Home>xRegioni>Regionale>Fotografia: Santiago del Cile, mostra della siciliana Nerina Toci
Regionale

Fotografia: Santiago del Cile, mostra della siciliana Nerina Toci

Fotografia: Santiago del Cile, mostra della siciliana Nerina Toci

Nerina Toci 

(AGI) – Roma, 10 gen. – Si chiude oggi a Santiago del Cile “BuscandoME”, la mostra fotgrafica dell’artista siciliana Nerina Toci, presentata dall’Ambasciata Italiana in Cile e dall’Istituto Italiano di Cultura e Sinopsis Australis. La mostra, arrivata nel paese latinoamericano grazie al programma di residenze artistiche Sinopsis Australis diretto da Chiara Mambro, e’ curata dalla storica dell’arte Katy Ferrante.
Nata a Tirana e arrivata in tenera eta’ in Sicilia, Nerina Toci ha 28 anni e dal 2015 si occupa di fotografia. Predilige il bianco e nero. Utilizza sia una Nikon D5500 sia una Praktica BC1. Lo scorso anno ha esposto nelle collettive: “La donna invisibile”, “Interior intimo meo”, “Kermesse d’Arte”. Nel 2016, nelle personali: “Ta’ aphrodi’sia”, “La fotografia media i conflitti”, “Nuk behet”, “Tra le pieghe”, “Imazhi eshte e vetmja kujtese qe une kam”. Le sue opere, (alcune delle quali visibili su www.nerinatoci.it) spiega Ferrante in una nota che accompagna la mostra, fanno venire in mente “le riflessioni del gesuita padre Pirrone e del principe Fabrizio Salina, personaggi de Il Gattopardo, capolavoro di Giuseppe Tomasi di Lampedusa: ‘…tutte le manifestazioni siciliane sono manifestazioni oniriche, anche le piu’ violente: la nostra sensualita’ e’ desiderio di oblio, le schioppettate e le coltellate nostre, desiderio di morte; desiderio di immobilita’ voluttuosa, cioe’ ancora di morte, la nostra pigrizia, i nostri sorbetti di scorsonera e cannella; il nostro aspetto meditativo e’ quello del nulla che voglia scrutare gli enigmi del nirvana…'”. “Entrare nelle sue opere – prosegue Ferrante – significa accettarne le contraddizioni, subirne il tormento, adagiarsi sulle forme morbide e torturarsi con le asperita’ nascoste, pulsioni di vita e pulsioni di morte, il vento che scompiglia e il sole che addomestica. E’ un viaggio intimo alla ricerca dell’intimo pensiero dell’artista, un viaggio che inizia come un’innocente esperienza voyeuristica e termina con una inaspettata introspezione dello spettatore”. (AGI)
.

https://www.agi.it/regioni/sicilia/2017/01/10/news/fotografia_santiago_del_cile_mostra_della_siciliana_nerina_toci-1360289/

Condividi su:
Redazione BlogCQ24
Articolo della Redazione BlogCQ24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *