Home>Blog>Economia>Tutto è “questione Coemm”
Tutto è questione COEMM
Economia

Tutto è “questione Coemm”

Spread the love

COEMM ha le soluzioni! Come il controllo del cibo ha permesso di controllare i popoli del mondo? Ecco per tutti noi un’altra verità sconcertante che il Progetto di Maurizio Sarlo contrasta pienamente.

Cari Lettori appartenenti ai CLEMM e non, nei mesi passati ho cercato di farVi conoscere alcune delle svariate sfaccettature del Progetto COEMM, attraverso le mie lenti d’ingrandimento. Solo alcune, perché esso è immenso, fatto di innumerevoli progetti più piccoli e concreti, in parte già avviati, che abbracciano ogni ambito della vita nostra, ma anche di chi per ora trova sia tutto solo un’utopia.

Il Progetto COEMM è per tutti

Per conoscerlo bisogna dedicare tempo ed energia. Essendo una proposta positiva, unica vera alternativa costruttiva del disastro unificato di quanto oggi ogni paese del mondo vive, vale veramente la pena di esaminarlo attentamente. Anche Noi l’abbiamo fatto, ci ha appassionato ed ecco che per molti di noi è diventato uno stile di vita, rugiada nel deserto che fa ritrovare le forze.

Il Progetto COEMM di Maurizio Sarlo

è fonte inesauribile di insegnamenti, riflessioni ed emozioni che racconto sempre con immenso piacere. In uno degli articoli (cliccate sui link blu per leggerli) ho scritto sulla necessità di cambiamento del sistema scolastico, poi in un altro su quanto oggi la consapevolezza sia di fondamentale importanza. Ho inserito anche un mio breve racconto che parla del tempo di cui la maggioranza di noi non considera la caratteristica più significativa e cioè quella che esso per Noi purtroppo ha una fine. In uno dei primi articoli ho cercato di descrivere l’essenza della nuova era che Il Progetto Coemm ci insegna, e come il Mondo Migliore ci restituirà libertà e dignità. Vi ho anche raccontato un esempio lampante dell’obsolescenza programmata, e in che modo noi appartenenti ai clemm cerchiamo di essere uniti e felici mentre siamo impegnati in un’impresa non facile che è costruire il nostro futuro.

Per completare sempre di più il quadro sottolineando la gravità della situazione e l’urgenza di uscirne, ecco per Voi una verità sconcertante che naturalmente il Progetto di Maurizio Sarlo contrasta pienamente:

Come il controllo del cibo permette di controllare i popoli del mondo

Henry Kissinger: “Controlla il cibo e controllerai le persone”. La brama di potere non ha proprio limiti… Nell’attuale sistema dove l’accesso ai soldi è fortemente limitato, anche le risorse, come il cibo, di conseguenza sono limitate. Non è una cosa logica ma i fatti dimostrano questo. E allora vediamo come mai? Ogni contadino da quando il mondo è mondo conserva parte dei sementi della sua raccolta per assicurare i semi necessari per l’anno dopo. Perché dal 1994 i contadini non lo possono fare più?

Sono migliaia gli agricoltori morti a causa della norma spinta e approvata dagli USA nel 1994 a Marakesh. Questa politica legalizzata ha permesso alle multinazionali (Monsanto, DuPont, Syngenta ed altri) di brevettare i semi. Ciò significa che queste aziende (che prima si occupavano di farmaci, vernici e sostanze chimiche), hanno legalmente ottenuto il potere per costringere i contadini del mondo a firmare i loro contratti, in modo che essi non avessero scelta, e a comprare i sementi resi ibridi, OGM e soprattutto non fertili. La via naturale delle cose e la natura stessa è stata capovolta!

Gli alimenti vengono dall’agricoltura, sono prodotti della terra. I semi dai quali li otteniamo “sono passati da sacro elemento portatore di vita a potente strumento per monopolizzare la produzione mondiali di cibo.” I contadini da decenni non sono più padroni di se stessi, vengono costretti ad accettare il sistema in cui “l’uso dei semi ibridi e OGM è stato promosso non solo in occidente, ma anche nelle aree più povere del mondo.“ E come se non bastasse, i semi sterili necessitano fertilizzanti della stessa marca dei semi, altrimenti essi rimangono letteralmente uccisi. I semi devono quindi essere ri-acquistati ogni anno.

Ecco i fatti

di cui sono venuta a conoscenza attraverso i filmati di RQI facente parte del Progetto Coemm. Rimane chiaro per chiunque che il mondo va a rotoli, va contro la natura e contro la maggioranza degli abitanti della Terra e a favore dei pochi che comandano i molti.

Coemm interviene anche in questo ambito. L’agricoltura biologica esiste da molto tempo, come esistono comuni italiani dove recentemente hanno vietato l’uso dei pesticidi (Petrosino TP). Ma finora tutto quello che è sano, come anche la coltivazione biologica, ha un costo molto elevato perché non viene promosso dallo stato. Coemm raggruppa e promuove le tecnologie più innovative amiche del nostro globo, anche nell’ambito dell’agricoltura. Ottimo esempio è il sistema dell’acquaponica che insieme ai molti altri sistemi moderni promossi dal Coemm, e al rilancio dell’economia locale italiana delle piccole e medie imprese sarà possibile contrastare la politica scorretta delle multinazionali e potrà finalmente essere eliminata la povertà anche negli angoli più sperduti del mondo.

Per leggere tutti gli articoli del mio Blog clicca qui:

Blogger ChatillonLa buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)
Sito: https://www.coemm.org/
Fb: https://www.facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCPeEGg5tKdoyOPK–mGE5Yg

 

 

Edit Molnar
Benvenuti sul Blog il cui filo conduttore e titolo potrebbe essere questo: “M-EDIT-iamo in una NUOVA ERA”. Sono Edit, mi sento attratta dalle cose INNOVATIVE e positivamente moderne che facilitano la vita di tutti, e sono fonte di felicità, benessere fisico e psichico. Come appassionata dei temi del benessere mi piacerebbe parlarvi della grande quantità di piante, frutta e verdura e in che modo fanno bene al nostro organismo. Potrei trovarmi facilmente a parlarvi di personaggi poco conosciuti che però propongono idee geniali, realtà innovative per un Mondo Migliore. Mi piace pensare che saremo sempre più curiosi, e man mano potremo uscire dalla cattiva abitudine dell’ignoranza, nel senso di non continuare ad ignorare le cose intelligenti solo perché non sono ancora accettate dalla massa. Essendo un’INSEGNANTE di mestiere, sicuramente non potrò trattenermi di proporre cose che a mio parere possano lasciarci qualche insegnamento e arricchire la nostra esistenza, ad esempio film, libri, articoli ecc. Spero che vi piaccia la mia PALETTA delle INNOVAZIONI ed ognuno di voi possa trovare interessante dialogare e commentare gli argomenti proposti. M-Edit-iamo in una Nuova Era!