Home>Blog>Cronaca>IL FIORE DELLA VITA Microbioma e Fermenti
Cronaca

IL FIORE DELLA VITA Microbioma e Fermenti

Tutte le funzioni vitali avvengono ad opera dei microrganismi.

Esistono circa 1 milione e mezzo di batteri differenti e fino ad oggi ne sono stati studiati appena 10.000.

Nel corpo umano vivono circa 70.000 miliardi di cellule e ognuna di esse contiene batteri che contribuiscono al funzionamento della cellula, ciò vuol dire che il nostro corpo può contenere un numero di batteri anche dieci volte superiore a quello delle nostre cellule. L’apparato dove sono concentrati il maggior numero di batteri è quello digerente che è composto dalla bocca, dall’epiglottide, dalla faringe, dall’esofago, dallo stomaco, dal fegato, dal pancreas, dall’ intestino tenue e dall’ intestino crasso dove vive la più alta concentrazione di batteri, circa 1,8 kg. incredibile ma vero!

Il termine microbioma si riferisce all’insieme dei geni dell’intero microbiota, cioè la flora batterica. L’alterazione del normale equilibrio (eubiosi) della flora intestinale sia in termini qualitativi che quantitativi è definita disbiosi. Le cause responsabili di uno stato di disbiosi intestinale possono essere di diverso tipo, tra cui alimentazione, stress fisiologico ed emotivo, inquinanti, affezioni patologiche, uso eccessivo di farmaci, parassitosi, ecc. Infatti, poiché nel nostro intestino risiede anche il nostro sistema immunitario, una disbiosi può determinare problemi di diverso tipo nei numerosi distretti del nostro corpo. I sintomi ricorrenti di disbiosi intestinale sono: gonfiore addominale, difficoltà digestive, stitichezza o diarrea, flatulenza, alitosi, candidosi. Tra le diverse patologie associate a uno stato di disbiosi si annoverano: affezioni epatiche e pancreatiche, intolleranze e allergie alimentari, celiachia, obesità, dermatiti, malattie reumatiche, malattie cardiovascolari, manifestazioni tumorali, autismo. Si possono verificare anche manifestazioni di stati d’ansia, depressione e sbalzi umorali. L’identificazione dei batteri può essere, in effetti, eseguita nelle feci.

Un altro metodo d’indagine diagnostica può essere quello di valutare la permeabilità della barriera intestinale, effettuando la determinazione di zonulina nel siero o nelle feci. La zonulina è una proteina prodotta da una mucosa intestinale deteriorata. In tali casi, quanto più elevata è la concentrazione di questa sostanza, tanto più elevato sarà l’aumento della permeabilità della barriera intestinale e il danno sistemico. Per esempio, livelli elevati di zonulina sono stati riscontrati in soggetti affetti da patologie autoimmuni, quali celiachia e artrite reumatoide. Se il nostro intestino è sano, pulito, armonioso, noi riusciamo a trasformare in energia positiva gli alimenti che mangiamo, sempreché seguiamo lo stile di una Corretta Alimentazione.

Il nostro intestino è stato battezzato col termine di Cervello Enterico. Infatti, il nostro microbiota comunica con il nostro cervello attraverso il rilascio di ormoni, attraverso il sistema immunitario e tramite il nervo vago. Ciò significa che la nostra flora intestinale influenza anche lo stato di salute della nostra mente.

Il nostro sistema immunitario dipende principalmente dalle condizioni di salute del nostro intestino, potremmo definirlo un centro ingegneristico e chimico-fisico, un vero e proprio laboratorio farmacologico umano, in grado di produrre interferone, morfina, e altre sostanze utili ai fini riabilitativi. Il grande miracolo della Natura è che questo centro è dentro di noi, ci caratterizza, ci alimenta, ci sostiene.

La flora intestinale è il nostro giardino interno e siamo noi i responsabili della salvaguardia del suo ordine, della sua bellezza e della sua pulizia. Noi siamo ospiti di questi microbi. Essi ci proteggono e ci difendono dalle specie nocive. Ci aiutano a differenziare, disintegrare, trasformare, digerire e riciclare. Ci aiutano anche a controllare lo scambio dei gas e a combattere pesantezza e gonfiore addominale.

La nostra flora batterica ha una notevole importanza per il nostro futuro, principalmente nel campo delle allergie e intolleranze alimentari, delle malattie infiammatorie e autoimmuni.

FERMENTATI

Quando si pensa ai batteri, ci vengono subito in mente antibatterici,  disinfettanti e antibiotici, pochi sanno che vi sono batteri buoni e batteri cattivi e che esistono cibi e bevande fermentati in grado di contribuire notevolmente (insieme ad una buona alimentazione) a stravolgere positivamente la nostra flora batterica da cui dipendono la maggior parte delle malattie.  Voglio concentrare l’attenzione  su quelle che sono le soluzioni e c’è veramente una grande varietà di scelta dove poter attingere per regolare il nostro microbioma e di conseguenza lo stato di salute del nostro organismo.

Ringrazio infinitamente la mia amica Sandra Lantieri per avermi prima incuriosita e poi fatto conoscere questo incredibile e affascinante mondo dei fermentati.

Fervida

I fervida o fermenti di vita, sono i primi che ho conosciuto grazie a Sandra.

Si tratta di una lunga fermentazione dove piante di ogni genere, come anche frutta e verdura vengono tenuti in fermentazione per almeno un anno (più tempo stanno e più sono efficaci), durante il quale ogni principio attivo della pianta viene trasferito nell’acqua in concentrazione altissima, difatti ne bastano poche gocce per avere enormi benefici ma non solo, sono ottimi anche per i nostri amici animali, per le pulizie di casa o per le piante del nostro terrazzo. Se vorrete approfondire o cimentarvi in questa meravigliosa avventura, trovate qui informazioni più dettagliate, oppure anche in questo video viene spiegato molto chiaramente come farli e a cosa servono.

Kombucha

Il mio preferito! 

Antichissima bevanda di origini orientali a base di thè  fermentato le cui origini risalgono ad oltre 2000 anni fa. Divenne oggetto di studio perché pare che chi ne facesse uso vantasse enormi benefici per la salute tanto da essere ritenuto addirittura miracoloso, non a caso è detto: “elisir della salute immortale” o “elisir di lunga vita“. Il Kombucha è diventato sempre più ricercato come aiuto nella prevenzione di molte malattie e sono anche tantissimi i benefici riscontrati, come per esempio: rimedio contro la varicella o il fuoco di Sant’Antonio, riduce le rughe, alcalinizza il corpo quindi tiene lontano il cancro, riduce i disturbi mestruali e le vampate di calore durante la menopausa, migliora la vista (posso testimoniare che ora riesco a leggere anche le scritte più piccole senza occhiali), previene le malattie cardiocircolatorie, riduce il livello di colesterolo, riduce l’aterosclerosi per la rigenerazione delle pareti cellulari, regola la pressione arteriosa, riduce i problemi infiammatori, allevia artrite, reumatismi e gotta, previene le infezioni della vescica e riduce la formazione di calcoli renali, riduce l’obesità e regola l’appetito, normalizza l’attività intestinale e cura le emorroidi, stimola i sistemi ghiandolari, protegge contro il diabete, esercita effetti antibiotici contro microrganismi dannosi, rinforza il sistema immunitario e stimola la produzione di interferone, allevia la bronchite e l’asma, migliora la salute dei capelli, della pelle e delle unghie, riduce il desiderio di alcol, riduce lo stress, i disturbi nervosi e l’insonnia, allevia il mal di testa, inverte il processo di invecchiamento.  Non risultano particolari controindicazione verso questa bevanda, a meno che non si è intolleranti al thè o se si ecceda nell’uso, sopratutto quando non si è abituati ad utilizzare i fermenti in genere, si può avere qualche scarica intestinale dovuta al processo di disintossicazione dell’organismo, del tutto normale, per evitare ciò è meglio iniziare con piccole quantità. Qualche motivo per cui non berlo?

Da fonte: amicidelkombucha

Qualche mese fa ho dedicato un intero articolo sul questa bevanda, è possibile trovarlo quà insieme alla ricetta.

Krauti 

Passiamo ora agli alimenti. Per krauti si intende qualsiasi vegetale (non solo la verza), messi per circa un’ oretta sotto sale e poi messo in una boccia o una caraffa di terracotta utilizzata sopratutto nei paesi anglosassoni dove le verdure subiscono un processo di fermentazione che va da un periodo da una a tre settimane. Altro metodo antico, usato sopratutto nel passato per conservare gli alimenti. Si ottiene un sapore leggermente acetico. Come tutti i fermentati anche i krauti contribuiscono a migliorare la nostra flora batterica intestinale.

E’ possibile trovare numerose indicazioni su internet su come prepararli.

Microrganismi Effettivi EM

Li ho lasciati per ultimi non perché meno importanti, anzi! Ci vorrebbe un intero libro per spiegare bene cosa sono e i loro infiniti utilizzi.

Nel 1981 uno scienziato di agraria, il giapponese Teruo Higa cercava un’alternativa ai pesticidi in agricoltura e fece per puro caso una scoperta singolare. Si accorse infatti che, contrariamente a quanto sostenuto dalla scienza ufficiale fino a quel momento, è possibile la convivenza di microrganismi aerobi (che vivono in presenza di ossigeno) ed anaerobi (che vivono in assenza di ossigeno) nella stessa soluzione nutritiva e che questa convivenza stimola la crescita e la proliferazione degli organismi presenti. Ne consegue uno stato di simbiosi tra le diverse culture di microrganismi, che a sua volta aumenta la vigorosità dei singoli ceppi e rende possibile una grande varietà e diversità di effetti.

A questo insieme di svariati microrganismi (circa 82 ceppi diversi) il prof. Higa diede il nome di “Microrganismi Efficaci”, conosciuti anche come “Microrganismi Effettivi” EM, poiché il miscuglio si rivelò estremamente utile ed efficace nelle più svariate applicazioni. Il miscuglio è costituito da microrganismi del tutto innocui per qualsiasi organismo e per l’ambiente. Si tratta infatti di microrganismi che, tra l’altro, vengono impiegati anche nella produzione alimentare e che, come è stato possibile dimostrare, sono presenti in tutto il mondo, ognuno nel suo ambiente naturale.
Ovviamente sono anche assolutamente privi di qualsiasi alterazione o manipolazione a livello genetico.

EM non é un fertilizzante comune, non é un anticrittogamico e non contiene nessuna sostanza di sintesi, ma é costituito esclusivamente da microrganismi presenti in natura e riprodotti su un substrato di melassa di canna da zucchero.

Microrganismi Efficaci o  Effettivi, sintetizzati con la sigla EM, sono un singolare insieme simbiotico di microrganismi presenti anche in natura e non manipolati geneticamente, impiegato per irrobustire e indirizzare positivamente la microbiologia di ogni ambiente, da quello domestico a quello agricolo, per avviare un processo di rigenerazione e di profilassi contro fenomeni degenerativi o patologici.

L’applicazione di EM migliora la qualità e la vigorosità di ogni sistema biologico, permettendo così di combattere microrganismi patogeni e fenomeni degenerativi e, in agricoltura, di incrementare sia la qualità che la quantità del raccolto. Da ormai 35 anni la tecnologia EM, a base di Microrganismi Efficaci viene impiegata con grande successo a livello mondiale (in più di 150 paesi).

EM è un mezzo multifunzionale che trova una vastissima gamma di applicazioni:

  • agricoltura
  • zootecnia
  • itticoltura
  • processi industriali
  • pulizia domestica
  • gestione ambientale
  • bonifiche di suoli e acque
  • salute dell’uomo e degli animali
  • lavorazione del cibo
  • compostaggio
  • trattamento dei rifiuti e di acque reflue
  • edilizia
  • …e molti altri…

Qui trovate l’intero articolo: http://microrganismi-efficaci.it/em-in-breve

Sito italiano: http://www.italiaem.it/Home/em.html

Aggiungo che sono straordinari anche sulla pelle e oggi ci ho fatto il sapone che è questo che vedete. 

Ultimamente l’Egitto stanno utilizzando i microrganismi EM per purificare le acque del Nilo.

Ringrazio in modo particolare una delle tante splendide persone che ho conosciuto e che fanno parte dei Clemm d’Italia. Grazie a Riccardo Giusta di Sanremo Referente Regionale per l’agricoltura in Liguria per la sua grande disponibilità, per il tempo e per le numerose informazioni che ci ha fornito sui microrganismi EM.

Lo scorso 31 luglio, con Sandra Lantieri (Referente Comunale Clemm di Noto), abbiamo organizzato un’incontro a Carlentini (SR) dove abbiamo dato qualche accenno sull’importanza dei microrganismi nella nostra vita e fatto conoscere un po’ il mondo dei fermentati compresi i vari assaggi ovviamente! Visto l’interesse che ha suscitato ci è stato chiesto di ripetere altri incontri analoghi in altri luoghi, è previsto infatti tra due settimane circa un incontro a Rosolini (SR) di cui daremo presto informazioni più dettagliate.

Anche questo insieme a tantissimi altri progetti, contribuiscono a dare il loro sostegno ad un Comitato Organizzativo Etico per un Mondo Migliore fondato da Maurizio Sarlo e che ha come missione di vita quella di eliminare principalmente la povertà nel mondo, riformare la scuola, rendere le infrastrutture e la sanità gratuite per tutti, ridurre le ore lavorative a quattro, garantire un reddito di dignità fino ad un milione di persone che condividono e comprendono lo stesso sogno. Utopistico? No. Abbiamo una persona straordinaria che ha condiviso il suo sogno insieme a migliaia di altre persone che credono in questo progetto e lo hanno fatto loro, persone che sono cresciute e hanno imparato tanto durante questo cammino (come me). Hanno capito che è possibile cambiare le cose rimboccandosi le maniche e chiedendosi: cosa posso fare io per migliorare il mondo? Ogni persona ha la possibilità di manifestare quelli che sono i propri talenti e farli fruttare. Per quanto piccolo possa essere il nostro contributo l’importante è che ci sia, solo allora possiamo farcela! Restando a guardare cosa succede o cosa faranno gli altri non cambierà mai la situazione. Un mondo migliore parte da noi!

Comincia a passare all’azione e fai il tuo piccolo passo iscrivendoti a questo portale ItaliaSeiTop

Grazie Maurizio, grazie Maura e grazie a tutti coloro che non si sono arresi ma sono convinti che i sogni si possano realizzare! Vi voglio bene!

Buon mondo migliore a tutti!!!!!

 

 

 

 

Condividi su: