Home>Blog>Cronaca>Comiche italiane…i residenti in italia non possono guidare auto con targhe straniere!
Cronaca

Comiche italiane…i residenti in italia non possono guidare auto con targhe straniere!

✍?✍?Comiche italiane…i residenti in italia non possono guidare auto con targhe straniere!✍?✍? Articolo di Stefano Cargnelutti ✍?✍? Gorizia✍?✍?

 

Comiche italiane…i residenti in italia non possono guidare auto con targhe straniere

Scusatemi per l’ironia del titolo, perché questo argomento secondo il mio parere è un vero e proprio atto antidemocratico, anticomunitario, antieconomico …e che va a pesare pesantemente sulle persone con grossi problemi economici; …ma a quanto pare, gli Stati Europei confinanti, …sembra si divertano parecchio sulle iniziative del nostro Governo.

 

L’ultima novità chiamata “Decreto Sicurezza”,

…che personalmente più che di sicurezza, mi sembra un decreto studiato per recuperare soldi e tasse, ha messo in serie difficoltà non tanto i “furbi“, che non avendo molti problemi economici, sicuramente più di tanto non ne risentono, ma numerosissimi lavoratori stranieri, e numerosi italiani che dopo l’ultima grande guerra, …si sono visti divise le proprie famiglie in due distini Stati.

Comiche italiane, …se solo si pensa che a causa di questo decreto, ci sono centinaia di lavoratori di Paesi confinanti (ad esempio la Slovenia), che si sono trovati in difficoltà a raggiungere il posto di lavoro in Italia, …ma anche cittadini confinanti che lavorando in Slovenia e residenti in Italia, …si sono trovati in difficoltà a raggiungere le proprie abitazioni.

 

E fin qui l’egoismo potrebbe farci dire… <<e chi se ne frega, …sono Sloveni!>>.

Ma non dobbiamo dimenticarci che ci sono anche tantissimi italiani che hanno parte della propria famiglia (ad esempio i genitori anziani) in Slovenia; vivono in Italia, parecchi si trovano in gravissime difficoltà economiche perché senza lavoro; utilizzano l’auto dei loro genitori, anche per raggiungerli e assisterli.

…ma anche in questo caso, il nostro egoismo potrebbe portarci a dire… <<E chi se ne frega? Se sono italiani, è giusto che paghino le tasse in Italia!>>

Ma evidentemente la Slovenia non è dello stesso parere. Infatti a quanto pare, …offesa, ecco fioccare una nuova legge Slovena: in Slovenia, le patenti italiane, possono guidare solo automobili italiane!
…e giù risate! Già, proprio Comiche italiane!

 

Cari miei, se l’Italia desidera tenere i bolli, e applicare i superbolli contro l’inquinamento delle auto vecchie, …se in Italia le assicurazioni in 14a classe arrivano a 1.800€/anno (e grazie all’ultima trovata che ha legato la classe bonus malus al libretto dell’auto, ha costretto migliaia di guidatori con anche 30 anni di guida impeccabile a passare in 14a classe), mentre in Slovenia con 250€/anno si paga bollo, assicurazione e collaudo (hanno il collaudo annuale), …oppure in Francia con 500€/anno si può optare ad una “specie di minicasco” (se parcheggiando l’auto demolisci il portone del garage, ti pagano auto e portore), non è né corretto né logico cercare di assicurarsi gli incassi applicando, …scusatemi, sempre a mio parere, leggi antidemocratiche e anticomunitarie.

 

L’economia funziona quando un Paese rimane concorrenziale al resto del mondo

Non possiamo essere indifferenti quando vediamo i nostri vicini “sardi” a gettare litri e litri di latte, perché causa gli elevati costi produttivi interni (e le tasse, imposte, bolli, assicurazioni ecc. ne fanno parte), il costo medio produttivo diventa più elevato di quello importato dagli Stati confinanti. Questo dovrebbe invece far riflettere, …perché quel latte, …è una ricchezza dell’Italia, …e gettarlo, è come gettare € nel fuoco!

La realtà è una sola. Se anche in Italia, le assicurazioni costassero 300€, …e il bollo 20€, …nessuno andrebbe ad immatricolare un’auto all’estero, oppure a noleggiare all’estero una berlina a 150€/mese, all’inclusive (tagliandi, assicurazione, auto sostitutiva e riparazioni incluse, …in pratica il canone mensile, costa meno della sola assicurazione in 14a classe).

La realtà è una sola: oggi ci sono italiani senza lavoro da anni, che per poter vivere utilizzavano l’auto dei propri genitori residenti nel Paese confinante, …a 5-6 km da casa. Oggi si trovano impossibilitati a guidare l’auto dei propri genitori perché targata Slovenia, …ma non possono guidarla nemmeno in Slovenia, …perché hanno la patente italiana.

E c’è pure la cigliegina sulla torta!
Non possono nemmeno immatricolare l’auto dei propri genitori in Italia, perché immatricolando l’auto ora, …perderebbero pure il diritto a ricevere il reddito di cittadinanza!
Quindi? …non rimane altro che spendere 5€ al giorno (biglietto andata e ritorno del bus per raggiungere Gorizia + biglietto andata e ritorno dell’autobus per raggiungere la Slovenia (tot 5km), …per poi prendere gli autobus di Nova Gorica, …gratuiti per tutti, sia cittadini Sloveni, che ospiti stranieri!

 

Eppure c’è un “progetto pilota” che suggerisce una soluzione a questi problemi…

Il “progetto pilota” dell’Associazione no profit COEMM, che fa notare come si potrebbe creare una rete di noleggio a lungo termine per le auto; … e il caso vuole si parlasse proprio di 150€/mese; …ed ha pure sempre suggerito che i mezzi pubblici, la sanità… dovrebbero essere gratuiti.

 

Possibile?

Se lo stanno già facendo parecchi Stati Europei, …penso proprio di si, …ma a permetterlo dovrebbe essere lo Stato, che piuttosto che investire soldi nella rottamazione, …a mio avviso potrebbe studiare soluzioni proprio per agevolare il noleggio a lungo termine.
Auto più sicure, auto più ecologiche, …e a parità d’offerta, si andrebbe anche a creare un parco dell’usato con auto più giovani!

…caro PVU, pensaci tu!

 

 

Autore dell’articolo: Stefano Cargnelutti

Progetto La Buona Comunicazione

 

 

La Buona Comunicazione è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM. (Maura Luperto presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)

Info: COEMM – Pagina Facebook

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *