Home>Blog>Cultura>Matita&Tastiera, Marcaria: Festa della Terra?
Cultura

Matita&Tastiera, Marcaria: Festa della Terra?

 

22 aprile festa della Terra !
Già dal 1962 Kennedy la istituì per cercare di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi ambientali, successivamente l’eco della tragica guerra del Vietnam porto’ ad incrementare l’attenzione  verso l’uomo e la terra.
Ma si prosegui nei lustri, sino agli attuali venerdì dello sciopero degli studenti!
oggi è più conosciuta per la merenda fuori porta di Pasquetta, nonostante il tempo faccia le bizze.
Pazienza, l’impronta c’è,  il bilancio è verso il consumo, consumo di  energia,  ed abbassa i livelli di qualità della vita.
***Glossario per l’impronta Ecologica
**Impronta per la nutrizione.
È possibile  verificarla , per il cibo a tavola.
Che si sappia,  per un hamburger ci vogliono 2400 litri di acqua, mentre per produrre un kilo di carne bovina, si consumano 300mq di terra.

**Impronta abitazioni

È riferita alla quantità di suolo ed energia consumata per la realizzazione di nuovi edifici.

Nuovi fattori entrano in gioco:
La tipologia edilizia, i metodi costruttivi, i materiali utilizzati.
Isolamento termico e sistemi di climatizzazione invernale ed estiva, non da ultime, le abitudini adottate dalle famiglia, nella casa, sempre più tecnologica.

**Impronta ecologica per la mobilità

Tasto dolente, nuove sperimentazioni avanzano ( es. car sharing) ma il nocciolo sono la viabilità…
Servono ancora nuove autostrade?
Servono più mezzi pubblici!
Ma serve intervenire contro la cannibalizzazione diffusa,
Serve favorire il servizio pubblico ben ramificato, con varie tipologie di locomozione, privilegiando quelle meno penalizzanti  per la  qualita delll’aria.
Per ridurre il traffico su strada, incrementare il trasporto merci su rotaia, intervenire con trasporto pubblico gratuito.
Chi percorre 10 Km / gg in auto, è come se consumasse una quantità di suolo di 2500 mq.
Questa scende a 500mq. Se in bus, e 120 mq. Se in bici.

**Scopriamo l’impronta per i beni di consumo:

Realizzare elettrodomestici, capi di abbigliamento, scarpe, significa consumare suolo ! ( che deve essere rigenerato).
Per una lavatrice, ben 2500 mq. consumati.
Per lo smartphone 13 ton di acqua e18 mq.di suolo.

**Impronta per servizi.

Consumiamo più di quanto possiamo permetterci anche per i servizi.
Telefonate, stipulare l’assicurazione, richiedere un duplicato di un documento, azioni apparentemente banali, ma rientranti in una filiera tecnologica estremamente energivora.

 

Quale energia?
Ne dobbiamo risparmiare.
Quale consumo? Ne dobbiamo riciclare.
Quale etica?  Tutta da conquistare, attraverso la consapevolezza..

Mauro Mariotto
Blogger Marcaria Mn
La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano e seguono le linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)
Per Info:
http://coemm.org
Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *