Home>Blog>Politica>IL REDDITO DI DIGNITA’: STRUMENTO CONCRETO PER TUTTI O SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE?
Politica

IL REDDITO DI DIGNITA’: STRUMENTO CONCRETO PER TUTTI O SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE?

Compresi che il cuore di questo Progetto è “DARE VALORE ALL’ESSERE UMANO”, ossia RITROVARE IL VALORE PERDUTO!

 

Sono venuta a conoscenza del Progetto Mondo Migliore da circa due anni, e capendone l’essenza decisi di metterci  la faccia, il tempo a mia disposizione, per farlo conoscere a chi, come me, sentisse una grande necessità di cambiare le cose in meglio, al di là del lavoro fondamentale che ognuno di noi potrebbe fare con se stesso.

Compresi che il cuore di questo Progetto è “DARE VALORE ALL’ESSERE UMANO”, ossia RITROVARE IL VALORE PERDUTO!

Questo Valore può essere dato anche attraverso un reddito di cittadinanza ( io lo preferisco chiamare reddito di dignità)

Vi voglio citare alcune parole dette dall’eurodeputata del M5S al Parlamento europeo dopo  aver ottenuto la maggioranza dei voti in merito alla richiesta di approvazione di un reddito di cittadinanza per 120 milioni di persone europee che sono in difficoltà : “Da oggi le istituzioni europee non potranno più voltarsi dall’altra parte quando sentiranno parlare di cittadini in difficoltà, soffocati da un sistema finanziario che invece di fare i loro interessi ha ridotto sul lastrico le loro imprese e le loro famiglie – attacca l’eurodeputata-  ma saranno costrette ad ammettere che la povertà è un problema europeo e come tale va affrontato”.

L’eurodeputata ha parlato di persone che sono in difficoltà! Ma sul piano della dignità può un essere umano valere meno di un altro? E in che modo vogliono affrontare il problema della povertà?

Voglio riportare un’affermazione fatta da Riccardo Fraccaro, portavoce M5S alla Camera:

Oggi è un giorno importante, perché parte una marcia, una marcia che ha un unico obiettivo: quello di ottenere per il popolo italiano il Reddito di Cittadinanza, cioè l’unica manovra economica realmente in grado di rilanciare l’economia reale e la giustizia sociale in questo Paese. L’unica manovra economica realmente in grado di combattere la corruzione, il clientelismo, la povertà. Vedete, quando vi dicono che i soldi non ci sono, mentono”.

Allora la domanda è: Visto che i soldi ci sono, perché il reddito di cittadinanza non viene distribuito equamente e discretamente a tutta la popolazione? Perché si parla solo di chi ha bisogno, di chi è alla fame, se vogliamo parlare chiaro, e non si parla di Dignità REALE, di Valore Umano, nessuno escluso, tutti allo stesso piano come davanti agli occhi del Creatore?

Sono le differenze che “fanno la differenza”!! Fino a che ci saranno i più meritevoli, ci saranno i meno meritevoli, e le differenze continueranno ad esistere portando scompensi costanti.

I soldi ci sono, ma servono per alimentare un sistema corrotto ed anche una politica corrotta!

Personalmente posso dire che fino ad oggi non ho ancora visto concretamente muoversi qualcosa che dia  dei frutti reali. Tante belle parole!

Dopo l’approvazione da parte del Parlamento europeo, l’eurodeputata Laura Ageo commenta: “La lotta alla povertà e all’esclusione sociale è il vero obiettivo del mio report, e il reddito minimo di cittadinanza il miglior modo per ottenerlo, attraverso una vera e propria rete di protezione sociale che preveda una struttura più ampia ed articolata per impedire ai più deboli di rimanere indietro”.

Benvenga  la possibilità di un reddito minimo per chi non arriva a fine mese, ma alla fine siamo sempre sulla soglia del precipizio!

Quindi ripeto la domanda: Visto che i soldi ci sono, cosa aspettiamo a ridare la dignità alle persone?

Una dignità concreta, autentica e non solo uno specchietto per le allodole!

Personalmente mi sono ritrovata a mio agio nel Progetto Mondo Migliore di Maurizio Sarlo, e non posso assolutamente dire che il Progetto sia carente, anzi!

Quello che sta muovendo a livello prima italiano e poi mondiale mi fa veramente pensare che sono sulla strada giusta. Da quando ho conosciuto il Progetto, piano piano diversi movimenti politici si sono messi in moto per accelerare l’attuazione del reddito di cittadinanza, ma il vero reddito di cittadinanza dovrebbe portare il nome di REDDITO DI DIGNITA’, e non essere una goccia di respiro momentaneo ma un bene più che sufficiente per far vivere le persone dignitosamente.

La dignità non ha prezzo, si dice, ed è su questa affermazione che voglio farvi riflettere.

Il Progetto Mondo Migliore riconosce la necessità di un Reddito di Dignità concreto, e non semplicemente un piccolo sostegno provvisorio per pochi.

OGNI PERSONA HA UNA DIGNITA’ CHE DEVE ESSERE RICONOSCIUTA e che deve riconoscere in primis in se stessa e poi negli altri.

I valori come Etica, Altruismo, Buona Comunicazione e Riservatezza sono gli ingredienti principali per vivere un’esistenza sana e migliore.

Si può parlare di reddito di cittadinanza solo quando ci sarà la consapevolezza che i soldi non mancano, come è stato detto sopra da Riccardo Fraccaro e ribadito più volte dall’economista Nino Galloni, e quando si riconoscerà il valore reale dell’essere umano e la sua potenzialità che oggi viene soppressa. In parole povere basta avere o essere schiavi, è giunto il momento di liberare la persona donandole un reddito di dignità “dignitoso” indirizzandola verso il pensiero e l’azione positivi.

Se fossero queste le reali intenzioni che alcuni partiti politici hanno, allora il reddito di cittadinanza sicuramente non sarà solo per pochi ma per tutti!

Saranno queste le reali intenzioni? Staremo a vedere!

La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)

Info: www.coemm.org    https://www.facebook.com/COEMMeCLEMMOfficialPage/

Condividi su: