Home>Blog>Cultura>Matita&Tastiera, il nuovo P.G.T. a Viadana
Cultura

Matita&Tastiera, il nuovo P.G.T. a Viadana

 

Dalla Provincia

Gestione del territorio a Viadana.

piano di governo del territorio.

Viadana
Il nuovo PGT: stop alla cementificazione, avvio al recupero del patrimonio esistente.
Le azioni  generate   dalle precedenti Amn,
Han fatto si che il territorio fosse ormai in dirittura  di un  vero massacro ambientale.

“ Il tema della rigenerazione urbana sostenibile è una questione centrale che deve diventare prioritaria nelle politiche di sviluppo dei prossimi anni.

“In Italia come nel mondo, la città e l’habitat sono a rischio -default- a causa dell’esaurimento delle risorse energetiche e delle pessime condizione del patrimonio edilizio costruito nel dopoguerra.”

Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti (CNAPPC)

 

Le previsioni,  ad incremento  della popolazione, azzardato  e mai avvenuto,  imposero massiccia cementificazione e nuove abitazioni,  rimaste vuote. Il corredo a disposizione dei cittadini, così cita l’Assessore all’urbanistica, è di un basso valore della proprietà esistente ( rispetto ai comuni vicini), problemi alla viabilità-sociali- ambientali, cresciuti a livello esponenziale.

 


Pare che però,  le uniche azioni che vedranno impegnati i progettisti, saranno a livello di una nuova analisi ed intervento alla viabilità, e valutazione e linee guida per il recupero del patrimonio edilizio esistente.

Auspichiamo il decantato azzeramento della espansione edilizia !  Ed in qualità di

“ sostenitori della qualità della vita, qualità dell’abitare”,  desidereremmo che cominci ad espandersi a macchia d’olio,  una

“ Prospettiva Sostenibile” in quanto di questa urbanistica  che sino ad ora ha legalizzato il deterioramento del territorio, sinceramente ne siamo stufi.

Un processo di cambiamento dovrebbe essere ormai considerato indispensabile, in quanto dall’associazionismo internazionale ambientalista, dal mondo accademico, giungono segnali d’allarme sullo stato ormai deteriorato di questa nostra Amata ( da pochi) TERRA.

Purtroppo la visione limitata degli Amministratori pubblici, i veri gestori del cambiamento, purtroppo sino ad ora in negativo, ha fatto si che le teorie di studiosi di scienze sociali, di scienze della terra, venissero considerate carta straccia.

Le azioni  a livello locale sono sempre state legate ad esigenze elettorali: vedasi l’asfaltatura delle strade, due mesi prima delle elezioni.

Se consideriamo il territorio ove viviamo, ovviamente è lungi da noi pensare che le azioni locali possano apportare alterazioni a livello di regione-Nazione- continente… giammai!

purtroppo la fatidica frase, “agire localmente pensare globalmente”, non è stata generata a caso.

dovrebbe essere incisa a chiare lettere, in tutte le sale dei consigli comunali d’Italia, in tutte le scuole, in tutti gli istituti di ricerca pubblici e privati, specie in quelli che agiscono in ambiti legati alla Alimentazione-Salute-Abitare.

Potremo sperare da questo PGT  Linee Guida verso una nuova progettazione sostenibile ?

L’anello di congiunzione fra ciò,  ovvero il documento di Piano, articolato nelle tavole di analisi  e di Progetto, ed il territorio vissuto sono gli Abitanti ! Verranno ascoltati attraverso una raccolta delle osservazioni.

Si auspica la presa in carico di ciò che si può definire “socialità urbana”. Relazioni umane sociali.
Seguiremo l’evoluzione.

 

P.S. Le isole di plastica nell’oceano          ringraziano ed attendono.

 

Mauro Mariotto

Blogger Marcaria Mn

 

La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano e seguono le linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore).

Per Info:

http://coemm.org

http://facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *