Home>Blog>Cronaca>CONOSCI IL REFERENTE CLEMM? Ti svelo la sua essenza
Cronaca

CONOSCI IL REFERENTE CLEMM? Ti svelo la sua essenza

Il referente Clemm è certamente una persona speciale, come dice la parola stessa è innanzitutto una persona che riferisce, comunica, informa ciò che gli è stato riferito da altri referenti, al fine di raggiungere obbiettivi ben precisi che hanno come obbiettivo principale il benessere dell’uomo e dell’ambiente che ci circonda, il nostro caro pianeta terra.

Il referente è una persona che è di esempio per gli altri per creare un mondo migliore, basato sull’amore verso il prossimo, sull’altruismo, sull’etica e sulla buona comunicazione.

In quasi ogni comune d’Italia e presente un referente, lui crede fortemente che è possibile avere un futuro migliore per i propri figli. Può sembrare un sognatore e sicuramente lo è ma spesso i sogni si realizzano e sopratutto come in questo caso, quando sono alimentati da una grande energia che si chiama Amore. 

Ogni cosa realizzata dall’uomo è nata da un sogno che è poi diventato un progetto e grazie alla forza di volontà, il coraggio e alla tenacia di qualcuno si è poi realizzato. 

Il referente Clemm non comanda e non impone niente a nessuno, non da ordini e non è autoritario. Al contrario, è gentile, ti ascolta, rispetta la tua volontà e la tua persona perché vuole che tu faccia solo ciò in cui credi veramente e se ne sei convinto, è sempre disponibile (quasi sempre), se non ti vede per un po’ di tempo, ti chiama per chiederti se va tutto bene, ti chiede se può fare qualcosa per te e se può esserti di aiuto. 

Non vede l’ora di organizzare la riunione mensile e stare con te per discutere e approfondire un tema che viene suggerito di volta in volta, ti motiva e ti spiega quello che non ti è chiaro, spesso mette a disposizione la sua casa e condivide con te qualche video culturale e informativo, spesso condivide con te anche bella cena.

A volte propone e organizza eventi socialmente utili, spesso aiutando chi è più in difficoltà, non perché fa parte di un’associazione di volontariato o perché ha tanti soldi, anzi, la maggior parte delle volte è in difficoltà anche lui e proprio per questo riesce a capire i tuoi bisogni e lo fa per puro spirito altruistico e solidale, trova soddisfazione nel vedere la sorpresa e lo stupore negli occhi di chi ha ricevuto un dono e spesso si commuove per questo. 

Non vede l’ora di fare qualcosa per sentirsi utile ed è sempre in prima fila quando c’è da operare.

E’ quella persona umile che non mira alla carriera per mettersi in mostra su un piedistallo per farsi ammirare o per sentirsi importante, magari si stupisce poi perché si trova senza sapere come, in una posizione precisa perché qualcuno ha avuto stima e ha creduto in lui. 

Il referente Clemm ha una grande responsabilità perché è un modello importante per chi lo osserva.

Sa che non è da solo e che può contare su altre colonne. INSIEME SI PUÒ!

Grazie mio capitano! 

 

La buona comunicazione: 
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore) Info: www.coemm.org https://www.facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/

 

 

 

 

 

Condividi su:

6 thoughts on “CONOSCI IL REFERENTE CLEMM? Ti svelo la sua essenza

    1. Ciao Andrea, ti ringrazio per il commento.
      Certamente ognuno scrive ciò che vede dal proprio punto di vista e per quanto possano essere simili gli articoli, sono anche sempre diversi. Questo è il bello!

  1. Dò valore a tutto questo, essere REFERENTE, vuol dire coinvolgere, amare, dare ed essere BALUARDO di un sogno che coinvolgiamo a costruire insieme mattone dopo mattone, diamo l’esempio creativo delle buone azioni, delle buone parole, dei gentili atteggiamenti, di amorevoli propositi. SI siamo FARI: Risultiamo pure Eretici, Visionari, Estroversi, Pazzi, per avere il DONO di riuscire a vedere già compiuto, l’inizio di un sogno ancora da attuare. Ma è grazie a questo che riusciamo a prendere per mano la gente e condurla amorevolmente, verso la realizzazione di esso. ESSERE REFERENTE vuol dire: AMARE il PROSSIMO.

    1. Tutti i grandi geni della storia sono stati ritenuti pazzi perché andavano contro la logica sociale.
      Thomas Jefferson disse: – Se vuoi qualcosa che non hai mai avuto, devi fare qualcosa che non hai mai fatto.
      Facendo sempre le stesse cose, vivremo sempre nella stessa condizione.

  2. Se un simile referente ha un senso con i nuovi P.O. la situazione cambia con quelli che frequentano il Salotto da un po’ di tempo. Non c’è bisogno di usare la frusta, ma correggere amorevolmente i P.O. dormienti o quelli che aspettano la riunione mensile per ottenere informazioni, questo dovrebbe farlo. Ci si aggiorna su tutto, sui gossip, sugli amori della Belen Rodriquez e si dimenticano i presupposti del nostro futuro. Abbiamo a disposizione diversi canali d’informazione che aspettano solo di essere visionati. Certamente il suo esempio è una ” conditio sine qua non “, ma non si può guardare il fuscello nell’occhio dell’altro ed ignorare la trave che è nel proprio. Dovrebbe avere, inoltre, il coraggio di allontanare chi, dopo reiterati comportamenti poco etici, persiste nell’errore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *