Home>Blog>Cronaca>Studente muore nel sonno dopo aver mangiato gli spaghetti avanzati da 5 giorni
Cronaca Esteri Veneto

Studente muore nel sonno dopo aver mangiato gli spaghetti avanzati da 5 giorni

Ha mangiato un piatto di spaghetti e poi è morto nel sonno. E’ successo a uno studente originario di Bruxelles che per cena ha deciso di non cucinare ma di approfittare di un piatto di pasta già pronto. Purtroppo l’alimento era avanzato e non era stato conservato adeguatamente: era rimasto fuori dal frigo per 5 giorni.

Morto per avvelenamento da cibo

A trovare il ragazzo ormai senza vita sono stati i genitori, che hanno avvisato subito i soccorsi ma per il giovane non c’è stato nulla da fare. Sul corpo del ragazzo è stata effettuata l’autopsia da cui è emerso che il giovane sarebbe morto per avvelenamento da cibo causato da batteri chiamati bacillus cereus che forma spore e che produce tossine, provocando vomito e diarrea, secondo la Food Standards Authority. Prima di andare a dormire il ragazzo aveva avuto questi sintomi, ma li aveva sottovalutati. Aveva bevuto molta acqua ed era andato a letto senza chiamare un medico o avvistare i suoi genitori.

Cos’è il Bacillus Cereus?

Bacillus cereus è un batterio beta emolitico a bastoncello Gram-positivo. Causa un’intossicazione alimentare simile a quella provocata dallo Stafilococco. Recentemente sono stati sviluppati nuovi e più efficienti metodi per rilevare la presenza di ceppi patogeni. Il Bacillus cereus è comunemente presente nel suolo e nella polvere. Esso contamina frequentemente alimenti a base di riso, e occasionalmente pasta, carne e vegetali, prodotti lattiero-caseari, minestre, salse, dolciumi che non sono stati raffreddati rapidamente ed efficacemente dopo la cottura e/o adeguatamente conservati. B. cereus è comune negli alimenti, dove forma spore resistenti alla maggior parte dei processi di risanamento, e dove è in grado di moltiplicarsi durante la conservazione. Tuttavia, esistono diversi ceppi di B. cereus: alcuni sono innocui, altri responsabili di intossicazioni alimentari anche fatali. Attualmente non sono disponibili metodi in grado di distinguere tra ceppi virulenti e non-virulenti. La disponibilità di metodi per la identificazione di tossine emetiche (responsabili soprattutto di vomito) e di enterotossine (che causano intossicazioni diarroiche, con sintomi quali diarrea e dolori addominali) aiuterà coloro che si occupano di gestione della sicurezza, nelle aziende e nei settori di salute pubblica, per determinare il pericolo di B. cereus negli alimenti e, di conseguenza, per ridurre il problema delle intossicazioni alimentari.

Bacillus Cereus

 

29 gennaio 2019

Diventa fan di Tiscali su Facebook

Condividi su:
Fabrizio Bassanesi
Nato nel maggio 1972 (Toro ascendente Leone) rivela subito doti di ribelle "a modo suo". Diplomatosi ragioniere, intraprende subito la carriera di venditore che non ha mai lasciato. Dal 2007 si occupa di formazione ad aziende e persone.
http://amicoganoderma.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *