Home>Blog>Cronaca>Matita&Tastiera, Marcaria:sfogliando il quotidiano virtuale..
Cronaca

Matita&Tastiera, Marcaria:sfogliando il quotidiano virtuale..

 

 

 

 

Sfogliando periodicamente, virtualmente il quotidiano locale lo ritrovo interessante e ricco di spunti..

B come Biblioteca
Libri usati in una struttura pubblica,
( esperimento effettuato al Baratta, biblioteca di Mantova nell’ultimo we  di settembre).
dicasi Biblioteca.
Triplice scopo:
-attivare la connessione culturale verso la popolazione con  azione “ri-sensibilizzabile”
Attraverso lo stimolo verso la lettura
 “ acquistata”
– finanziare la struttura pubblica, bisognosa di linfa economica.
– rendere consapevoli i cittadini, direttamente ed indirettamente delle esigenze esistenti per il funzionamento delle strutture esistenti in una società, anche se considerabile “
Pseudocivile.
E come Ecologia Applicata.
Iniziative in un paese della provincia mantovana, in una cittadina industrializzata, quale suzzara, la cui amministrazione comunale, vuole contribuire alla sensibilità ecologica delle nuove generazioni.
Piantine offerte dal consorzio agrario per la sensibilizzazione degli studenti, verso la fame di alberi, da piantumare ovunque.
Lotta allo spreco alimentare e necessità di
Mele, frutta da inserire nella dieta della popolazione scolastica.
Omaggiati gli studenti della primaria& secondaria, nella lotta alla plastica, con borracce in Al… ( forse meglio in acciaio?).
GDO
Grande Distribuzione Organizzata
Nonostante gli impegni della regione Lombardia, attraverso la normativa, al contenere la cementificazione, favorendo il recupero ( teorico) del patrimonio edilizio esistente, la grande distribuzione prosegue con la sua azione schiacciasassi….
Il supermercato in esordio, della marca “M..ss”
Chiuso 10 anni fa, con i suoi 400mq. circa.
Procede in nuovo capannone con due marchi
 ( uno discount ed uno tradizionale, stessa proprietà), ma con media superficie di vendita
( MSV. sino a 1500 mq.) A due kilometri di distanza dal dismesso..
Ora, 2019, ricevuto in agosto il “ permesso di costruire “, messi in Cig i dipendenti per 6 mesi, si passerà a GSV grande sup. di vendita, approvazioni da ricevere, per spazi fino a 3500 mq.  di nuova superficie.
Nuove valutazioni da parte della struttura regionale.
Cantiere già attivato e per dicembre sarà operativa ai consumatori.
GDO, significa,  vendita estesa ad una platea di consumatori, interessati al risparmio,
Non interessati alla qualità
Non interessati alla sostenibilità ambientale del cibo acquistato.
Non interessati.
Ora, per conquistarsi una fetta di mercato di soggetti aventi patologie riconosciute dalla medicina ufficiale ( legata al sintomo non alla causa) quali “intolleranze alimentari”, alcune grandi catene hanno iniziato al proporre una serie di alimenti, che entrano in concorrenza con quanto propongono i tradizionali negozi per alimenti  bio, purtroppo ..!
Interesse per il kmZero ( anche se la pianura è inquinata..pazienza), No
Interesse per alimenti sani No
I prezzi sono elevati ( salvo nel caso di offerte).
Semplicemente, puro marketing, la educazione alimentare non rientra nelle loro corde.
Strategie diverse.
I negozi bio, avviano alla comprensione soft del pianeta alimentare, definibile “armonia del cibo”
Prodotto con strumenti- metodi e tecnologia, in armonia con il paesaggio  ed obiettivo di estendere anche nei consumatori, la etica per un cibo ottenuto nel rispetto, in tutta la filiera produttiva, in sintonia con le leggi della natura, per migliorare la qualità del cibo,  per migliorare l’umanità dei cittadini, non semplici consumatori di cibo e di scontrini.
Esiste la differenza.
“basta poco”.
Mauro Mariotto
marcaria2/ Blogger MN
La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano e seguono le linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore).
Per Info:
Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *