Home>Blog>Cronaca>L’aiuto
Cronaca

L’aiuto

Mai cercare di aiutare qualcuno… a meno che non sia pronto ad essere aiutato”. 

(Jeff Foster – Innamòrati di chi sei, qui e ora)

 

Dell’evento “E dopo…Edipo”, tenutosi a Genova il 12 maggio u.s., ne abbiamo parlato in tanti, sottolineando l’importante accelerazione che sta vivendo il Progetto COEMM, grazie a quanti stanno donando il proprio contributo… e non parlo del singolo euro di libera donazione (che per altro a molti rimane inspiegabilmente sepolto in tasca), ma parlo delle azioni che ciascuno, nel suo piccolo, sta attuando giorno per giorno.

Parlo di quei fantastici bambini che hanno recitato, senza alcuna retorica, nel breve docu-film sulla situazione disastrosa del nostro pianeta (e che da solo dovrebbe farci arrossire di vergogna…).

Parlo di chi l’ha girato, in pochi giorni e con attrezzature di fortuna.

Parlo del genio che ha ideato il progetto E.D.I.P.O. (Eliminazione Delle Isole Plastiche Oceaniche – di cui parlerò in un ulteriore articolo), che oltre ad onorarci della sua presenza, dichiara tranquillamente che E.D.I.P.O. non è il SUO progetto ma il NOSTRO progetto, sottolineando il fatto che ciascuno di noi può esserne un promotore attivo, semplicemente parlandone agli altri nella nostra quotidianità… naturalmente se crediamo profondamente che sia effettivamente una strepitosa soluzione, innovativa e realizzabile, e non solo l’ennesima sparata velleitaria di qualche buontempone.

Parlo della stupefacente chiarezza espositiva e professionale della nostra pluri-laureata in Farmacologia, Naturopatia e Scienza della Nutrizione, che ad ogni intervento ci stimola ad affrontare la necessità di una nutrizione sempre più consapevole per il nostro benessere.

Parlo delle persone che hanno deciso di dedicare sforzi e tempo (sottraendolo alla famiglia…), al sostegno del PVU, il partito che è nato per portare il Progetto COEMM in Parlamento.

Scusate se è poco!

E per chi non fosse ancora riuscito a leggere tra le righe, voglio concludere con una storiella un po’ datata ma sempre attualissima…

Nel paese che si sta allagando per l’inondazione, un uomo sale sul tetto della sua casa e, da buon credente quale è, prega Dio che lo salvi.

Intanto che l’acqua continua a salire, passa un gommone della protezione civile e lo invitano ad andare con loro… ma lui, che continua a pregare, risponde: non vi preoccupate, Dio mi salverà!

Poi passano i pompieri in barca, ma la sua risposta è sempre la stessa: “Tranquilli, salvate gli altri, a me ci pensa Dio!”

L’acqua sale ancora e praticamente gli arriva già alla gola… passa il vecchio Beppe su una zattera di fortuna che lo invita ad andare con lui, ma la risposta è sempre quella: “blub… non ti… blub… preoccupare… blub… Dio mi aiuterà… blub… blub… blub…”

Così, quando si trova al cospetto di Dio, gli dice abbastanza stizzito: “Insomma, ti ho pregato tanto, perché non mi hai salvato?”

“Ma come”, risponde Dio:” Ti ho mandato i pompieri, la protezione civile e, alla fine, anche il vecchio Beppe! Non potevi salire sulla barca?”

Rodolfo Spirandelli

 

“La buona comunicazione: 
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore

Info:

coemm.org

https://www.facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/

 

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *