Home>Blog>Scienze>Marte: tecnologia italiana contribuisce al successo della missione “Pianeta Rosso”
Scienze

Marte: tecnologia italiana contribuisce al successo della missione “Pianeta Rosso”

di Monica Brunettini

Marte: la sonda InSight della NASA è atterrata. È andato tutto come previsto: la sonda si è staccata dalla piattaforma – che l’aveva accompagnata fino al “pianeta rosso” – e la discesa sulla sua superficie è stata impeccabile, anche grazie al contributo tecnologico dell’Italia da parte dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI). Tutto il Mondo, giustamente, ne sta parlando – magari con gli occhi rivolti al cielo – affascinato dal mistero che rappresenta da sempre per noi lo “spazio”.

Quanto ha partecipato l’Italia alla missione?

La tecnologia dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) – in prima linea per il buon esito dell’intera operazione spaziale

La parte italiana è rappresentata da uno dei sensori fondamentali per la guida della missione, oltre che da uno strumento costituito da micro-riflettori di ultima generazione sviluppato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI): una speciale semisfera “catarifrangente” che fornirà la posizione del lander sulla superficie di Marte.

Una ‘troupe’ specializzata – con base in Sardegna – ha seguito in diretta l’atterraggio su Marte dalla parabola di 64 metri di diametro del Sardinia Radio Telescope, collocata a nord di Cagliari.

 

Pianeta Terra da migliorare o pianeta Marte?

Mi chiedevo, con tutte le problematiche da risolvere che offre attualmente il nostro pianeta, quale fosse il valore aggiunto di arrivare nuovamente a toccare il suolo marziano.

Marte: la tecnologia italiana ha contribuito molto al successo dell’operazione

Da quel che ho avuto modo di leggere e studiare come si sono formati i crateri e i pianeti rocciosi, si tratta di informazioni che potrebbero insegnarci tanto anche sul nostro pianeta Terra.

L’orgoglio che la navicella sia stata realizzata con un notevole contributo italiano mi coinvolge. Siamo eccellenti e lo dimostriamo in tutti i campi in cui ci cimentiamo. La cosa per tutti noi importante è che iniziamo a rendercene conto, ad amarci come meritiamo e a pretendere che la nostra italianità e il nostro valore vengano rispettati sotto tutti i punti di vista per arrivare a dare dignità al nostro Paese.

 

La buona comunicazione: 

è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di blogger che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)
Info: www.coemm.org e https://www.facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *