Home>Blog>Cronaca>Il pensiero e il giudizio..
Cronaca

Il pensiero e il giudizio..

La riflessione richiede tempo, perché chi riflette già per questo non ha modo di esprimere continuamente giudizi.” Carl Gustav Jung

Lavoro quattro ore al giorno con uno stipendio pieno, perché è necessario che riprenda il tempo che mi è stato tolto, tempo prezioso per riflettere, per pensare e quindi, come dice il sacro detto “Prenditi del tempo per ….”, per non cadere nella trappola del giudizio, giudizio comunque affrettato, che esce da una reazione impulsiva, dovuta ad accumulo di stress, a problemi economici, a mancanza, soprattutto, di tempo.

Ecco la conseguenza di un cambiamento di legge che è fondamentale: un posto di lavoro a quattro ore giornaliere con uno stipendio pieno per arrivare a fine mese senza doversi “impiccare” (che non è affatto normale), per potersi gestire la vita dando del tempo anche, e soprattutto, alla riflessione, e limitando il più possibile i giudizi, in particolare giudizi che distruggono i rapporti tra le persone e lasciano dell’amaro in bocca e nell’animo.

Il Progetto Coemm mette l’importanza del tempo al primo posto, insieme a quella economica, che comunque è sempre collegata a poter essere maggiormente liberi per poter riflettere, valutando bene i valori della vita, prendendo con calma delle decisioni sagge, e avere una vita piena e degna di essere vissuta, dedicandosi in particolar modo a chi ci è caro.

La gentilezza delle parole crea fiducia. La gentilezza di pensieri crea profondità. La gentilezza nel donare crea amore.” Lao Tse

La gentilezza è una pianta che richiede tempo fino a che possa essere visibile e, soprattutto, essere visibile con un cuore sincero.
Ciò che crea la gentilezza parte dal cuore, il nostro cuore, quello spirituale, che viene in continuazione attaccato da prove costanti soprattutto in un mondo dove ciò che predomina è l’egoismo, il proprio ego. Prendersi del tempo per coltivare questa pianta è fondamentale per poter condividere un atteggiamento di unità e di armonia, trasmettendo fiducia e serenità, elementi mancanti molto spesso nelle relazioni fra gli esseri umani.

La via del saggio è agire, ma non competere.” Lao Tse

Le competizioni non fanno parte di chi vuole sinceramente un mondo migliore.
Le competizioni appartengono al mondo vecchio, e chi vede nel Progetto mondo migliore una gara tra chi è più forte e resistente, o più intelligente, o più intraprendente…..beh….allora qualcosa non quadra. La saggezza non appartiene a questo, ma una persona saggia agisce, non resta a guardare, non rimane alla finestra. La sua azione appartiene alla sua essenza. Nessuno è uguale all’altro, siamo tutti dei pezzi unici ed ognuno agirà a seconda dei propri talenti, dopo averli riscoperti e messi al servizio della comunità. Questo è il cuore del Progetto Coemm: il nostro Valore che viene allo scoperto e messo all’opera!

Come dice Maurizio Sarlo: “Se una nonna sa fare le torte, insegnerà ad altri che hanno interesse a farle”.

Un albero il cui tronco si può a malapena abbracciare nasce da un minuscolo germoglio.
Una torre alta nove piani incomincia con un mucchietto di terra.
Un lungo viaggio di mille miglia si comincia col muovere un piede.” Lao Tse

Il mondo migliore è questo: si inizia da poco ma si continua costanti a crescere fino al raggiungimento dell’obiettivo, che è appunto rendere la nostra vita migliore. Ognuno di noi inizia con  l’azione, ma azione esente da giudizi che vogliono frenare questa crescita, giudizi che hanno lo scopo di diffamare e di bloccare.
La riflessione è necessaria per portare a cambiare il mondo che ci circonda, ma anche il mondo che abita in noi.
Facciamo parte di questa meraviglia, ed è giunto il momento di rimettere le cose al loro giusto posto.

Colui che conosce il proprio obiettivo si sente forte: questa forza lo rende sereno; questa serenità assicura la pace interiore; solo la pace interiore consente la riflessione profonda; la riflessione profonda è il punto di partenza di ogni successo.” Lao Tse

Conoscere il proprio obiettivo è il segreto che fa scaturire quella forza necessaria all’azione.
Io sono per l’obiettivo di un Mondo Migliore….e tu?

Condividi su: