Home>Blog>Motori>Superbike, Test Jerez. Melandri: “Ci serve tempo”
Motori

Superbike, Test Jerez. Melandri: “Ci serve tempo”

È stato un test molto positivo per noi – dice il due volte campione del mondo (SS600 nel 2018 e Moto3 nel 2012) -. Mercoledì non siamo praticamente riusciti a testare niente, avendo speso tempo per trovare del grip (asfalto nuovo e sporco). Il secondo giorno avevamo pianificato molto lavoro ma sfortunatamente sono caduto e abbiamo quindi perso tempo, ma alla fine della sessione abbiamo fatto dei grossi cambiamenti di set-up perché mi sentivo troppo al limite con la moto. Nel corso dell’ultima ora siamo migliorati molto, la R1 era più facile e il tempo è venuto. Adesso dobbiamo vedere cosa succederà a Portimao che è una pista molto diversa, ma sappiamo che se una moto funziona bene a Jerez, lo farà anche sulle altre piste”.

Marco Melandri ha chiuso i test con l’8° tempo, in 1’40.469 a quasi 4 decimi dal compagno e a 1’3” dal leader Rea con la Kawasaki. “Abbiamo capito molte cose e il mio passo gara non è così male – spiega il pilota di Ravenna -. Al momento il mio problema è che ogni volta che monto una gomma posteriore nuova non riesco ad essere veloce. Alla fine della giornata comunque abbiamo capito qualcosa. Ci serve tempo, non è facile ma dobbiamo venirne fuori, migliorando passo dopo passo, assecondando le mie sensazioni per poi spingere forte quando sarò pronto”.

(foto: Twitter)

Tempi e giri percorsi dopo le giornate di test a Jerez

Condividi su:
Fabrizio Bassanesi
Nato nel maggio 1972 (Toro ascendente Leone) rivela subito doti di ribelle "a modo suo". Diplomatosi ragioniere, intraprende subito la carriera di venditore che non ha mai lasciato. Dal 2007 si occupa di formazione ad aziende e persone.
http://amicoganoderma.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *