Home>Blog>Cultura>Matita&Tastiera, Marcaria: Bando alla crisi.
Cultura

Matita&Tastiera, Marcaria: Bando alla crisi.

 

Programma da sfogliare.
Sino ad ora, un  Silenzio mirato..esteso
Parole di qualità..?
Elementi necessari in un confronto, quando il confronto vuol essere attivato..

E se il confronto non arriva ?
si attende, proponendo
A chi non sa ascoltare
A chi non ha tempo
A chi non ha voglia
A chi preferisce i grandi incontri
A chi gradisce plaudire
A  chi sceglie di ringraziare
Per chi aspetta le risoluzioni dalla  burocrazia,
Pazientare, è l’imperativo…..!

 

Riduci, riutilizza, ricicla, recupera:
parte da qui, dalla cosiddetta “regola delle 4R” il decalogo della campagna Plastic free lanciata dal ministero dell’Ambiente.

Ma l’elenco può essere lungo,
citiamo  le azioni verso i cittadini:

 


-Gas, per acquistare cibo di qualità, senza inquinanti  tossici.
Ove non reperibile attraverso acquisti di gruppo, offrire opportunità alle realtà commerciali locali di non abbassare la serranda.

 


-Gas inteso come azienda per la gestione di Acqua
Luce
Gas
Da progetto, risulterebbero gratuite,
in attesa, cercare realtà “etiche”.
Risulterebbe indispensabile:
– azione reciproca comune- cittadini, orti urbani,  per incrementare la socialità, la scoperta per le nuove generazioni, della  “Terra” , quale elemento primario da salvaguardare, per la salute della stessa e dei suoi abitanti.

– azioni di sensibilizzazione da parte di chi ha figli a scuola, verso la cultura circolare, ovvero un libro letto, può essere scambiato in classe fra compagni
– i genitori,  possono farlo con amici, oppure nella biblioteca, alla  stazione ferroviaria, al parco, offrire opportunità di libri gratis, anche attingendo, dalle  opportunità offerte, dai centri di vendita, che elargiscono invenduto.

Azioni,  nei confronti della pubblica amministrazione:  la comunicazione- centrifuga- centripeta
– progetto partecipato
Ovvero, opportunità di presentare proposte per il miglioramento delle condizioni
( quali?)…..scoprire cosa serve, fra strutture, socialità, nel paese in cui vivi.

-Bilancio partecipato
Il programma che una amministrazione sceglie di impostare  per il quinquennio, è esposto al giudizio valutativo,  dei singoli elettori, associazioni locali, al fine di renderli partecipi,  avvicinando maggiorenni e minorenni alla macchina politico/ amministrativa:  Partecipazione.

 

– regolamenti, edilizia sostenibile non solo per energia,  ma circolare.
Appalti, non al massimo ribasso, considerando che l’opera pubblica è bene di tutti, e l’intervento deve prevedere la base etica,  trasparenza, durata, cronoprogrammazione non ai fini elettorali.
-acquisti
Le condizioni scelte cercando sulla qualità /quantità del prodotto necessario, che sia il cibo bio per i fruitori della scuole, che per esigenze funzionalità/ servizi ( carta lampadine). Collaborazione quindi con comuni sintonici.

Bando alla crisi sociale . Un esempio

Agenda ONU 2030 ed agenda Urbana europea:

Su tutto il territorio nazionale saranno circa 100 i progetti finanziati. Stanziati 25 milioni di euro fino al 2021.

La rivalutazione delle periferie è oggi una delle priorità del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Con questo bando
i progetti che verranno realizzati contribuiranno a costruire, attraverso la cultura, opportunità per il miglioramento sociale ed economico dei territori più fragili,

 

Favorendo l’intelligenza collettiva, creando  dinamiche collaborative tra istituzioni pubbliche, private e terzo settore,  contribuirà a rispondere ai bisogni reali delle persone e a rispondere alle trasformazioni sociali in atto.

 

Mauro Mariotto

Blogger Marcaria MN

 

 

La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano e seguono le linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore).
Per Info:
http://coemm.org

http://facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage

 

https://www.youtube.com/channel/UCPeEGg5tKdoyOPK–mGE5Yg

 

 

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *