Scienze

Individuati due buchi neri supermassicci pronti a scontrarsi

Due buchi neri, ognuno dei quali dalla massa equivalente a circa 800 milioni di masse solari, si stanno avvicinando l'uno all'altro, attratti dalla forza gravitazionale, e sono separati tra di loro da una distanza di circa 430 parsec (più o meno 1.400 anni luce). La loro distanza dalla Terra è invece di circa 2,5 miliardi di anni luce.Un team di ricercatori guidato da Andy D. Goulding dell'Università di Princeton li
Scienze

Individuata la provenienza di una radio esplosione spaziale

Molto tempo fa, in una galassia lontanissima, un oggetto misterioso ha lanciato un getto di onde radio nel cosmo. Lo scorso settembre, quel potente impulso si è ha incontrato con una serie di radiotelescopi nell'entroterra occidentale australiano. Anche se il passaggio del getto è durato solo pochi millisecondi, esso ha permesso agli scienziati di rintracciare l'origine della radio esplosione: una galassia situata a circa quattro miliardi di anni luce di
Scienze

Osservati due pianeti simili alla Terra in orbita attorno a una stella vicina

Un team di astronomi ha annunciato ieri che una piccola, vecchia stella a soli 12 anni luce potrebbe "ospitare" due pianeti rocciosi con temperature miti. Entrambi i mondi appena avvistati, in caso di conferma, sono quasi identici alla Terra per quanto riguarda la massa, ed hanno orbite che potrebbero consentire all'acqua allo stato liquido di fluire e riempire le loro superfici.Gli scienziati stimano che la stella ospite, nota come stella
Scienze

Enorme massa metallica trovata sotto cratere della Luna

Secondo uno studio effettuato da ricercatori dell'Università di Baylor, situata a Wako nel Texas, sotto il Bacino del Polo Sud-Aitken (SPA) della Luna si troverebbe una misteriosa ed enorme quantità di massa metallica della grandezza pari a 2 volte quella della Sicilia. Si tratterebbe del residuo di un asteroide che si è scontrato con il nostro satellite circa 3,6 miliardi di anni fa.Il bacino SPA è un enorme cratere meteoritico, di forma ellittica, che
Scienze

Scoperti 18 nuovi esopianeti grandi come la Terra o poco più

Da quando 10 anni fa è stata lanciata la missione Kepler con l'obiettivo di ricercare e confermare la presenza di pianeti simili alla Terra in orbita attorno a stelle diverse dal Sole, è stato accertato che la galassia contiene più pianeti che stelle.E anche se il lavoro di raccolta di dati da parte di Kepler si è concluso, gli scienziati continuano a scoprire tesori, compresi 18 mondi relativamente piccoli. Molti
Scienze

Scoperta forse l’origine dei terremoti lunari

Quando si costruisce un avamposto remoto, generalmente è una buona idea tenersi lontani dalle linee di faglia attive. Fortunatamente per le persone che progettano un insediamento umano sulla Luna, sembra che il nostro piccolo satellite naturale sia un mondo geologicamente morto. C'è bisogno di calore interno per l'attività tettonica e si pensa che i piccoli mondi rocciosi come la Luna si raffreddino molto più rapidamente di quelli più grandi come
Scienze

Ecco come potrebbe essere il ghiaccio bollente spaziale

Dai mari antartici al congelatore di casa, il ghiaccio sulla Terra ha più o meno tutto lo stesso aspetto. Ma in giro per il nostro Sistema Solare e oltre, le temperatura e la pressione estreme possono ridurre la sostanze gelate in forme molto diverse tra loro.Ora i ricercatori hanno scattato immagini ai raggi X di quello che potrebbe essere l'ultimo arrivato nel campionario della diversità dei ghiacci: un materiale ad
Scienze

La Luna rilascia molta acqua durante gli sciami meteorici

La magnifica desolazione della Luna è molto più bagnata di quanto si pensasse. Una navicella spaziale della NASA spedita per studiare la polvere e l'atmosfera lunare ha colto una serie di segnali di acqua che viene rilasciata dalla Luna quando viene colpita da meteoriti. Questa scoperta inedita, riportata su Nature Geoscience, mostra che piccoli impatti rilasciano fino a 220 tonnnelate d'acqua l'anno, molta di più di quanta ne dovrebbe esistere
Scienze

Scattata la prima foto di un buco nero

A più di 50 milioni di anni luce di distanza, nel cuore di una gigantesca galassia ellittica chiamata Messier 87, un mostro gigantesco sta divorando tutto ciò che si avvicina troppo. Stelle, pianeti, gas e polvere, nemmeno la luce sfugge alla sua presa quando si attraversa una soglia chiamata orizzonte degli eventi.Oggi gli scienziati hanno svelato un'immagine di questo oggetto, un buco nero supermassiccio che ha la stessa massa di