Home>Blog>Cultura>VIETATO ARRENDERSI!!!
Cultura

VIETATO ARRENDERSI!!!

TRATTO DAL POST DI MAURIZIO SARLO DEL 29 GIUGNO 2018!

Ma proprio perché ne siamo convinti, vogliamo portare ad evidenziare le nostre azioni in forma materiale. Ben sapendo, altrettanto, di quanto abbiamo chiesto a tutti gli aderenti ai CLEMM sin dal primo giorno; dei mezzi disponibili; dei tempi; delle risorse che abbiamo e con cui dobbiamo confrontarci per rendere evidente l’epocale emissione a credito della nostra Carta Servizi/Quid! In modo che diventi un “caso” di esempio pilota (Italiano e Internazionale)!
Cari Tutti, che ci crediate o no, ne ho davvero sopportate tante, in tanti anni. Ultimamente sopporto persino palesi minacce di morte. Senza contare le offese, gli scherni, le angherie, finanche di certi vertici Istituzionali, che ti negano anche di poterli avvicinare!!! Povera Italia!
Qualcuno che ne capisce, sostiene che, certe minacce, siano frutto dei tipici “Leoni da Tastiera” (ovvero, chi è “bravo” solo a insultare celandosi dietro ad una tastiera dei moderni social)! Mah! A dire il vero, non sempre si può essere sereni per tanta impunità. Dietro ad alcuni social, infatti, che noi abbiamo comunque denunciato in questi ultimi due anni, le Istituzioni Italiane sembrano inermi, permettendo il perpetrarsi di violenze verbali inaudite! Non è questo il Mondo che sogno!

Comunque, io non mollo. Non mi fermerò mai. Io sogno e lo vedo già un Mondo Migliore. Per tutti. Un Mondo dove, chi è deputato alle Istituzioni, abbia risorse e metodi educativi e formativi tali da prevenire/curare ogni sciacallaggio”.

Ho preso questo pensiero che è stato scritto da Maurizio Sarlo nel suo post del 29 giugno, e devo dire, e ribadisco ancora una volta, che una cosa che mi piace di Maurizio Sarlo è la determinazione, il non mollare, lo scendere in campo e concludere la partita, una volta per tutte, nonostante tutto ciò che nel frattempo continua ad insinuarsi in questo campo, probabilmente questa “partita” dà fastidio a qualcuno….chissà!
Non ascolto i detrattori che sicuramente, ovunque spunta il nome di Maurizio Sarlo, si impegnano ad entrare negli articoli, con parole molto offensive, come se vomitassero non so cosa!
E poi vai a vedere i loro profili e ti rendi conto che sono persone che non dicono nulla, come se certi profili nemmeno esistessero….e pensare che c’è chi li segue, e li seguono perché sono delusi, amareggiati, disperati.
Non mi meraviglio quando leggo che ci sono minacce di morte, oltre alle offese…non avevo dubbi su questo.
In fondo cambiare il mondo, un mondo dove la pace pare non avere posto, richiede avere una certa determinazione, senza la quale non sarebbe possibile mettere la propria fiducia in una persona se non ha la determinazione del raggiungimento dell’obiettivo fissato.
Questo mondo ha bisogno di persone che vivono costantemente nel desiderio di benessere, equilibrio, miglioramento su tutti i fronti, perché di questo passo, anche se qualcuno sta coltivando solo per il proprio orticello, anche quell’orticello scomparirà, basta guardarsi intorno e aprire gli occhi, ma sul serio!


Su tutti i fronti troviamo una degenerazione da fare spavento, e riconoscendo da dove arriva tutto ciò, sarebbe ora di unirsi per questo cambio di paradigma, senza tentennamenti ma decisi e soprattutto uniti, nonostante le difficoltà che si presenteranno, e non semplicemente lamenti e pianti senza fare nulla, nemmeno un piccolo passo per dare il proprio contributo.
Detto questo, riconosco che Maurizio Sarlo ci sta mettendo veramente molto per portare il Progetto Mondo Migliore ad essere a disposizione di tutti, anche di coloro che ancora non ne vogliono sapere, convinti che già “sanno”, e di coloro che non hanno avuto modo di sapere.
Il cambiamento deve essere alla portata di tutti, invece di continuare a vivere una vita dove l’ambiente, il regno animale, l’essere umano, possano ritrovare l’equilibrio che purtroppo non sono stati in grado di vivere fino ad oggi, continuando ad essere vincolati da un sistema che sta degenerando la vita su questo pianeta.

Ci vuole così tanto a capirlo? Davvero qualcuno vuole affermare che è meglio vivere in questo sistema piuttosto che provare ad unirsi e costruire un mondo migliore insieme? Mah! Io non lo capisco, sinceramente!
Qualsiasi cosa accada, la mia scelta è di dare forza al Progetto Coemm, perché consapevole che di questo passo non ci sarà giustificazione che tenga per rinunciare a dare forza al Progetto, partendo da noi. E non c’è molto tempo!
Buon Mondo Migliore a tutti!

 

Condividi su: