Home>Blog>Sociale>Baden-Powell: il mondo migliore degli scout
Baden-Powell: il mondo migliore deggli scout
Sociale

Baden-Powell: il mondo migliore degli scout

Spread the love

22 febbraio, giornata mondiale del pensiero. Si ricorda il generale britannico Robert Baden-Powell che nel 1907 ha fondato il movimento scout. Oggi quest’organizzazione conta più di 25 milioni di ragazzi di tutte le nazioni del mondo e di ogni religione. In questa giornata, gli scout si riuniscono ovunque nel mondo e danno un loro simbolico contributo che originariamente era 1 penny – oggi in Italia è 1 euro – che viene dato in beneficenza. Dalle prossime poche ma significative nozioni possiamo capire il motivo del successo di questo movimento.

Pedagogia di Baden-Powell

E’ conosciuto anche come B.P. Non era un pedagogista, eppure ha insegnato un atteggiamento di vita che, considerando il periodo dalla prima alla seconda guerra mondiale, è a dir poco rivoluzionario.
Egli era contro le barriere di classe, auspicava una futura fraterna collaborazione tra lavoratori e datori di lavoro, intravedeva nello scoutismo il mezzo per formare una concreta pace internazionale.
B.P. (Baden-Powell) non insegnava teoria, ma voleva che i ragazzi potessero esperimentarsi e vivere in stretto contatto con la natura. In netto contrasto con la scuola ufficiale che imponeva lo studio di nozioni, lui riteneva importante valorizzare la personalità dei ragazzi, dando spazio alla soddisfazione delle loro esigenze.

“Non è lui che deve comportarsi da uomo, è l’adulto che deve sapersi mettere sul piano del ragazzo, per poter comunicare con lui, e porsi efficacemente come modello. Chiedetelo al ragazzo – era il motto preferito di B.P.” Secondo lui l’educazione non deve essere una fatica, bensì un piacere. Offrendo ai ragazzi attività interessanti, saranno loro stessi a scoprire le proprie abilità.

Solidarietà, fraternità e pace

Nel 1920, in occasione del primo incontro mondiale scout Baden-Powell ha chiuso così il suo discorso:

“Fratelli scout, Vi chiedo di fare una scelta solenne. Esistono tra i vari popoli del mondo differenze di idee e di sentimenti, così come ne esistono nella lingua e nell’aspetto fisico. La guerra ci ha insegnato che se una nazione cerca di imporre la sua egoistica volontà alle altre, è fatale che ne seguano crudeli reazioni. Il Jamboree ci ha insegnato che se facciamo prova di mutua tolleranza e siamo aperti allo scambio reciproco, la simpatia e l’armonia sprizzano naturalmente. Se voi lo volete, partiamo di qui con la ferma decisione di voler sviluppare questa solidarietà in noi stessi e tra i nostri ragazzi, attraverso lo spirito mondiale della fraternità scout, così da poter contribuire allo sviluppo della pace e della felicità nel mondo e della buona volontà tra gli uomini”

Gli scout in Italia

Scuot Valle d'Aosta

Sebbene in Italia dal 1926 al 1943 (periodo chiamato “Giungla silente”) le attività scout erano vietate, oggi i “giovani esploratori” formano gruppi in moltissimi comuni. In Valle d’Aosta ad esempio ci sono 4 gruppi di scout, e il 22 febbraio anche loro si sono riuniti.
Per stare insieme e far crescere i valori che Baden-Powell ha trasmesso ai ragazzi, vengono organizzate attività e uscite settimanali. I piccoli e grandi scout fanno lavoretti manuali, imparano giocando all’aria aperta e passeggiando sul territorio. Gli oggetti creati spesso sono strumenti utilizzati negli spettacoli teatrali a cui invitano amici e parenti.

Attività scout Valle d'Aosta

Quello degli scout, dei “giovani esploratori”, è il movimento mondiale probabilmente più grande che si basa su principi sani e vantaggiosi per l’uomo. Il bene che fanno sin dai primi del novecento ad oggi, è immenso e indiscusso. Ma immaginiamo cosa potrebbe significare applicare i principi della fratellanza, etica ed altruismo in una società che si basa su nuovi valori, su quelli appartenenti al Nuovo Umanesimo insegnato e diffuso dal Progetto COEMM e portato sul tavolo della Politica odierna dal PVU. Meditiamo!

Per sfogliare tra i miei articoli clicca sulla foto:

Il blog di EditLa buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)
Info: https://www.coemm.org/
https://www.facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/

 

Edit Molnar
Benvenuti sul Blog il cui filo conduttore e titolo potrebbe essere questo: “M-EDIT-iamo in una NUOVA ERA”. Sono Edit, mi sento attratta dalle cose INNOVATIVE e positivamente moderne che facilitano la vita di tutti, e sono fonte di felicità, benessere fisico e psichico. Come appassionata dei temi del benessere mi piacerebbe parlarvi della grande quantità di piante, frutta e verdura e in che modo fanno bene al nostro organismo. Potrei trovarmi facilmente a parlarvi di personaggi poco conosciuti che però propongono idee geniali, realtà innovative per un Mondo Migliore. Mi piace pensare che saremo sempre più curiosi, e man mano potremo uscire dalla cattiva abitudine dell’ignoranza, nel senso di non continuare ad ignorare le cose intelligenti solo perché non sono ancora accettate dalla massa. Essendo un’INSEGNANTE di mestiere, sicuramente non potrò trattenermi di proporre cose che a mio parere possano lasciarci qualche insegnamento e arricchire la nostra esistenza, ad esempio film, libri, articoli ecc. Spero che vi piaccia la mia PALETTA delle INNOVAZIONI ed ognuno di voi possa trovare interessante dialogare e commentare gli argomenti proposti. M-Edit-iamo in una Nuova Era!

4 thoughts on “Baden-Powell: il mondo migliore degli scout

    1. Grazie a Te Monica! Abbiamo molte belle realtà intorno a noi. Queste realtà però poggiate sul sistema viziato in cui viviamo rendono molto meno di quanto potrebbero. Ma c’è speranza! Le belle persone se uniscono le loro forza potranno cambiare gli attuali paradigmi.

  1. Grazie, come sempre, Edit! Leggendo il tuo scritto penso a quante esperienze POSITIVE il ns. Proggetto attinge per migliorare l’UOMO ! SIAMO UNA FORZA! GRAZIE

    1. In una nuova società poggiata sui nuovi paradigmi avremo molte brave persone intorno a noi con chi ripartire verso la comune meta “valore umano”. Grazie Augusto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *