E’ già nella sua casa di Arma di Taggia a godersi la famiglia, le cure della moglie Flavia Pennetta e la compagnia dei figli Federico e Farah. Fabio Fognini è rientrato in Liguria ieri da Ravenna dove sabato scorso è stato operato ad entrambe le caviglie in artroscopia. Si è trattato di una ripulitura: gli sono state tolte alcune calcificazioni che negli ultimi anni gli avevano creato dolori e infiammazioni. Problemi che sin sono riproposti nei primi giorni di allenamento dopo il lockdown causato dalla pandemia da coronavirus. “Erano frammenti di calcificazioni, non ossei, presenti soprattutto nella caviglia destra – spiega il professor Francesco Parra, responsabile medico delle nazionali azzurre di tennis – il più grosso era di quasi due centimetri”. L’intervento si è svolto presso la clinica Domus Nova di Ravenna ed è stato eseguito dal dottor Francesco Lijoi, il primo chirurgo ortopedico italiano ad essersi cimentato nella chirurgia artroscopica della parte posteriore della caviglia. Nel 2017, Lijoi è stato scelto per un’operazione di ricostruzione da Gian Marco Tamberi, campione italiano di salto in alto infortunatosi a poche settimane dall’inizio dei giochi di Rio 2016.

“Grazie per l’affetto che mi avete dimostrato. E grazie davvero a tutto i dottori che si sono presi cura delle mie caviglie”, ha postato Fabio su Instagram. “Sto bene. L’operazione è riuscita perfettamente. E’ stato impressionante vedere i frammenti ossei che mi hanno tolto dai piedi. Ho fatto la cosa giusta e sono contento anche se po’ provato”, ha aggiunto l’azzurro attualmente numero 11 del ranking Atp. Ora inizierà a casa il periodo di riabilitazione: il 33enne ligure dovrebbe tornare ad allenarsi nel giro di sei settimane e affronterà la riabilitazione con il fisioterapista Giovanni Meoli. A luglio si sposterà con tutta la famiglia in Puglia, terra natale di Flavia Pennetta, per riprendere gradualmente ad allenarsi intervista del rientro nel circuito, che a quel punto dovrebbe avere una data ufficiale di ripartenza (al momento lo stop è stato prolungato fino al 31 luglio).
Il lavoro di recupero prevede anche una dieta ferrea per evitare di prendere peso durante le settimane di inattività. Lo seguirà Mario Ciarnella, medico nutrizionista che fa parte del team di Fognini. “L’alimentazione è fondamentale per una atleta che esce da un infortunio e un’operazione chirurgica – spiega – è importante che la dieta in questione sia povera di grasso, elemento che può creare infiammazione nella fase di riabilitazione. Fabio seguirà una dieta a basso carico di carboidrati, ma ricca di pesce, verdura e frutta”.
Fabio può già camminare, ma deve essere prudente e procedere con calma senza affrettare i tempi d recupero. Nel giro di sei settimane dovrebbe essere in grado di tornare ad allenarsi, quindi in tempo l’ipotesi di ripresa del circuito. Gli Internazionali BNL d’Italia, per i quali si punta su una data nella seconda metà settembre, sono lì che lo attendono.

http://sport.tiscali.it/altrisport/tennis/articoli/fognini-casa-dopo-operazione-partita-fase-2-obiettivo-a-roma-00001/

Fabrizio Bassanesi
Nato nel maggio 1972 (Toro ascendente Leone) rivela subito doti di ribelle "a modo suo". Diplomatosi ragioniere, intraprende subito la carriera di venditore che non ha mai lasciato. Dal 2007 si occupa di formazione ad aziende e persone.
http://amicoganoderma.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *