Home>Blog>Cultura>Matita&Tastiera, Marcaria: quale terra quale anima?
Cultura

Matita&Tastiera, Marcaria: quale terra quale anima?

 

 

Quale terra ?

Abitata  da Uomini consapevoli, o da uomini in attesa ?

Il ponte è fermo.
Ci mancherebbe. È stabilissimo, forse  !  I lavori che a causa della piena del Po, sono di nuovo bloccati.
Prima per assenza di soldi da parte della impresa per acquistare il cemento, poi la pioggia.
I cittadini di San Benedetto Po, ringraziano tutti:
Gli amministratori lungimiranti, le piogge che si concentrano quando vogliono, la provincia che ha stanziato 5 MLN di € per le asfaltature.
Quindi una volta rimesso a nuovo, sarà anche rivestito di un asfalto splendido e resistente.
Eguale a quello che si ammira nelle strade svizzere.

BENE
Poi per allietarvi, a Mantova vi saranno al teatro Oberdan 5 incontri sui tempi fatidici

“ dell’Io sono Mia”,  ovvero quel che è stato il “68. !

C’è anche per l’anniversario, un libro di Coelho, che fa rivivere anche l’aria di ricerca della spiritualità, che girava in quegli anni.
Lo straordinario viaggio che nel 1970 lo ha portato da Amsterdam al Nepal a bordo appunto del Magic Bus. “Chi desidera imparare, deve iniziare a guardare intorno a sé”.

Forno di quartiere.

Sono partiti a  macchia di leopardo, in Italia, esperimenti circa la produzione del pane.

Ben si sa che gran parte del pane commercializzato è  “ surgelato”, i cui dettagli sono oscuri ai più.

Si è scoperta una partita di pane ( una delle tante) giunta  in una mensa scolastica, versione surgelato+ricotto, per via del gioco al ribasso, ( abituati a questa pratica gli enti pubblici,  in quanto  la qualità costa,  quindi la si lascia ai ricchi..) dagli economici paesi dell’est, con preparazione e cottura, igienicamente molto discutibili.

(https://www.google.it/amp/s/it.blastingnews.com/cronaca/2015/05/pane-italiano-shock-precotto-in-romania-e-congelato-due-anni-00382793.amp.html).

Torna la voglia di cuocere il pane nei forni collettivi, luoghi che appartengono alla nostra storia, al nostro passato, che erano stati abbandonati con l’avvento della cucina economica e che da qualche anno tornano a popolarsi.

Questo a Roma, Torino, l’Aquila, Frosinone, ove in quelli che un tempo furono i “ comitati di quartiere” , ora, una nuova composizione dal basso,  più orientata ad una autogestione delle iniziative, orientata alla  sensibilizzare gli abitanti.

Riscoprire i grani antichi, non impasti antichi di due anni, poi utilizzati per nella  grande distribuzione.

Riferimenti al Progetto?

MOLTI !

socializzazione, alimentazione sana,

trasmissione alle nuove generazioni di tradizioni senza tempo.

Mauro Mariotto

Blogger Marcaria Mn

 

La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano e seguono le linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore).

Per Info:

http://coemm.org

http://facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *