ROMA (ITALPRESS) – “Ho finalmente stabilito un rapporto sano con la mia debolezza: le caviglie. Dovrò convivere con il lato fragile della mia natura. E averne cura, perchè senza le caviglie, o con caviglie bistrattate, non vai da nessuna parte».
Così il tennista azzurro Matteo Berrettini in una intervista a La Repubblica dalla Florida nella casa dei genitori di Ajla Tomljanovic, collega e fidanzata.
“Avrei preferito stare accanto alla mia famiglia in Italia – afferma – Ma se fossi rimasto in Europa (vive a Montecarlo, ndr) sarei rimasto dentro casa, senza sorrisi, senza amici. E’ stato difficile scegliere. In Florida pare onestamente di essere circondati dall’ovatta”.
Si pensa al futuro, a partire dal tennis a porte chiuse. “Non credo che potremo evitare questo scomodo passaggio. Il fitto calendario autunnale? Quattro mesi di tornei non è l’ideale, ma cosa c’è di ideale in questo momento? Si tratta di preservare il fisico o rilanciare il sistema. Forse vale un sacrificio…. La mia prima partita ufficiale? Se tutto è ok, metà settembre».
(ITALPRESS).

https://www.italpress.com/tennis-berrettini-ora-so-gestire-le-mie-fragilita/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *