanzieri, Banchieri, Industriali (di tutte le materie prime), Alta Magistratura, Alta Scienza e Medicina.

2) Gli scopritori (intelligenti e arricchitisi lecitamente) delle belle cose del Mondo.
Ovvero tutti coloro i quali hanno saputo dimostrare i loro talenti e li hanno posti in un mercato di tutti. Fra cui gli stessi ricchi di cui al suddetto punto 1 (che potevano permettersi l’abbondanza di tali scoperte e servizi).

3) La classe media del Mondo.
Fatta da una buona parte di Popolazione dei paesi industrializzati del dopo seconda guerra mondiale. La quale (parte di Popolazione) poteva accedere ad almeno una parte delle scoperte e dei servizi degli scopritori e arricchiti (di cui al precedente punto 1).
Gran parte di tale popolazione, ha pensato di essere assolta dalle gravi colpe che, ogni Essere Umano, ha sulle proprie spalle, quando non Essa non intende interessarsi dei veri problemi che attanagliano la collettività.
Si è pensato alla Casa (non importa se con un mutuo impossibile da mantenere), all’automobile (meglio se con qualche cavallo in più per far invidia agli altri), alla lavatrice e lavastoviglie, al lavoro (magari quello in Banca o nelle maglie del Comparto Pubblico o, dall’altra, come imprenditore o come dipendente nel comparto privato) dimenticando, quasi tutti, che il ciclo della natura delle cose, prima o poi, ritorna ad evidenziare tutte le mancanze di un sistema privo di etico equilibrio e che – fino ad oggi – si fonda sull’emissione a debito e, quindi, su un falso paradigma economico e sociale; il quale, prima o poi, ciclicamente, porta alle crisi e alle povertà letali! E quando si arriva all’apice di una crisi ci sono solo due strade: la guerra (che la storia indica sempre più distruttiva) o il cambio di paradigma (con elevazione democratica ed etica della maggioranza delle Popolazioni).

4) poi ci sono gli “schiavi” delle epoche passate… e quelli moderni. Oggi ci chiamiamo “poveri”.
Una grande fetta di base della Popolazione Mondiale, che si ritrova ai margini delle Persone potenti e ricche delle Società, senza una completa cultura strutturata; ovvero, quella cultura che ti permette di poter conoscere bene da dove sorgano i problemi e, quindi, a non avere la possibilità di una via giusta per risolverli.
Da una parte, quelle Popolazioni di Paesi sfruttati per le loro materie prime (Africa e Americhe del Sud); dall’altra, quelle dei Paesi industrializzati; i quali, prima avevano uno straccio di servizio sociale e la possibilità di accedere a lavori manuali, da “schiavo moderno”, ma ora sono messi al bando per l’arrivo delle modernità tecnologiche e dei robot. Robot che sostituiscono l’Essere Umano, ma generano ulteriore forbice negativa fra chi “ha denari a sufficienza” e chi non ha nulla (nemmeno per i generi alimentari principali. Quando poi, tali generi alimentari, si buttano nella spazzatura in termini di quantità e volume, da vergogna assoluta).

5) Poi ci sono gli “eroi pubblici”. Pochissimi rispetto le Masse. I Giordano Bruno, i Nikola Tesla, i Rudolf Stainer, i Pietro Ubaldi, i Gandy, i John e Robert Kennedy, gli Aldo Moro, i Nelson Mandela, etc…Quelli che hanno un cuore d’oro e lo mettono al servizio della collettività. Una collettività che li acclama, ma solo quando sono morti o quando stanno per morire.

Eroi che lottano contro ingiustizie e perfidie di ogni genere. Ma contro i quali si schierano orde di claque negative: pagate da chi ha molto da perdere. Claque negative che, in questo tempo delle tecnologie e delle TV, hanno la possibilità di dileggiare, offendere, insultare, svergognare consapevoli che nessuno della Massa si schiererà in difesa di chi subisce tale onta!

Poi ci sono quelli che io individuo come gli “eroi” di tutti i giorni: Maschi e Femmine che, malgrado la triste ed evidente realtà di cui sopra, combattono e si battono ogni giorno per far quadrare il bilancio familiare e conducono una vita senza senza ribellioni contraria alle Leggi costituite.

Ecco, viste le riflessioni di cui sopra io, a questo declino continuo e a crisi sempre più evidenti, NON CI STO! Pur volendo rimanere all’interno di un DEMOCRATICO confronto e di Leggi costituite.

Non ci sto, né a fare l’eroe … e – TANTO MENO – a far passare l’idea che vorrebbe far passare qualche perfido o ignorante: ovvero far sembrare che io sia un imbonitore o, peggio, un truffatore.
Si, esiste infatti un numero di perfidi che ha sicuramente la volontà di abbattere il progetto COEMM: pagato, ma non credo più dei classici 30 denari!
Poi ci sono tanti ignoranti i quali, unitamente al classico pre-giudizio (di chi non sa bene come stiano le cose), arriva a giudicarle con la supposizione che, siccome l’ha detto la TV, beh … allora è tutto vero!

Ma così non è! E non può funzionare!

Fermiamoci per un attimo ai perfidi detrattori, che mi accusano infamando e colpendo me, la mia famiglia, chi mi sta vicino quotidianamente:
Sono un numero esiguo di Persone (circa 100, ben distribuiti in tutta Italia).
I “capetti” di questi circa 100 idioti seriali, nascono dopo una classica e magistrale scissione dei Comitati Locali (CLEMM), che risale a fine 2015 inizio 2016. Una scissione, che io sapevo, evidente, sin dall’entrata di certi magistrali individui nei vari Comitati locali di mezza Italia.
Il Progetto COEMM è, infatti, ben chiaro sin dall’inizio: chiunque è libero di aprire un CLEMM e “dichiarare eticamente di voler seguire il progetto/programma secondo le regole che il COEMM ha promosso”. Nessun obbligo. Nessuna costrizione! Ma coerenti valori positivi: etica (quella dei migliori filosofi della Storia), altruismo, riservatezza, buona comunicazione.

Tale suddetta “scissione” aveva una presunzione: che la Massa degli aderenti ai CLEMM seguisse chi diceva: “datemi l’investimento di 300 euro a persona e, a settembre del 2016 , vi ritroverete un ritorno di investimento pari 1500 euro”! Ovviamente, a seguire tale scissione non c’è stata alcuna “Massa di Persone”. A seguire tale avventata apostolare idea, ci sono state circa 300 “anime perse”. Le quali avrebbero voluto comandare nei CLEMM di tutta Italia o addirittura farlo con il COEMM… ma non ci sono riusciti. E, quindi, hanno preso a fare i “detrattori e massacratori seriali”. Per non fare loro la figura dei fessi, dei bugiardi e degli inetti, devono poter affossare il sottoscritto ed il COEMM. Abbiamo raccolto un dossier completo su quanto sopra espresso. I nostri Legali lo hanno già evidenziato e depositato presso le Autorità competenti. Come è lecito fare!

I suddetti “apostoli”, altresì, hanno pensato bene di unire le loro deficienze con quelle di qualche vertice politicizzato, con intenti quasi vicini a quelli delle stelle più alte del firmamento. Non a caso, la prima che ha accusato palesemente il Progetto COEMM, con una intervista riportata su quotidiano a diffusione nazionale (e da noi ben custodita), è stata una Parlamentare stellata. Che ci sia una relazione? Mah…
Ovvio non ci sono prove palesi, ma una relazione esiste nel fatto che il COEMM ha un programma che sconfessa le idiozie e le ipocrisie dei Vertici dei Partiti, specie quelle del M5Stelle, ricordando, poi, che Ricci e Grillo sono anche due grandi amici da sempre…E’ forse per questo l’accanimento dei programmi diretti da Antonio Ricci: Striscia la Notizia e Le Jene?
Quale truffa devono evidenziare queste trasmissioni? Quella di aderenti ai CLEMM che entrano e si dichiarano truffati di “UN euro al mese” NON VOLENDO capire che tale loro adesione è libera e non costretta da alcun regolamento imposto?

Come mai, infatti, gli striscianti e Morello non sono mai andati da questi elementi apostolati (che, ovviamente, a settembre 2016 nulla hanno dimostrato di serio)? E come mai non sono ancora andati a intervistare i Vertici M5Stelle, quelli del Centro Destra e quello del Centro Sinistra che, da quando siamo usciti noi del COEMM, parlano tutti (male) di reddito di cittadinanza o di dignità? Magari, leggendo quanto sopra ci andranno!

Come mai, fra questi 100 “detrattori e massacratori quotidiani” del sottoscritto (vedi quelli che scrivono su investire oggi; Gallura news; tutti ben organizzati fra di loro e amici da tempo o social della serie “COEMM chi l’ha visto” e simili ciofeche) ci sono anche gli scissionisti apostolari di cui sopra? Come mai, TV e “Inchieste Giornalistiche”, non si attivano per scovare chi si cela dietro tali soggetti e fake, come il serale “Alberto Farlo”? Un soggetto, quest’ultimo (già da noi ben individuato e ad interno di un particolare dossier già inviato alla Procura ed alla Questura) che vomita accuse e minacce davvero pesanti e infamanti contro me, la mia famiglia ed il COEMM?

NO, RIPETO, IO, A POVERTÀ E CRISI, NON CI STO!
Nemmeno in presenza delle suddette riflessioni.

Credo (rispetto) e inneggio alla Giustizia e alla Libertà di pensiero più evolute. Pur se intendo lavorare – democraticamente – per migliorare quello che ritengo sbagliato. È proprio tal riguardo, che ho fondato nel 2010 una libera Associazione no profit che si chiama COEMM. E, unitamente ai suoi Soci, abbiamo voluto tenerla libera da legami associativi con chiunque volesse seguirne il progetto.

Con il COEMM si è sviluppato un progetto ed un programma datati nel lontano 1983/86, che prevedono la possibilità di farsi seguire da soggetti terzi (Persone Giuridiche e Fisiche), liberi di aderire (o meno) al programma indicato dall’associazione COEMM. Poi potuto concretizzare solo a maggio del 2015!

Chi vuole aderire al progetto/programma del COEMM, ha la possibilità di farlo costituendo un proprio comitato locale (CLEMM) e di Passar Parola, affinché altri possano capirne il libero ed alto profilo culturale in esso contenuto e replicarlo verso altri. Senza costrizione alcuna.
Applicarsi in tutto questo non costa quasi nulla!
Salvo non si dica che sia un grande sacrifico, donare UN euro al mese al COEMM e organizzare un Salotto Solidale, per discutere cosa serva per migliorare la vita di tutti.

Quanto sopra, lo ripeto sino alla noia, solo per preservare il progetto nella sua interezza. I liberi Comitati locali (CLEMM) non possono, in tal modo, infatti, infiltrarsi di Gente che delinque (magari organizzata ad hoc) e utilizzare il loro CLEMM coinvolgendo in negativo anche tutti gli altri.

Se un Comitato locale (CLEMM) facesse atti contro Legge, sarebbe solo tale Comitato a sopportarne le conseguenze. E non tutti gli altri; e men che meno il COEMM.

Una salvaguardia del progetto, in via generale e preventiva. Perché, chi mi ha insegnato i mali del Mondo, mi ha ben insegnato a difendermi da essi.

Morale:
Nella Fase 4.0 è giunto il momento di dare una ultima possibilità di scelta a quei Referenti e quegli Aderenti ai CLEMM che non intendono capire compiutamente l’alto valore del progetto/programma COEMM.
Non è mai possibile e non lo sarà mai, essere coerenti con il progetto COEMM se non lo si comprende liberamente sino in fondo!

Sapevo anche che non sarebbe stato per nulla semplice intraprendere la via che il COEMM mi ha permesso di promuovere; che sarebbe stato titanico portare a a far comprendere che la Massa Critica che si fa 1% può spostare il resto del 99%!

Sapevo anche che, i vari Mass Media, avrebbero capito poco, perché per comprendere bene quello che diciamo a 360 gradi, serve tempo, approfondimento, aggregazione di Personalità di spicco che inizino a promuovere il progetto COEMM pur nella loro libertà di Aderenti ad uno o più CLEMM. Lo sapevo. Ed è per questo che ho la coscienza pulita. Altro, purtroppo, di lecito, non posso fare. Pur sapendo che i detrattori stano cercando di convincere Aderenti ai CLEMM a esporre in procura di “essere stati truffati e quindi di essere entrati in stati depressivi per tale motivo”!

Doppio Sic!

Conto, per superare tutte le difficoltà, sulla estrema onestà di quel che promuove il COEMM, conto nella vera Giustizia!
Conto sulle tante cose ampiamente dimostrate sino ad oggi, e su quello che, sempre più, porteremo ad evidenziare! Senza bacchette magiche!

Ripeto: ho la coscienza pulita. Non sono per nulla abbattuto e stanco.
Anzi, sono arciconvinto che la via tracciata debba convincere sia le Masse che i Vertici del Mondo ad un completo cambio di Paradigma.
Serve equilibrio fra i costi e i benefici dello Stato. Tale equilibrio si può produrre solo con regole economiche che stiano al passo con i tempi moderni. Ovvero, lanciando in Italia un progetto pilota che preveda una moneta complementare a credito per infrastrutture e servizi strategici. Ed altresì regole etiche che riformino l’intero impianto legislativo.

Serve che, democraticamente, le Masse si convincano e si convincano i “Vertici del Potere attuale”. Nessuno vuol sostituire nessuno. Ne, tanto meno, sollevare da incarichi di vertici chi attualmente al vertice già c’è!
Serve solo convincere chi sta ai Vertici, che una via di cambio di paradigma sia necessaria: per il bene dell’Umanità e dello stesso complessivo Pianeta Terra! “Madre a Terra” si sta ribellando alle ingiustizie. Lo si evince da troppi dettagli.

Noi del COEMM continueremo il nostro democratico percorso.

Noi Si.
Maurizio Sarlo 12 marzo 2018

https://www.sapereeundovere.com/le-13-famiglie-che-comandano-il-mondo/

Condividi su: