L’arrivo della befana, la festa che “porta via tutte le altre”, è un po’ triste, ma sempre bella.

Se guardiamo la festa religiosa dell’Epifania, essa non ha nulla a che vedere con la vecchina brutta e un po’ malandata che passando dai camini porta doni ai bambini riempiendo calze vuote appese.

Epifania significa manifestazione ed è collegata alla nascita di Gesù e alla rivelazione di Cristo ai Magi.

Nella mia parrocchia è arrivata questo pomeriggio la befana, davvero brutta -non me ne voglia- a dire il vero. E’ salita su un trattore ed è scesa tra i bimbi curiosi di farle mille domande e di toccarla. Quando le hanno chiesto se è vera, lei ha risposto che è magia e mistero. Mi sono domandata cosa centrasse questa rappresentazione con la religione e in effetti non c’entra.

La Befana arriva a S. Chiara

Oppure sì, c’entra nella misura in cui ci ri-troviamo e condividiamo quello che abbiamo per manifestare gioia.

E’ semplicemente bellissimo vedere tanti bambini tra l’impaurito e il curioso che ricevono una calza fatta in casa con caramelle, mandarino e qualche nocciolina e che si mettono a giocare insieme felici a “fazzoletto”, “strega tocca color” e “mosca cieca”.

Invece la “vecchia” ha differenti origini antiche e sembra sia la personificazione di Madre Natura, la quale, arida e avvizzita in seguito al freddo inverno, distribuisce i doni, come semi piantati sulla terra che daranno frutto dopo l’inverno.

Calze

Questa confusione tra religioso e profano prende il nome di “sincretismo” ovvero fusione tra festività cristiane e riti e tradizioni di origine molto più antiche e pre-cristiane ma radicate nelle usanze delle persone.

Quando siamo in difficoltà cerchiamo quindi la stella cometa che ci può guidare a compiere la scelta migliore, tuttavia non ritengo che questa stella si trovi in cielo ma sia nel cuore di ognuno di noi.

 

 

 

Quello che è certo è che siamo alla ricerca e chi cerca, lo so, trova sempre risposte e manifestazioni.

Monica Brunettini
Impiegata, blogger e Referente Provinciale Blogger Asti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *