Home>Blog>Cronaca>Maura Luperto: Libera nos a malo
Cronaca

Maura Luperto: Libera nos a malo

 

Riflessioni di Maura Luperto
Presidente COEMM INT’L
– Ottobre 2018 –

Talvolta l’input alla guarigione è innescato da un atto magico che noi stessi inconsciamente richiediamo al medico o al terapeuta…. Roberta Rebella

Libera nos a malo.

La relazione medico paziente si struttura a seguito di una sofferenza che porta chi sta male (il paziente) a chiedere al medico di essere curato. Cioè che “si prenda cura di lui”, che faccia a lui su di lui, con lui, qualcosa che gli permetta di sentirsi e di funzionare meglio in quanto “liberato dal male” .
Ma proprio questa espressione “liberato dal male” introduce nel contesto in cui avviene l’intervento sanitario, che è tecnico per eccellenza, aspetti di tipo magico, simbolico, regressivo.
In realtà questa invocazione rivolta al medico è la stessa contenuta nella più significativa tra le preghiere cattoliche. Ci si rivolge a Dio dicendo: “Liberaci dal male”.
Quindi ancora oggi il magico e il religioso, seppur mascherati e nascosti, contribuirebbero alla costituzione della relazione medico- paziente, anche quella più tecnica.
Quindi è la relazione che si struttura tra malato e colui che si “prende cura” che è determinante al fine di “liberare dal male”.
E di conseguenza innesca il meccanismo della guarigione.

L'immagine può contenere: una o più persone, frutta e cibo

 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *