Home>Blog>Curiosità>Risposta a: Coemm & Clemm qual’è la verità?
Curiosità

Risposta a: Coemm & Clemm qual’è la verità?

✍?✍?Risposta a: Coemm & Clemm qual’è la verità?✍?✍? Articolo di Stefano Cargnelutti ✍?✍? Gorizia✍?✍?

Ciao Alberto, visto il post che mi hai dedicato nella pagina Facebook “Coemm & Clemm. Qual’è la verità?”, sento il dovere di informarti.

Il mio progetto nasceva nel 2005 con il nome di progetto Svilupporegione. Lo scopo del progetto era offrire alle piccole aziende strumenti per poter comunicare al passo con le multinazionali.

Nel 2011 a fianco del progetto Svilupporegione, creavo il primo social, del quale tutt’oggi è ancora attivo il dominio bsnpoint.com ma vuoto.

Infatti nel 2013 il social fu trasferito in un server più prestante e nello stesso istante cambiò dominio. Tutt’oggi attivo, lo si può raggiungere dall’indirizzo beezzup.com

Con questo evento, il progetto fu integrato anche ai servizi di Google e nacquero anche le prime presentazioni. Eccone una: presentazione 2013

Nel 2015 al social venne aggiunto il dominio ilovemycity.town per presentarsi con una home e un nome più attinente al progetto. beezzup.com cedeva quindi la homepage all’indirizzo ilovemycity.town
Questa è una presentazione del progetto risalente al 2015:
presentazione 2015

 

Come vedi su tutti i portali, il mio progetto non è gestito da un’associazione, ma possiedo una partita iva.

 

Il progetto Mondo Migliore promosso dall’associazione no profit COEMM l’ho conosciuto nel maggio del 2017

Mi è subito piaciuto; infatti il progetto COEMM diffonde le stesse idee e principi che io mettevo e metto nel mio lavoro, quindi ho deciso di fondare un CLEMM.

Il COEMM è un’associazione no profit, non una ditta, quello che fa, è portare conoscenza, promuovere cultura.
Come sai perfettamente, per fare questo, promuove il progetto culturale Mondo Migliore, un progetto basato su 4 regole (etica, altruismo, buona comunicazione, riservatezza) ma sopratutto insegna, insegna tante cose, tra le quali anche quale sarebbe una soluzione ai problemi economici del momento.

Ma il suo operato da associazione, è solo questo, promuovere cultura e conoscenza.

Poi ci sono delle aziende e persone che possono, in modo autonomo e indipendente, nelle proprie possibilità, capacità e responsabilità, decidere di operare seguendo la traccia del progetto Mondo Migliore, e rispettando le famose “4 regole” dell’associazione no profit COEMM.

 

Quindi non un progetto dentro al progetto del Dott. Sarlo

ilovemycity.town è un progetto fondato dalla mia azienda. Un progetto indipendente ed esterno all’associazione COEMM, e l’unica cosa in comune che può avere, sono il rispetto delle 4 regole dell’associazione no profit COEMM e un piano di sviluppo molto simile al progetto Mondo Migliore.

Il progetto è nato prima della fondazione dell’associazione COEMM e chi mi conosce sa anche che dopo aver aperto il CLEMM, per non ostacolare il percorso di crescita del progetto Mondo Migliore, ho volutamente rallentato e limitato l’uso delle risorse presenti nello stesso portale ilovemycity.town

Per me l’esistenza del progetto Mondo Migliore rappresenta la conferma che il mio lavoro è stato una buona idea e oggi sono ancora più convinto che:

IL MONDO SI PUÒ CAMBIARE, BASTA SEGUIRE I PRINCIPI, LA CULTURA E CONOSCENZA MESSI A DISPOSIZIONE DELL’ASSOCIAZIONE NO PROFIT COEMM, OPERARE NEL RISPETTO DELLE LEGGI, E CERCARE DI RENDERE OPERATIVA, LA PARTE DI PROPRIA COMPETENZA INSERITA NEL PROGETTO MONDO MIGLIORE.
SE OGGI IL 70% DELLE AZIENDE E PERSONE AGISSERO SECONDO QUESTI PRINCIPI, IL PROGETTO DEL COEMM NON SAREBBE UN PROGETTO, MA SAREBBE GIÀ REALTÀ.

Nel mio piccolo e con tutte le difficoltà economiche del momento, faccio quello che posso, senza promettere nulla, operando nel rispetto di quelle 4 regole che si dice essere del COEMM, …ma che nella realtà dovrebbero essere 4 regole fondamentali per tutti.

Senza dover aspettarsi o aspettare qualcosa da qualcuno, come me potrebbe e dovrebbe liberamente operare da subito qualsiasi azienda o persona esistente sulla terra; queste aziende e persone diventerebbero i “mattoni che daranno vita” al progetto Mondo Migliore.

 

 

Autore dell’articolo: Stefano Cargnelutti

Progetto La Buona Comunicazione

 

 

La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)
Sito: www.coemm.org
Facebook: facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/
Yuotube: youtube.com/channel/UCPeEGg5tKdoyOPK–mGE5Yg

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *