Home>Blog>Cultura>Matita&tastiera: qualità dell’abitare e qualità dell’agricoltura in Mantova e provincia.
Cultura

Matita&tastiera: qualità dell’abitare e qualità dell’agricoltura in Mantova e provincia.

Qualità  dell’abitare,  ed in Agricoltura,   in  provincia di Mantova..

Carenza alloggi a Mantova.
Nel 2016 il Comune e l ‘Aler, aprirono la graduatoria per l’assegnazione di 89 alloggi.
  1. Risposero ben 658 capifamiglia.
Nel 2017 le cose non andarono decisamente meglio: 532 domande per 60 alloggi disponibili.
Il  Comune, non messo molto bene, in quanto i 27 appartamenti utilizzati per le emergenze, sono tutti occupati, e quei 463 di proprietà, il 20% necessità di ristrutturazione. Operazione attualmente impossibile per l’amministrazione mantovana.
L’assessorato ha messo in vendita 11 appartamenti liberi e 6 occupati, per fare cassa, anche perché, per gli appartamenti in edilizia economica popolare il tasso di morosità è notevolmente elevato, mancano 400.000€ di affitti non versati.
Una proposta alternativa, di questi giorni, proviene dalla minoranza del governo della città: data  l’elevata latitanza nei pagamenti degli affitti, proporre lavori socialmente utili a chi non è in grado di onorare l’affitto.
Un contributo ad attività ritenute utili per il decoro della città. Certamente la valutazione dei soggetti risultati idonei, dovrà poi attraverso una formazione di base.
favorire un baratto attraverso un lavoro per la città, attraverso una occasione per la crescita di consapevolezza. Potrebbero essere opportunità per un miglioramento, anche attraverso gli assistenti sociali, delle condizioni di una famiglia appartenente alla categorie ritenute fragili.
Anche se il tema della “ casa per tutti” non risulta di facile soluzione, soprattutto per  l’onerosita’ degli interventi nel suo complesso.
*degli alti costi  sia per il mantenimento,  che per la manutenzione degli immobili.
Alternative,  per l’ambito Immobiliare  ne esistono  1) Casa Amica, con i procedimenti che andranno ad attivarsi
2) attività in collaborazione fra piccoli comuni, nel valutare le esigenze, e per la ipotesi di moneta complementare in alternativa, per un circuito  virtuoso che potrebbe strutturarsi.
Non risultano solo sogni ad occhi aperti, sono realtà che possono essere impostate, progettate, realizzate.
 Qualità o problemi,  nel  settore Agricoltura in provincia di Mantova ? 

Dibattito aperto sempre sul tema glifosate. Dopo le preoccupazioni del presidente della regione Toscana, a tutela dei cittadini,  al rispetto dell’ambiente, concretizzatesi con la decisione di “ contrarre” le elargizioni alle aziende agricole utilizzanti sostanze di provenienza chimica. Se l’obiettivo, anche comunitario,  di favorire la crescita di una agricoltura più rispettosa di aria- acqua – suolo, si riscontra però a livello locale “ un dissidio”.

 

le considerazioni si sono trasferite anche a livello locale, ove le due principali confederazioni agricole Confagricoltura e Coldiretti ( la prima molto più vicina alle grandi aziende agricole), hanno espresso loro opinioni in merito.
Coldiretti già schierata da tempo verso la cancellazione del sopracitato prodotto chimico. Cancellazione dal vocabolario della classe coltivatrice.
Confagricoltura, rassicurante e possibilista su tale prodotto.


“Ci rivolgiamo alla scienza” esprime note il presidente provinciale Matteo Lasagna. Il riferimento alla pesante sanzione a risarcimento di Dewayne Jonson ( purtroppo malato  terminale), il giardiniere che secondo il Presidente, non ha avuto l’accortezza di utilizzare adeguate protezioni durante l’utilizzo di tale pericoloso prodotto.
Considerazioni che lasciano nello sconcerto, ma “ dobbiamo essere fiduciosi, la tossicità del prodotto è molto bassa e la categoria nella lista “IARC”  è 2A, la stessa delle carni rosse e del caffè.

Quindi “niente panico, non spaventiamoci, bensì lavoriamo per capire i reali margini di rischio, dosi e limiti da rispettare”.
(Le liste compilate dallo IARC, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, raggruppano le sostanze sulla base del livello di cancerogenità dimostrato in studi scientifici).
L’accusa verso Coldiretti è precisa.  “Sarebbe preferibile l’ascolto della scienza  rispetto all’ascolto delle voci del popolo, ed allineandosi alla corrente politica di turno”.
Quindi la scienza sopra le nostre coscienze, la scienza illuminata, la scienza aggiungo spesso pilotata nelle valutazioni.

Noi abbiamo da tempo, condiviso il percorso verso una agricoltura rispettosa  dell’uomo innanzitutto.
per la sua salute e l’attenzione ad aria, acqua, suolo, affinché possano recuperare la qualità che già da tempo è stata deteriorata.

https://www.facebook.com/blogcq24italia/

https://www.italiaseitop.me/portale/cms/index.php/it/

 

Mauro Mariotto

Mantova

Condividi su: