Home>Blog>Salute>Parliamo di ACQUA – 30/10/2018
Salute

Parliamo di ACQUA – 30/10/2018

Oggi parliamo di Acqua! 

Ma di quella che è fonte dell’energia che da la vita!

 
In tutti i sensi!

La parola al Dr. Maurizio Sarlo:

In una nostra passata Conferenza, abbiamo avuto ospite l’amico dott Rocco Palmisano: io lo considero un luminare del campo specifico, tanto che i suoi lavori sono condivisi per molte parti dal Gastroenterologo dott STEFANO Fais (dell’Istituto Superiore di Sanità).

Rocco Palmisano, è stato autore di libri sul tema di energia dell’acqua e inventore di un brevetto mondiale per una soluzione alcalinizzante denominata “AlkaWater”.

Egli ci dice: “Sapete qual è la causa delle malattie croniche degenerative? La ricerca scientifica da più parti del mondo ha appurato che la causa principale è l’acidosi. Ma qual è la causa dell’acidosi? Lo stile di vita frenetico odierno è altamente acidificante. Inoltre, l’inquinamento chimico ed elettromagnetico fa la sua parte. Ma il fattore acidificante più grave è rappresentato dal cibo spazzatura, dalle bevande industriali e dalla disidratazione cronica. Infatti, poiché facilmente perdiamo la sensazione della sete non beviamo acqua che è l’unica bevanda veramente capace di idratare ed energizzare le cellule del nostro corpo.
Essendo l’acqua la sostanza solvente per eccellenza, essa è l’elemento ideale per eliminare le sostanze tossiche accumulate nel nostro corpo. E se ci sono sostanze acide? Ecco che è possibile bere acqua alcalina per agevolare ed accentuare l’eliminazione delle tossine acide”.

Su questo tema c’è infatti molta letteratura. I libri più significativi sono:
Alcalinizzatevi e Ionizzatevi di Rocco Palmisano ed il libro
L’Approccio Antiacido di Stefano Fais e Rocco Palmisano.
I suddetti autori sono impegnati a far ricerca e divulgare l’approccio alcalino per PREVENIRE E CURARE le malattie. Attraverso il metodo dell’acqua alcalina e dell’alimentazione alcalinizzante oggi è possibile prendere in mano la gestione della propria salute. Per agevolare questo approccio è consigliabile bere acqua alcalina nella quantità media di 2 litri al giorno. L’acqua alcalina che esiste in natura oggi è possibile ottenerla con determinati apparecchi ma ancora più facilmente con il concentrato ALKAWATER, acquistabile in farmacia (circa 30 euro a flacone) o sul sito del produttore (vivere alcalino it).

L’utilizzo di AlkaWater è semplice, basta aggiungere 5 gocce per ogni mezzo litro d’acqua leggera con residuo fisso sotto 100 mg/l e bere preferibilmente prima dei pasti. È preferibile preparare l’acqua man mano che serve. Preparandola per tutta la giornata si perde un po’ di efficacia.

Finisco questo post ricordando a tutti la filosofia che anima il nostro Progetto pilota e il passa parola che, auspichiamo, diventi sempre più numeroso: “questi prodotti dovrebbero essere passati al pubblico gratuitamente, da uno Stato etico che sapesse produrre equilibrio fra i costi e i benefici di una collettività. Così come sono invece resi gratuiti i vaccini ed il Loro assurdo obbligo! Una persona intelligente dovrebbe leggere i foglietti illustrativi di tutti i Vaccini e di AlkaWater!
Chi non è stolto comprenderebbe bene!

Gli autori dei Libri in foto:
STEFANO FAIS: medico e gastroenterologo, ricercatore dell’istituto supetiore della sanità, direttore del dipartimendo di oncologia e medicina molecolare.
ROCCO PALMISANO
Laurea in tecniche radiologiche, laurea in scienza della salute (USA) e naturopata.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

L'immagine può contenere: testoL'immagine può contenere: testoL'immagine può contenere: folla, meme e testo

 

Per leggere gli altri articoli clicca Qui

“La buona comunicazione: 
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore

Info:

www.coemm.org

https://www.facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/

Condividi su:

One thought on “Parliamo di ACQUA – 30/10/2018

  1. Pingback: Google

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *