Home>Blog>Economia>“Italia in crisi? Ecco la soluzione”
Economia Veneto

“Italia in crisi? Ecco la soluzione”

I CFP Blogger intervistano Antonino Galloni 

IL PROF GALLONI CI HA GENTILMENTE DEDICATO UN PO’ DI TEMPO NEL RISPONDERE AD ALCUNE DOMANDE FLASH CHE ABBIAMO VOLUTO PORGLI

” Dopo l’esperienza del bruzio, che consigli potrebbe dare per un’attuazione nei piccoli comuni?”

” Tutti i Comuni che vantano crediti dai livelli superiori (Stato, Regione, ecc.) possono anticipare le loro spese con questi strumenti (consiglio monete metalliche, non il cartaceo perchè si rischia di incappare in una sanzione amministrativa del 1909); si può usare anche l’elettronica…ovviamente. Questa è la forma più semplice; ci sono anche altri percorsi, ma è meglio partire dalle cose più semplici! “

” Come si potrebbe diffondere capillarmente? Quale potrebbe essere la leva per un sindaco scettico o timoroso?
Vede una rispansione a breve della moneta “parallela”? “

” Lasciamo perdere la gente scettica e timorosa: se parte qualche decina di comuni poi gli altri seguiranno… “

” Che cosa pensa dei mini bot? “

” Ottima cosa! Come l’ha ideata Borghi potrebbe anche non risultare a debito: infatti se circolano come effetti di “pronto uso”…è meglio. “

” Le elezioni europee. Potrebbero dare dignità e maggior potere al parlamento europeo? “

“Forse sì, se i sovranisti vinceranno, indicando un programma comune e non – come adesso – il rintanamento di ciascuno a casa propria. Insomma, i Sovranisti devono lasciare le loro tane e fare un Congresso Confederativo! “

” La data del 29 marzo, che riporta il gold standard, secondo lei che ripercussioni avrà sul nostro paese? “

” Importanti: le banche, dopo aver abbandonato il credito per fare di tutto, tranne quell’unica fondamentale cosa che dovrebbero, cioè concentrarsi sui prestiti con finalità esclusivamente produttive sul territorio, versano nel panico: le piccole banche che non resistono al deleterio progetto di venir organizzate sotto un’unica egida (dimenticando che sono proprio le grandi banche ad aver esagerato con le tossicità e adesso non sanno più come uscirne); avviare criptovalute; raccontare la bufala di un ritorno all’oro. Infatti, a quest’ultimo proposito, ricordo che la differenza tra gold standard e non gold standard sta nell’accordo autoritativo di una convertibilità a cambio fisso: oggi la convertibilità c’è già, ma è decisa dal mercato di giorno in giorno. Quindi l’oro sale perché anche la gente è spaventata dalle banche e vende valuta, compra oro. E gli Stati più importanti, del pari, ne fanno incetta perché temono la crisi del dollaro. Quest’ultima sarà una certezza quando gli stessi Paesi più importanti sostituissero, nelle loro riserve, i dollari che fanno da paracadute alle loro valute emesse sovranamente con molta libertà. Quella libertà che Paesi produttori e trasformatori, ma sottovalorizzati, come il nostro, dovrebbero cominciare a considerare per evitare l’avanzata della povertà, della disoccupazione, dei bassi salari e dell’arretramento del Welfare, delle infrastrutture e della stessa sicurezza sociale, ambientale e sanitaria.”

 

GRAZIE PROF. GALLONI PER LA DISPONIBILITÀ’!

Cristina Berti

“La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore
Info: www.coemm.org
https://www.facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *