Home>Blog>Cultura>Maura Luperto: Sui sentieri del mito: Iacco
Cultura

Maura Luperto: Sui sentieri del mito: Iacco

Iacco, divinità minore che ci introduce ai Misteri Eleusini, riti che si svolgevano due volte all’anno e che portavano gli iniziati che vi partecipavano ad avere la certezza della vita dopo la morte .  Iniziazione e purificazione che , nella credenza, permettono di continuare a danzare anche nell’Ade in luoghi ricchi di splendore; i Mysteria rappresentavano la festa dell’entrata nell’oscurità e dell’uscita attraverso la luce,  e la loro segretezza era costituita principalmente  dal fatto che l’esperienza vissuta era indicibile a parole trattandosi di un’esperienza di mutamento di coscienza, spesso accompagnata a forme di panico o di possessione per l’intimo incontro con gli dei.   La festa notturna simboleggia l’incontro con l’ignoto.   Essendo collegati a Demetra, i Mysteria portavano in sé messaggi di vita e di speranza,  rinascita attraverso il soffio vitale presente nel grano, rappresentazione del ciclo della vita.  Iacco, condottiero dei Mysteria, viene rappresentato come un fanciullo che , danzando con una torcia, guidava la processione attraverso la via sacra da Atene ad Eleusi. 

Roberta Rebella

.

Riflessioni di Maura Luperto
Presidente COEMM INT’L
– febbraio 2019

 

Sui sentieri del mito: Iacco

Figlio di Demetra o di Persefone e di Zeus, in alcuni testi figlio di Dioniso e di una ninfa, era venerato all’interno dei culti misterici di Eleusi, protetti da segretezza assoluta.
Non pare che avesse un posto determinato nel culto di Eleusi né nei riti dell’iniziazione; come non aveva un tempio suo proprio nella città dei misteri, dove era piuttosto ricevuto come un ospite straniero. Alcuni ritengono perciò che esso non fosse, in origine, che la personificazione del grido di giubilo con cui si salutavano le due dee eleusine.
Durante le feste il sacro corteo movendo dall’agorà, andava a prendere l’immagine di Iacco venerata in un santuario ateniese, probabilmente nello Iaccheion dove si trovava anche un gruppo delle tre divinità eleusine. Di qui l’immagine del dio, fra danze e canti, veniva portata, lungo la via sacra, ad Eleusi, dove la processione arrivava sul far della sera ed era accolta al lume di fiaccole.
I celebranti pregavano allora Iacco che, quale astro notturno, li guidasse alla sacra festa che doveva svolgersi sulle rive della baia eleusinia, dove l’eco dei monti ripeteva i canti degl’iniziandi e le onde del mare riflettevano le luci di miriadi di torce. La festa durava tutta la notte e il giorno successivo che veniva appunto designato come “giorno di Iacco”.

Nessuna descrizione della foto disponibile.
Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *