Home>Blog>Cultura>Matita&tastiera: Quale Casa? istruzioni per l’uso-1
Cultura Politica

Matita&tastiera: Quale Casa? istruzioni per l’uso-1

 

 

Quale casa, istruzioni per l’uso.1

Viene considerata la nostra terza pelle, quindi attenzione, cura, al fine di averla ben funzionante, ma anche ben accogliente e non tossica.

La logica conseguenza per chi ha cura del proprio corpo nella prevenzione, utilizzando ove possibile, rimedi naturali, non intossicanti.

Alla stessa stregua di una “ gestione quotidiana “ dello stesso, attraverso cibo necessario, QB per poter evitare complicazioni e svolgere le proprie attività, lavoro, svago nel migliore dei modi.

( evitando le varie citrosodine/ epathos,..).

Siamo alla seconda pelle, ovvero i vestiti.

Abbigliamento senza presenza di fibre sintetiche ( sempre ove possibile) per lasciar traspirare naturalmente il nostro corpo.

Negli anni 60, con l’introduzione delle fibre definite all’epoca “moderne”, sintetiche, Ricavate dalla lavorazione dei polimeri.

Si ottennero ( derivati dal petrolio) tessuti usati dall’industria dell’abbigliamento (acrilico, nylon, poliestere, elastan, lycra).

risultano sempre più simili, per consistenza e prestazioni, a quelli naturali. Finora questo sfruttamento, su vasta scala,  di idrocarburi ha rappresentato un ulteriore problema ecologico, da sommare agli altri danni collaterali che l’industria tessile da sempre causa all’ambiente: principalmente l’utilizzo massiccio d’acqua e l’inquinamento conseguente quando la stessa acqua esce da fabbriche e da concerie, per rientrare nel ciclo naturale.

Venne soppiantata la canapa, materiale d’eccellenza, di cui l’Italia era uno dei maggiori coltivatori/ utilizzatori/ trasformatori.

Materiale utilizzato in  ogni ambito

Automobilistico

Tessuti- cordame

Alimentazione-salute.

In pochi anni le industrie oltreoceano spazzarono via  un mercato che consentiva anche il mantenimento  di positivo equilibrio,                  per l’impatto ambientale sul territorio.

La filiera della canapa, già simbolo di una autarchia attivata negli anni trenta in Italia purtroppo soccombeva, al predominio della industria chimica statunitense.

Che fosse la “piega” della “azienda italia” quale ringraziamento degli aiuti ricevuti attraverso  il “piano Marshall” nel dopoguerra ?

segue

 

Mauro Mariotto

Mantova

Condividi su: