Home>Blog>Cultura>La Casa di Carta, Marcaria: Insediamenti Bio? Si Grazie
Cultura

La Casa di Carta, Marcaria: Insediamenti Bio? Si Grazie

 

LA CASA DI CARTA
informazioni per alimentazione, salute, abitare sano.
 
insediamenti  bio? si grazie
il comitato d’iniziativa ” insediamenti biologici” progetta, organizza e delibera la costruzione/ recupero di edifici destinati al divenire  ” villaggi  in chiave biologica” , con l’intendimento di rispettare e promuovere fini sociali, ecologici, nell’interesse della cultura abitativa, delle piccole attivita’ artigianali e bio-commerciali.
gli scopi primari:
-integrazione tra abitare, lavoro approvvigionamento, formazione culturale, tempo libero, per il progresso delle relazioni umane.
-realizzazione di interventi modello, che si adeguino al Paesaggio e rispettino le particolarita’ architettoniche della regione.
-Contribuire alla soluzione di problemi umani, sociali e tecnici, in ordine alla difesa dell’ambiente, produzione industriale, traffico, agglomerazione urbana, fuga dalle campagne, distruzione del paesaggio, con l’edilizia incontrollata, crisi economica e sociale, malattie dovute all’ambiente casa ed all’inquinamento, provvidenze agli anziani ed altro.
-Compiti speciali (per la soluzione degli scopi primari).
-recupero/ricostruzione di edifici abitativi e nel complesso villaggi, adatti a rispettare le esigenze della salute.
-piantagione biologica di ortaggi, frutta, in adiacenza di ogni edificio/famiglia. Ampio spazio verde, attorno all’insediamento.
 altro impianto produttivo agricolo a coltivazione /allevamento collettivo ( cereali e prodotti derivati).
– costituzione ed assistenza per iniziative comuni.
-creazione di lavoro nel villaggio, destinato alle esigenze di autosufficienza del villaggio stesso.
– Utilizzo di  energie alternative/  energie rinnovabili.
– Creazione di condizioni affinche la tecnologia esistente sia ad uso esclusivo di  rigenerazione-recupero-riciclaggio, con impatto zero nella gestione delle azioni quotidiane dei nuclei familiari.
COMPITI PRIMARI 
 forma di collaborazione attiva dei soci
– Promozione  per collaborazione, nella autocostruzione, con spirito di mutuo sostegno.
-Attivita’ di ricerca nel campo della manutenzione ed ampliamento dei servizi terziari. Attivita’ di assistenza sociale.
Queste, le linee guida che fecero avviare negli anni ottanta i primi progetti di biovillaggi/ecovillaggi/gruppi Rive autogestiti
Ora con il Progetto, si sta affrontando il tema dei villaggi IDemm.
-la tutela della salute degli uomini e delle donne  e delle giovani generazioni, attraverso la prevenzione nell’alimentazione/bio, nella salute evitando di intossicare il corpo,  e con l’abitare sano.
basta poco.
testi consigliati: – AA.VV. verdeaureo dell’architettura – manuale tecnico pratico del costruire sano -Maggioli ed.
                         –  J.P. Dillenseger  – abitazione & salute – Musumeci ed.
                         – AA.VV. Architettura & Natura                  Mazzotta ed.
                         -AA.VV.  Architettura Bioecologica – Atti del primo convegno nazionale sul costruire bioecologico
Mauro Mariotto
Blogger Marcaria MN
La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano e seguono le linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore).
Per Info:
Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *