Home>Blog>Cultura>Matita& Tastiera Marcaria: Noi, noi ci siamo…!
Cultura

Matita& Tastiera Marcaria: Noi, noi ci siamo…!

 

siamo qui ora !

Rendersi conto di dove si è fisicamente e socialmente, di quanto può -essere o meno- incisiva la nostra azione sul territorio, sul come potersi rendere utili, per raggiungere un obiettivo che non sia esclusivamente la risoluzione dei problemi legati al personale
( rispettabile) orto.

Quindi, guardarsi attorno, supportati dalla letteratura ispiratrice e connettivante con l’energia cosmica a nostra disposizione.

 

Versailles o Palazzo Bettoni a Bogliaco…!?
milano decide di installare un parco con tremilioni di alberi, mantova, attraverso il suo sindaco propone innanzi a palazzo TE un giardino ” alla Versailles”. certo gli spazi ed il contesto vi sono. Si tratterebbe di migliorare le idee di progetto.

per rigenerare una citta’ fra le piu’ inquinate d’italia, un giardino puo’ risollevare le sorti dei cittadini rispetto alla qualita’ della vita e dell’abitare.
A nord della citta, l’area del petrolchimico e cartiera, contaminate, i laghi con la speranza di averli balneabili un giorno (tema impegnativo).
queste le idee per il futuro prossimo della citta’.

Poco  o tanto che sia, in ogni caso sono parole, la concretezza e’ altra cosa.
La si legge, attraverso le quotidiane azioni di una amministrazione, che   ha non episodicamente programmato, ma impostato nei carteggi  decantati e ripassati  una volta attivato il quinquennio.

Siamo qui ed ora, per rilevare quanto accade sul territorio, quanto operano, realtà presenti in una società civile..
L’ascolto, il rilevare, il condividere, sono oltre alla base delle quattro regole.
Un progetto lo si attiva con varie metodiche, con diversi approcci. Dipende dalla consapevolezza dalla connessione, dal desiderio di conoscere.

Questo ultimo mese, è stato, per alcuni, come il parlamento, aperto h24.
In questo caso non entro nei motivi, cause, che hanno indotto i portinai di lusso ad essere presenti con maggiore solerzia, anche in ore fuori standard, quando nella prima e seconda repubblica, il sorvegliante d’agosto era per tradizione il Giacinto, che presidiava i sontuosi saloni, alternando alle visite annuali alle carceri italiane, quale testimonianza dello stato inascoltato, di indecenza presente e sollecitata, sia dalle guardie che dai detenuti.

 

2019
I tempi cambiano e da quattro anni ormai il verbo espande buone nuove.
In questo caldo agosto, chi ha potuto/ voluto, ha avuto modo di apprendere concetti interessanti, rileggere le basi del progetto.
La evoluzione della fase 5.0.

 

C’è chi ha avuto voglia di proporre soluzioni per pianificare ( ipotesi) la concretizzazione del tema Consorzio.
Partirà anche quello, necessario aver fiducia.
Per cambiare la società ci vuole anche quello.
Basta poco.

 

Mauro Mariotto

RP Blogger Marcaria Mn

 

 

La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano e seguono le linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore).

 

Per Info:

http://coemm.org

http://facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage

 

 

 

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *