Home>Blog>Politica>Reddito di Cittadinanza con la moneta complementare?
Politica

Reddito di Cittadinanza con la moneta complementare?

✍?✍?Reddito di Cittadinanza con la moneta complementare?✍?✍? Articolo di Stefano Cargnelutti ✍?✍? Gorizia✍?✍?

 

Ho più volte scritto articoli che spiegano in grandi linee come sia possibile attualizzare il progetto COEMM per sconfiggere la povertà nel mondo.

Ne richiamo un paio, quelli che riguardano il tema più caldo di questi mesi: il Reddito di Cittadinanza.

Nel marzo 2018 avevo scritto un articolo: L’Italia? …l’esempio economico per il mondo! che spiegava quali sono le ricchezze dell’Italia, e come sarebbe possibile monetizzarle.

Nel mese di novembre 2018 nell’articolo: Reddito di cittadinanza: non lasciamoci raggirare, mi chiedevo se l’attuale proposta del Governo riguardo la distribuzione del Reddito di Cittadinanza fosse veramente corretta.

Sempre convinto che come ci spiega l’Associazione no profit COEMM, oggi una forma di reddito di base da distribuire a tutti sia possibile e necessaria, oggi desidero condividere, un bellissimo video che vi farà comprendere in modo semplice e chiaro, con tanto di articoli della Costituzione Italiana, come oggi l’Italia possa uscire dalla crisi finanziaria, introducendo una moneta “complementare positiva” (che non crea debito pubblico), utile anche per poter finanziare il reddito di base, e poter avviare una riforma politica come  suggerita dal “progetto pilota” dell’Associazione no profit COEMM.

Tra i relatori anche Antonino Galloni:

Penso che come Clemm CFP Classici e Dedicati, abbiamo un impegno molto importante nel comprendere questo video, e condividerlo con tutti.

 

 

Autore dell’articolo: Stefano Cargnelutti

Progetto La Buona Comunicazione

 

 

La Buona Comunicazione è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM. (Maura Luperto presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)

Info: COEMM – Pagina Facebook

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *