Home>Blog>Ambiente>Incontro tra CLEMM Contadino & Consumatore
Ambiente Veneto

Incontro tra CLEMM Contadino & Consumatore

Si è svolto venerdì 29 marzo a Borbiago di Mira (Ve) un incontro tra CLEMM CFP Sociali della Provincia di Venezia e CLEMM CFP Dedicato Agricoltura della Provincia di Padova.

Una serata “Diversa” all’insegna dell’In-Formazione su ciò che si stà realizzando nel territorio.

Valentino Gastaldello VRP CLEMM Venezia presenta gli ospiti della serata dal titolo:

Contadino e consumatore – Come fare sinergia per mangiare sano.

Incontro informativo sull’agricoltura e sulla sana alimentazione, come diventare consapevoli della propria spesa in maniera semplice.

Ci si focalizzerà sull’iniziativa di promuove l’agricoltura senza uso di pesticidi e sopratutto nel rivalutare il rapporto contadino-consumatore con come semplice atto commerciale ma come legame di fiducia.

Ospiti:

Terenzio Boscolo – RP  CFP Agricoltura Padova

Francesca Favero – P.O CFP Agricoltura Padova

Luigi Bettero – P.O. CFP Agricoltura Padova

Dopo una breve introduzione da parte di Terenzio Boscolo, la parola passa a Francesca Favero che presenta la “Radice di Luce” coltivata  direttamente da lei e da Luigi Bettero,  ne spiega la provenienza i benefici curativi e l’importanza del “Valore Energetico” .

La Radice di Luce

Intorno al 1920 R. Steiner descrisse la “radice di luce” come l’unica pianta sul pianeta avente la capacità di raccogliere e conservare l’ “etere di luce“ nella sua parte sotterranea in quantità così elevata. Secondo la scienza dello spirito, l’assorbimento e la produzione di luce nell’essere umano costituiscono fattori indispensabili al mantenimento di una buona salute animica da cui la stessa salute fisica dipende. R. Steiner spiegò in particolare come l’essere umano risulti, causa le moderne metodiche di coltivazione, sempre meno capace di nutrirsi di quella luce che passa dal vegetale all’essere umano sottoforma di vitalità. Da qui l’auspicio di una sempre maggiore diffusione della “radice di luce” in Europa sino alla sostituzione della patata quale alimento principale.

Il suo nome  botanico è Dioscorea Batadas, pianta rampicante avente la caratteristica di sviluppare radici di forma tuberosa, bianche internamente, fino ad un paio di metri di profondità.

Da millenni è utilizzata nella medicina tradizionale Cinese per le sue molteplici qualità terapeutiche. Essa costituisce un ottimo anti-depressivo. Se assunto regolarmente regola le funzioni digestive. Agisce su reni e milza e ha una funzione tonificante sui polmoni. E’ un potente anti-infiammatorio e un ottimo cicatrizzante. Questi sono solo alcuni esempi delle numerose proprietà di questa radice, il cui aspetto più importante resta però la capacità di conservare l’ “etere di luce” restituendocelo mediante l’assunzione anche in quantità minime.

Negli anni 20 uno stretto collaboratore di R. Steiner ne riportò i primi esemplari dal nord della Cina, qui noti come Shanyao, e subito se ne iniziò la coltivazione. Con l’avvento della seconda guerra mondiale la coltivazione venne interrotta per poi riprendere solo negli anni 80 in Germania grazie al ritrovamento di alcuni esemplari ancora vitali.

Francesca Favero -Naturopata, spiega come è venuta a conoscenza di questa fantastica Radice della Luce e che benefici ne ha riscontrato su se stessa in base alle patologie di cui soffriva.

Su come viene coltivata , il tempo necessario affinchè diventi “Matura” e quindi pronta ad essere utilizzata, come “Fonte di Energia naturale” essendo una Radice che si nutre dei raggi solari.

La parola passa a Luigi Bettero che racconta su come dev’essere seminata, in che periodo dell’anno, su quale terreno e specialmente lontana da cavi elettrici e onde elettromagnetiche, in modo tale da consentirne la massima efficienza naturale.

Luigi ha poi specificato,viste le tante richieste di acquisto di questa Radice “miracolosa”, è alla ricerca di persone che vogliano imparare a coltivarla nella maniera corretta per mantenerne i benefici e l’origine.

La parola è poi passata a Terenzio Boscolo che ha raccontato su come coltiva frutta e verdura nella sua Azienda Agricola rispettando il Biologico e usando EM , Andrea Tosetto RR CFP Economia e Finanza Veneto ha poi espresso  la volontà di creare un filo diretto tra produttori e consumatori nella zona creando dei GASMM Gruppo d’Acquisto Solidale Mondo Migliore. Grazie al supporto del CFP Agricoltura di Padova espandere il progetto dei GASMM anche a Venezia. Ci sarà  un portale che darà la possibilità di interfacciarci con le attività produttive prescelte (etiche, che producano in un determinato modo) e saranno preposte a raccogliere ordini di frutta e verdura, affiancandosi nel futuro anche a fattorie che producono latte, formaggi e derivati in maniera sana e biologica in modo tale da ampliare il potere d’acquisto – vendita al consumatore finale e dar modo così di incrementare la piccola impresa locale. Una volta raccolti gli ordini dei volontari a scadenza settimanale / quindicinale, consegneranno ai clienti le cassette complete degli ordini fatti, pagandoli alla consegna previo scontrino fiscale. Un modo per avere prodotti sani e garantiti a Km zero. Bellissima iniziativa di Terenzio Boscolo anche quella di preparare un luogo adiacente alla sua Azienda adibendolo a ritrovo famiglie e amici, dove si potrà nel prossimo futuro riunirsi in tanti CLEMM, far visita guidata in Azienda e toccare con mano la reale coltura naturale dei prodotti e poi tutti insieme passare una giornata pranzando con prodotti tipici e star insieme in compagnia all’aria aperta.

La serata si è conclusa con un entusiasmante applauso e con tanta voglia di ritrovarsi ed approfondire gli argomenti trattati .

Si ringrazia Nerio Negri per la disponibilità della sala.

Paola Marcato CC Mira 3 Venezia

 

 

 

 

 

 

Condividi su:
  • 238
    Shares