Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro per la pubblica amministrazione Fabiana Dadone, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per la semplificazione e l`innovazione digitale. Il testo – si legge in un comunicato stampa di Palazzo Chigi – costituisce un intervento organico volto alla semplificazione dei procedimenti amministrativi, all`eliminazione e alla velocizzazione di adempimenti burocratici, alla digitalizzazione della pubblica amministrazione, al sostegno all`economia verde e all`attività di impresa. Il decreto interviene, in particolare, in quattro ambiti principali: semplificazioni in materia di contratti pubblici ed edilizia; semplificazioni procedimentali e responsabilità; misure di semplificazione per il sostegno e la diffusione dell`amministrazione digitale; semplificazioni in materia di attività di impresa, ambiente e green economy.

Appalti più semplici e veloci

“Avremo appalti più semplici e veloci, niente gara di appalto sotto i 150mila euro, ci sarà un affidamento diretto che ora è stabilito entro i 40mila euro e sarà alzato a 150mila euro”, in questo modo “le pubbliche amministrazioni faranno partire da subito” le opere utili alle singole comunità, ha spiegato Conte in conferenza stampa da Palazzo Chigi. Nel decreto semplificazioni “c’è una piccola rivoluzione che riguarda i funzionari pubblici. Basta paura! Ora – ha spiegato il premier – ci saranno più rischi per il funzionario che tiene fermi procedimenti e opere. Adesso c’è una situazione perversa, quello che chi si assume responsabilità rischia di esporsi a un soverchio danno, a un soverchio pregiudizio, ma noi dobbiamo ricacciare indietro la paura della firma”. “Per questo periodo sperimentale la responsabilità di fronte alla Corte dei Conti sarà limitata al solo dolo. Resterà la responsabilità per colpa per le omissioni, le inerzie, andiamo a colpire chi non fa e non chi fa” ha aggiunto il Presidente.

Scostamento di bilancio e decreto

“Vogliamo ancora più legalità, più trasparenza: saranno facilitati i protocolli di legalità, ci saranno procedure urgenti per il rilascio delle certificazioni antimafia, con 81-82 ulteriori banche dati da consultare rispetto a oggi. Abbiamo rafforzato quindi i presidi di legalità, controlli preventivi e incroci fra le banche dati per prevenire infiltrazioni mafiose”, ha sostenuto Conte. E non solo.  Stop alle file agli sportelli“. “I servizi della pubblica amministrazione – ha spiegato il capo del Governo  – saranno tutti accessibili tramite Spid e carta di identità digitale: sarà tutto più semplice, sembrerà un po` più complicato per chi non ha dimestichezza con queste tecnologie ma una volta scaricata una app, come ha già visto chi ha scartato la app Immuni, sarà tutto più semplice, ci saranno meno scartoffie per la P.A.” “Lo scostamento (di bilancio, ndr) lo dovremo fare prima che gli italiani vadano in vacanza agostana. Dateci tempo, siamo andati a dormire alle 5 inoltrate ma stiamo lavorando già adesso allo scostamento e al prossimo decreto”, ha anche spiegato il capo del Governo. 

Le 130 opere strategiche

“‘Italia veloce'” è un piano di “130 opere strategiche individuate dal Mit a cui aggiungiamo le opere per le Olimpiadi di Cortina, quelle per sanità, dissesto idrogeologico, scuole, caserme, carceri e polizia” e che partiranno subito grazie alle nuove norme. Il premier ha anche elencato alcuni tratti di Alta velocità i cui cantieri partiranno per primi: “Salerno-Reggio Calabria, Palermo -Catania-Messina, Pescara-Roma, Genova-Ventimiglia, Venezia -Trieste, Brescia-Verona“, poi ci saranno anche “la Gronda, la 106 ionica, l’ampliamento di Salaria e Pontina, la Ragusana, il ponte della liguria”, e ancora “il commissarimento di 9 dighe sarde e in Lombardia le opere per olimpiadi“. 

La gestazione del decreto

La gestazione del decreto semplificazioni “posso acconsentire che sia stata sofferta, dire dolorosa è esagerato, il dolore lasciamolo per altre vicende”, ha detto conte. “Abbiamo dovuto approfondire, fare analisi, verificare, lo potrete analizzare nella forma definitiva, interveniamo a tutto campo su tutti i settori della pubblica amministrazione e su tutte le procedure, è una rivoluzione, senza concessione all’enfasi. Una semplificazione così non è stata mai fatta. Aver dovuto far convergere quattro forze di maggioranza e la sensibilità di vari ministri, lo vedo come un risultato clamoroso”, ha aggiunto. Sul Ponte dello Stretto “non c’è alcuna novità: questo governo si preoccupa delle infrastrutture a terra e se ci saranno problemi li affronteremo a tempo debito”, ha detto  a chi gli chiesto se vi sia il Ponte fra le opere da sbloccare.

A proposito del Mes

Negli incontri con il portoghese Antonio Costa e lo spagnolo Pedro Sanchez “parleremo di tutti gli strumenti europei”, non solo del Mes, perchè “non è mio interesse sollecitare i colleghi. Potremo parlare anche di Mes ma non è la mia intenzione”, ha anche detto il premier nel corso della conferenza stampa. Con gli incontri con Antonio Costa e Pedro Sanchez “inizia un tour nelle capitali europee: nei prossimi giorni sarò a Berlino, poi in Olanda, e poi c’è un altro che a livello diplomatico non è il momento di annunciare”, ha detto Conte, spiegando che “c’è un lavoro con Costa, Sanchez, Merkel, Rutte, in vista del prossimo Consiglio Ue che vogliamo sia risolutivo sul quadro finanziario pluriennale e per il Recovery Fund”. Se son rose fioriranno. 

Il pensiero politico di Conte

 “Sulle Regionali ho detto che non voglio interferire nelle decisioni autonome delle singole forze politiche. Come presidente del Consiglio che sta portando avanti un progetto molto connotato sul piano politico, ritenendo che questo assetto sia utile per il Paese, confido che tutte le forze politiche della maggioranza possano esprimere questo progetto anche sul piano territoriale, tenendo presente che il livello nazionale e quello locale sono due cose diverse”.

 

 

http://notizie.tiscali.it/economia/articoli/Dl-Semplificazioni-approvato/

Fabrizio Bassanesi
Nato nel maggio 1972 (Toro ascendente Leone) rivela subito doti di ribelle "a modo suo". Diplomatosi ragioniere, intraprende subito la carriera di venditore che non ha mai lasciato. Dal 2007 si occupa di formazione ad aziende e persone.
http://amicoganoderma.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *