Home>Blog>Cronaca>Tormentano un disabile per estorcergli denaro, in Puglia baby gang scatenate venti arresti
Cronaca Regionale

Tormentano un disabile per estorcergli denaro, in Puglia baby gang scatenate venti arresti

L’operazione presenta analogie col caso di Antonio Cosimo Stano, il 66enne di Manduria affetto da disagi psichici morto il 23 aprile dopo aver subito aggressioni e angherie da più gruppi di giovani che poi condividevano le loro scorribande su whastapp

Tormentano un disabile per estorcergli denaro, in Puglia baby gang scatenate venti arresti

Avrebbero vessato un pensionato disabile: con l’accusa di estorsione, furto, rapina e atti persecutori contro un 61enne di Sava affetto da disagi psichici, i carabinieri hanno arrestato 18 giovani, 8 dei quali minorenni, e notificato 2 ordinanze di divieto di avvicinamento. L’operazione presenta analogie col caso di Antonio Cosimo Stano, il 66enne di Manduria affetto da disagi psichici morto il 23 aprile dopo aver subito aggressioni e angherie da più gruppi di giovani che poi condividevano le loro scorribande su whastapp.

Molte analogie con il “Caso Stano”

Il caso ha molte analogie con il “Caso Stano” di Manduria della primavera scorsa, che aveva messo in luce le attività vessatorie da parte di diverse baby gang locali nei confronti di un pensionato, successivamente deceduto anche per le angherie subite. Per la vicenda di Stano in 16 sono finiti sotto processo: 3 maggiorenni e 13 minorenni (per i quali è stata chiesta la messa alla prova).

Ecco di cosa dovranno rispondere

L’operazione di è a carico di 12 maggiorenni (cinque in carcere, cinque agli arresti domiciliari e due destinatari di divieto di avvicinamento alla persona offesa) e nei confronti di otto minorenni (3 associati presso istituti di pena minorile e 5 collocati in Comunità di recupero) in esecuzione di provvedimenti emessi dal gip del Tribunale ordinario di Taranto e del Tribunale dei Minori su richiesta delle rispettive Procure. Ad alcuni indagati viene contestato anche il reato di detenzione e porto illegale di arma da sparo. L’inchiesta ha messo in luce che la vittima era e relegata in una situazione di emarginazione e vessata da anni dalla baby gang che la sottoponeva a micro estorsioni.

http://notizie.tiscali.it/cronaca/articoli/altro-caso-Stano/

Condividi su:
Redazione BlogCQ24
Articolo della Redazione BlogCQ24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *