Home>Blog>Cronaca>Maurizio Sarlo – 4 luglio 2018 – Il tempo è compiuto… per molte cose…
Cronaca Politica Veneto

Maurizio Sarlo – 4 luglio 2018 – Il tempo è compiuto… per molte cose…

Maurizio Sarlo – 4 luglio 2018 – Il tempo è compiuto… per molte cose…
?? Post di Maurizio Sarlo ??
Fondatore e Segretario Generale COEMM INT’L Mondo Migliore
– Luglio 2018 –
4 luglio 2018
Promesse elettorali, brutte copie e cambi di paradigma!
Nella foto, che allego al presente post, a pag 24 di Repubblica di oggi (04/07/18), campeggia l’articolo che illustra come il Ministro dell’Economia dell’attuale Governo Italiani vada a “smorzare” i proclami di Lega e M5S, circa la Flat Tax e il reddito di cittadinanza.

Il Ministro Tria rileva: “La discontinuità con i Governi del passato non vuol dire mandare all’aria i conti, ma usare le risorse in modo diverso”.

Come vado dicendo nei miei post e nelle varie conferenze in giro per l’Italia (oggi sarò a Roma in un incontro con alcuni esponenti di varie associazioni e partiti Italiani), mi risulta difficile credere che i vertici di Lega e M5S sappiano risolvere i drammi che colpiscono oltre 18 Milioni di Italiani, visti i loro programmi elettorali. Un numero, purtroppo, che sarà sempre più in aumento. Almeno a mio umile parere.

Sanno invece parlare benissimo “alla pancia della Gente”, depistando dalle proprie incapacità, verso proclami che li hanno portati a prendere una marea di voti. I consensi pro Lega e pro M5S si riversano sul finto piglio che, questi ultimi, hanno sul falso problema dell’immigrazione e di alcuni altri amenicoli rispetto i veri problemi strutturali del Bel Paese.

L’ignoranza letale della maggioranza degli Italiani, sulle vere cause delle cicliche crisi e sui veri provvedimenti da prendere, renderà baldanzosi Lega e M5S ancora per un paio d’anni.

Dalla fine del 2019 in poi, crisi e povertà sempre più in aumento, malgrado i proclami di cui sopra, inizieranno a far comprendere a tutti gli Italiani, che tali proclami servono solo a far scaldare lo scranno del parlamento italiano agli ennesimi delegati politici del Popolo, buoni solo ad assicurarsi Pensioni a Vita e alti compensi, derivanti dalle posizioni assunte nei consigli di amministrazione di tutte le società strappate al comparto pubblico e regalate ai soliti pochi privati; grazie ad un sistema Bancario compiacente. Leggisi società che erogano: acqua, luce, gas, servizi autostradali, ferroviari, scolastici, ma anche immobili a mutuo, Etc.

Cosa serve per invertire davvero la rotta?

Noi lo stiamo proponendo da tempo. In realtà, secondo noi, servono infatti:
1) un Uno% della Popolazione che si vada ad informare correttamente, circa i veri danni strutturali dell’attuale paradigma economico-sociale e finanziario.
2) che l’Uno% di cui sopra vada a promuovere un cambio di paradigma economico-sociale e finanziario, partendo da una “Moneta Parallela” ( perfettamente legittima) e da regole di equilibrio che contengano vere saggezza e creatività.
3) Che tale cambio di paradigma sia un esempio pilota Italiano, voluto poi dalla ampia maggioranza della collettività e da azioni democratiche.
4) che il suddetto esempio pilota italiano comprenda tutte le riforme previste dal progetto COEMM. Senza tali riforme strutturali, nessun proclama sarà mai possibile attuarlo.

Noi, da canto nostro, continuiamo imperterriti e nel massimo rispetto delle attuali Leggi, a promuovere il nostro esempio pilota. Fin dal primo giorno abbiamo annunciato che sarebbe stato possibile realizzarlo per un massimo di 1 milione di Persone. Oltre tale numero – distribuito uniformemente in tutta la Penisola – si rischierebbe di creare effetti negativi per il sistema generale.

Dal giorno 11/07 si parte per la registrazione dei dati di tutti, secondo le nuove norme sulla Privacy. Ma anche secondo il a Regolamento COEMM.
Poi – il 18/07 – saremo nella nostra trasmissione TV, a presentare i primi risultati di tale registrazione e ribadire i tanti dettami del Regolamento 4.0 che convincono gli Investitori.

Nel contempo, stiamo effettuando tutte quelle azioni che ci permetteranno di bai passare ogni ostacolo (e non sono pochi), ma sempre usando la vera giustizia.

E, a proposito di giustizia, c’è da rilevare che inizia il tempo dei conti e “dei nodi al pettine”, per quanti cercano di mettere i bastoni fra le gambe al Progetto COEMM. Il prossimo 4 settembre, le Testate e i Social che si sono prestati e si prestano a dare il fianco ai “detrattori” ed ai loro fiancheggiatori (sicuramente ben mirati e pagati), sono state chiamate in Tribunale a Treviso alla Prima Udienza di Conciliazione: gli abbiamo chiesto milioni di danni. Nella denuncia per grave calunnia e danneggiamento, abbiamo esteso finanche la (per noi, sicura) associazione per delinquere: è bene far sapere a tutti costoro e a quanti li seguono nei social, che non faremo sconti a nessuno. Chi entra nei suddetti social, convinto che la nostra bontà debba essere scambiata per vigliaccheria o menefreghismo, inizi a riflettere attentamente e a uscire da quei gruppi il prima possibile. Non mi diverte affatto colpire chi sbaglia..

Ma nemmeno vedere colpito l’unico Progetto etico, solidale e di visione globale che esiste al Mondo (e chi lo segue con tanta passione).

Ricordo a tutti, inoltre, che la firma principale del nostro attuale e nutrito Ufficio Legale, fra le altre, porta in testa quella del Prof. Avv. Pier Paolo Rivello (Procuratore generale emerito della Corte di Cassazione).

Il tempo è compiuto… per molte cose…

“Alcune nonne” dicono: a buon intenditore, poche parole!
Maurizio Sarlo

Condividi su: